Si deve scegliere tra la Storia Medievale e l’Informatica?

Un articolo uscito il 9 giugno 2014 su Key4biz riporta di una vivace reprimenda fatta da Eric Schmidt, presidente di Google, all’Italia, perché incapace di formare i giovani alle nuove tecnologie; ad essa il ministro Franceschini avrebbe così ribattuto: “ogni Paese ha la sua peculiarità, noi magari abbiamo giovani più competenti in storia medievale”.

Andando a leggere l’articolo si capisce meglio il contesto. Il botta e risposta è avvenuto in un confronto pubblico alla Facoltà di Architettura dell’Università La Sapienza di Roma. Da un lato il presidente di Google ha indicato nella mancata preparazione tecnologica una delle forti concause del 46% di disoccupazione giovanile che attualmente colpisce il nostro paese. Dario Franceschini, probabilmente infastidito dalla critica e contrario alla “globalizzazione” che – nel bene e nel male – ha portato la crescita esponenziale di Google, ha voluto sottolineare la nostra differenza culturale, in un modo che fa cadere le braccia dallo sconforto. Continua la lettura di Si deve scegliere tra la Storia Medievale e l’Informatica?

Il blog entra in Accademia

[Questo vorrebbe essere il primo di una serie di post in cui parleremo di cosa significa scrivere blog in ambito accademico. Vorrebbe essere un modo per orientarsi e per capire meglio come si possono usare questi nuovi strumenti di comunicazione, insieme una guida per il neofita e un modo per riflettere sugli strumenti da parte di chi invece li conosce già.]

Il fenomeno del blogging, tra le varie forme di scrittura online quella che forse ha avuto il maggior successo,1 ha contaminato anche il mondo universitario, dando vita a forme e a modalità di scrittura che stanno cambiando il modo di rendere pubblica la ricerca (e forse anche il modo di farla). Internet, il web e i diversi strumenti di pubblicazione online rendono ormai possibile la condivisione non solo dei risultati finali della ricerca, come avviene da tempo con la stampa di libri ed articoli, ma anche di quelli intermedi, preparatori, che in passato venivano condivisi e discussi principalmente con la partecipazione a conferenze e convegni e che invece adesso possono entrare in una rete di comunicazione molto più vasta, coinvolgendo tutti (o quasi) gli aspetti e i passaggi del processo di ricerca. Continua la lettura di Il blog entra in Accademia

Web historiography (Fare storia del web)

[Contributo di Federico Nanni, dottorando in Scienza, Tecnologia e Società dell’Università di Bologna]

Da qualche tempo ho iniziato a riflettere su quale sia l’impatto che l’utilizzo di nuove tecnologie sta avendo su quello che familiarmente chiamiamo “il mestiere dello storico”. Ho letto perciò con molto interesse i due interventi di Enrica Salvatori pubblicati qualche tempo fa su questo blog; tali post sono riusciti infatti a mettere in luce diverse questioni sulle quali anche io, da giovane “storico digitale”, mi sto soffermando. Tra tutte mi ha colpito, nell’articolo del 29 marzo, la riflessione sul rapporto di collaborazione che si sta andando a consolidare in questi anni tra storici e informatici. Riflettere su come articolare questa collaborazione e quali conoscenze sia necessario sviluppare, è sicuramente il punto di partenza fondamentale per ridiscutere le competenze di base dello storico nel ventunesimo secolo. Continua la lettura di Web historiography (Fare storia del web)

Filologia digitale: problemi e prospettive (Tavola Rotonda)

ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI

CENTRO LINCEO INTERDISCIPLINARE «BENIAMINO SEGRE»

Venerdì 6 giugno 2014
Roma, Palazzo Corsini, Via della Lungara 10
Fino alle ore 10 è possibile l’accesso da Lungotevere della Farnesina, 10

Tavola Rotonda

Filologia digitale: problemi e prospettive

Rappresenta ormai un risultato consolidato nelle discipline umanistiche che la macchina informatica oltre a consentire uno straordinario incremento dell’accessibilità ai testi possa favorire la gestione di alcuni nodi problematici delle procedure tradizionali (non per caso nodi soprattutto “quantitativi”: indici, concordanze, rimarii, ricerca automatica di occorrenze, etc.). Continua la lettura di Filologia digitale: problemi e prospettive (Tavola Rotonda)

Discussione attorno agli atti della conferenza DIgital HUmanities LUxembourg (DIHULU) del 2009, Contemporary History in the Digital Age

Presentazione del libro

L’HISTOIRE CONTEMPORAINE À L’ÈRE NUMÉRIQUE Contemporary History in the Digital Age

(Peter Lang, 2013)

hist_cont_ere_numerique_unibo_28_5_2014

Continua la lettura di Discussione attorno agli atti della conferenza DIgital HUmanities LUxembourg (DIHULU) del 2009, Contemporary History in the Digital Age

Un convegno a Roma su “Shoah e negazionismo nel Web: una sfida per gli storici”

Interrogarsi sul ruolo del web nel promuovere il “negazionismo” dell’Olocausto perpetrato dai Nazisti e dai loro alleati durante la Seconda Guerra Mondiale sarà lo scopo di un importante convegno scientifico che avrà luogo a Roma la prossima settimana.

