25 marzo: Dante e l’AiucDì

Dieci anni e due giorni fa, il 25 marzo 2011, un gruppo di pionieri dell’infomatica umanistica si sono raccolti insieme con il nobile scopo di creare una nuova nazione digitale. Il mondo lo notò appena, ma la loro fatica non è stata invano. 

Oggi celebriamo questo decimo anniversario con le parole del primo Presidente dell’associazione e attuale Presidente onorario, Dino Buzzetti.

Fu un bel giorno di sole, in concomitanza con un convegno all’Istituto Universitario Europeo di Fiesole. Un grazie a Anna Maria Tammaro e alla Fondazione Rinascimento Digitale di Firenze che presero l’iniziativa sul solco dei convegni annuali organizzati da Claudio Leonardi alla Fondazione Ezio Franceschini.

Il 25 marzo, come sappiamo, è stato anche l’inizio del viaggio nell’aldilà della Divina Commedia, e per questo è stato proclamato DanteDì dal governo italiano. Di fronte al Sommo Poeta, la proposta di istituire l’aiucDì è passata giustamente in secondo piano. Tuttavia, lo stesso Dante ha voluto testimoniare il suo supporto all’associazione con alcune terzine estemporanee, inoltrate da uno dei soci dell’associazione, Paolo Monella:

Da settecento anni quinci guardo,

e da un decennio, o anime affannate,

osservo il fato vostro aspro e beffardo:

 

di voi dico, lombardi che studiate

de la computazion le conseguenze

negli humaniora studia. Molte fiate

 

vi vedo privi di onorificenze

vagare sanza cattedre né onori,

di rado abilitati alle docenze.

 

E non so dir, ché non pare di fuori,

se sia più profezia o pervicacia

ad ardere ne’ pervicaci cuori,

 

giacché riuniti in lega, con tenacia

diabolica ad errar perseverate

seguendo vostra loïca fallacia.

 

Non sappiamo se il testo sia stato corrotto durante il processo di trasmissione. Immediatamente è stato messo in dubbio se il termine ‘lombardi’ sia una variante d’autore, considerando che non è applicabile nel caso di un’associazione nazionale nata a Firenze. Tuttavia a questa obiezione il suddetto Monella ha risposto sottolineando che ‘lombardi’ è il modo di Dante per dire italiani (Italiani del centro-nord, Toscani compresi).

La questione è aperta. I filologi sono al lavoro. Aspettiamo il loro responso finale.

Accogliamo comunque le parole del Poeta con somma gratitudine, per aver voluto celebrare con noi questo anniversario.  


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search