Come si sa, non vi è attiva presenza degli storici accademici nella rete di storia, e il digitale -almeno le nuove forme di scrittura e di partecipazione sociali-, viene usato per parlare del passato e delle nostre memorie spesso fuori dai contesti universitari, abbandonando la rete a chiunque intendesse promuovere memorie di parte non contestualizzate e narrazioni storiche “alternative”. L’iniziativa della Sissco contro il “negazionismo“che segue altre iniziative contrarie all’instaurazione di una verità storica per legge, avrà luogo nella sede dell’Università di Roma 3 e anche presso il Senato della Repubblica. Essa tenderà anche a sopperire all’assenza cronica degli storici dal web di storia, interrogandosi sul da fare nel campo della storia pubblica digitale e sulle modalità di comunicazione e il linguaggio utilizzato dai negazionisti nella rete. Continua la lettura di Un convegno a Roma su “Shoah e negazionismo nel Web: una sfida per gli storici”

CFP: La metodologia della ricerca umanistica nell’ecosistema digitale – Terzo convegno annuale dell’AIUCD

Terzo convegno annuale dell’AIUCD
La metodologia della ricerca umanistica nell’ecosistema digitale

Scuola di Lettere e Beni Culturali
Università degli studi di Bologna
Via Zamboni 38 — 40126 Bologna

18-19 Settembre 2014

Invito all’invio di contributi

Il terzo convegno annuale della Associazione per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale – AIUCD 2014 – è dedicato al ruolo delle Digital Humanities nella ricerca delle discipline umanistiche.

L’informatica ha sollecitato una ridefinizione dei processi teorici e metodologici nelle scienze umane, contribuendo anche ad una ri-concettualizzazione dei saperi delle discipline tradizionali. Arte, archeologia, filologia, filosofia, linguistica, scienze del libro e del documento, storia, ma anche discipline sociali e della comunicazione si avvalgono dei metodi della computer science per formalizzare i rispettivi ambiti di ricerca, per innovare pratiche e procedure. Ne consegue una profonda ridefinizione dei paradigmi disciplinari. Continua la lettura di CFP: La metodologia della ricerca umanistica nell’ecosistema digitale – Terzo convegno annuale dell’AIUCD

FEB: la risposta russa alle biblioteche digitali

[Contributo di Virginia Pili, laureanda di Lingue e Letterature e Filologie Europee (LEFE) dell’Università di Pisa]

La FEB (Fundamentalnaja elektronnaja biblioteka – Biblioteca Elettronica Fondamentale ) nata da un progetto del Ministero per la Comunicazione e l’Informazione della Federazione Russa, rappresenta un elemento di grande interesse nel panorama mondiale delle biblioteche digitali. Si tratta infatti della prima grande biblioteca accademica digitale nel settore della letteratura russa, copre le opere pubblicate dal XI al XX secolo e si presenta come un utile strumento di lavoro per gli studiosi, fornendo loro alcuni strumenti per l’analisi dei testi.
Ciò che rende unica FEB nel contesto russo sono i principi alla base della scelta delle risorse che entrano a far parte del loro database: di ogni autore sono presenti le edizioni più autorevoli delle opere complete, che sono state digitalizzate mantenendo l’estrema accuratezza dei riferimenti bibliografici, esattamente come se si stesse utilizzando la versione cartacea. Continua la lettura di FEB: la risposta russa alle biblioteche digitali

Informatica Umanistica… quindici anni dopo

[Articolo già apparso su Infolet. Lo ripubblichiamo sperando di alimentare un dibattito su passato presente e (soprattutto) futuro dell’informatica umanistica e della cultura digitale in Italia.]

Quindici anni fa si celebrava a Roma, presso l’Università La Sapienza, un convegno internazionale di Informatica Umanistica che avrebbe dato impulso a molti progetti importanti (fra cui la prima biblioteca digitale italiana di testi letterari). La ragione per la quale ripropongo questo pezzo vintage (for an English version see here) è la triste vicenda delle abilitazioni nazionali, dove la maggioranza dei candidati che praticano l’IU si sono visti negare l’abilitazione a professore associato o ordinario proprio in virtù di tali competenze. Venti (e in taluni casi trenta) anni di ricerche e risultati scientifici non hanno minimamente intaccato la percezione che l’informatica umanistica – anche nella più attraente veste di Digital Humanities – sia disciplinarmente orfana o peggio aliena, inclassificabile, non valutabile, “incongruente”, ecc. Leggendo i due paragrafi del testo sotto e la lettera recentemente proposta dall’Associazione Italiana di Informatica Umanistica e Cultura Digitale, la sensazione di déjà vu è inquietante: non sembrano passati quindici anni ma quindici giorni. Continua la lettura di Informatica Umanistica… quindici anni dopo

I saperi minimi per lo storico digitale: la domanda

La storia è una disciplina antica, che ha affinato scopi, metodi, strumenti e prodotti nel corso di secoli, da Tucidide a Jacques Le Goff, da Tito Livio a Carlo Ginzburg. Come tutte le scienze umane anche il mestiere di storico è in continua evoluzione e viene modificato dai mutamenti della società, dalla mentalità e dalla messa a punto di nuovi metodi di analisi. La domanda che oggi ci assilla è quanto l’irrompere del digitale nella pratica della ricerca e nella divulgazione stia mutando il modo in cui si fa storia, quali nuove opportunità abbia aperto e quali problemi abbia cominciato a presentare.
Se guardiamo alla maggior parte delle produzioni storiografiche degli studiosi di storia (e degli istituti/centri di ricerca a cui fanno capo), si deve riconoscere che l’arrivo del digitale ha portato sovente soltanto a una parziale digitalizzazione della tradizione: ossia si è continuato a pubblicare con le medesime modalità – in monografie, volumi miscellanei o riviste – che possono avere una versione digitale esclusiva o complementare. E-book e riviste elettroniche di storia sono sovente redatti e pubblicati con le medesime procedure dei libri e degli articoli cartacei e presentano l’unico – anche se non trascurabile – vantaggio di una maggiore facilità reperimento, che si coniuga alla possibilità di operare ricerche testuali interne più precise e quindi efficaci. Continua la lettura di I saperi minimi per lo storico digitale: la domanda

La Gold Road dell’Open Access in Italia: riflessioni dopo il Seminario di Firenze

L’Open Access è legge anche in Italia (L.112/2013) e, anche se ancora con delle limitazioni, si è entrati in una fase nuova, in cui deve iniziare una collaborazione stretta tra tutti gli attori dell’editoria scientifica. La CRUI ed in particolare il Sottogruppo Open Access, coordinato dal Prof. Roberto delle Donne ha iniziato una negoziazione con AIE insieme al CUN, per l’applicazione delle regole della Legge riguardo l’Open Access e per aprire la nuova “Gold Road” italiana in partnership con gli editori.

Il Seminario di Firenze, organizzato da AIB CNUR e AIB Sezione Toscana, ha discusso problematiche ed opportunità che si aprono agli Atenei italiani ed in particolare alle biblioteche delle Università per le infrastrutture e servizi di cui hanno bisogno ricercatori e docenti, nel duplice ruolo di creatori e lettori di pubblicazione digitali Open Access.

Valutazione Open EditionE’ stata presentata la piattaforma di Open Edition, con una prima valutazione realizzata dalle Biblioteche universitarie di cinque Atenei (La Cattolica di Milano, L’Istituto Universitario Europeo, l’Università di Firenze, L’Università di Napoli, l’Università di Torino). Continua la lettura di La Gold Road dell’Open Access in Italia: riflessioni dopo il Seminario di Firenze

Intervista a Geoffrey Rockwell

Geoffrey Rockwell, professore canadese di Philosophy and Humanities Computing all’University of Alberta, mi ha concesso un’intervista su una terrazza romana il primo di gennaio 2014, durante la quale abbiamo discusso della situazione delle Digital Humanities (e delle Humanities in genere) e di alcuni tensioni e criticità della disciplina. Abbiamo parlato della sua formazione “ibrida”, tra informatica e filosofia, delle digital humanities in Canada e della nascita, seppure a fatica e non senza problemi ancora da risolvere, di una comunità di ricerca globale. Insomma, uno sguardo panoramico molto ampio sulla disciplina. Continua la lettura di Intervista a Geoffrey Rockwell

Internet for History (Fare storia con il web) – un tutorial

James Moore, Deputy Director del Centre for Metropolitan History (University of London) e  Ylva Berglund Prytz (University of Oxford) hanno pubblicato un sito/tutorial per aiutare gli studenti di storia ad effettuare ricerche sicure ed efficaci nel web: Internet for history, entro il Virtual Training Suite dell’Università di Bristol.
Sono andata a provarlo, anche per verificare se fosse possibile un suo utilizzo nel corso delle mie lezioni.
L’iniziativa appare indubbiamente lodevole anche se con qualche pecca.
Il tutorial si articola in 4 tappe successive:
Tour: What can the Internet provide for History? Repertorio semplificato delle tipologie di risorse che si possono trovare in rete per chi fa (o vorrebbe fare) studi storici. I siti sono sostanzialmente articolati per “provenienza” del materiale: materiali didattici, ricerca, comunicazione accademica, divulgazione e “ricerca in rete”. Continua la lettura di Internet for History (Fare storia con il web) – un tutorial