KRINO @AIUCD: uno sguardo interdisciplinare, inclusivo e polimorfo alle DH

Il primo workshop di AIUCD2021 è stato organizzato da KRINO, un’associazione di studenti ed ex-studenti di Informatica Umanistica (e non solo) che hanno anche contribuito all’organizzazione del convegno.

Dopo il workshop ho incontrato due degli organizzatori, Chiara Paolini e Stefano Capezzuto, e mi hanno raccontato un bel po’ di cose interessanti. Abbiamo iniziato parlando di come è nata la loro associazione, degli scopi, delle cose che avevano fatto, insomma, della loro storia.

KRINO è nata in modo abbastanza informale alla fine del 2018. All’inizio eravamo un gruppo di studenti di Informatica Umanistica di Pisa che sentivano la necessità di estendere il campo delle Digital Humanities non solo agli strumenti e ai metodi, ma a tutte le istanze sociali, etiche, politiche legate alla tecnologia. Volevamo, in sostanza, indagare meglio il rapporto tra tecnica e critica. Da qui il nome, KRINO, che si ricollega al verbo κρίνω, che in greco classico vuol dire separare, discernere, da cui deriva anche “critica”. 

A Pisa il nostro corso di laurea è molto interdisciplinare, ma il rischio è sempre quello di considerare i due aspetti come poli opposti della conoscenza: da un lato le Humanities, dall’altro il sapere scientifico. Quello di cui ci siamo convinti da subito invece – ed è stato uno dei motori che ci ha portato a creare l’associazione – è la consapevolezza che queste due dimensioni sono inscindibili e interdipendenti.  

Al momento siamo una trentina, non tutti dell’Università di Pisa, e non tutti studenti universitari. Non ci sono requisiti di accesso all’associazione e non siamo un gruppo di esperti di Digital Humanities, ma accogliamo chiunque sia interessato alla cultura digitale, indipendentemente dal lavoro e dalla specializzazione, con l’unico vincolo di riconoscersi nei nostri principi di interdisciplinarità, inclusione e poliformismo

Si lavora insieme, si collabora sulla base dei propri interessi e delle proprie sensibilità: è una sfida, ma è anche un modo per crescere, e richiede dei tempi di condivisione e riflessione collettiva.

Intedisciplinarietà e inclusione mi sono abbastanza chiare, un po’ meno polimorfismo…

Interdisciplinarità perché appunto riteniamo indispensabile nelle nostre attività una contaminazione tra discipline e modalità di pensiero diverse, inclusività perché facciamo della promozione delle differenze uno dei nostri punti di forza (come dimostrato ad esempio dai percorsi di riflessione e discussione svolti in merito a temi quali l’identità di genere e i bias algoritmici, e dal modo in cui tali riflessioni hanno influito sulla vita associativa); polimorfismo in quanto non abbiamo adottato un modello organizzativo rigido e siamo sempre pronti a riconfigurare i nostri obiettivi e progetti in relazione al cambiamento (come è successo nel caso della quarantena). 

Anche se siete un’associazione molto giovane, mi pare che avete le idee molto chiare.

Secondo compleanno di Krino, 30 novembre 2020

Certo, in mezzo c’è stato il Covid per voi è stato un po’ il battesimo del fuoco, e un’occasione di crescita. Sopratutto se consideriamo questo vostro intento iniziale di collegamento, di simbiosi quasi, tra scienza e Humanities, un legame e una collaborazione di cui in quest’anno “sbagliato” si è avvertita la mancanza e il bisogno, anzi l’urgenza.

Penso in primis alla questione dei dati, che recentemente è arrivata addirittura nelle aule giudiziarie, coinvolgendo il Tar.

Secondo noi manca una cultura su che cosa esattamente sono i dati. Si parla molto di big data, in genere andando a supporto di una narrazione, soprattutto giornalistica, che tende a presentare i dati come qualcosa di neutrale, di oggettivo, quasi un’istantanea del presente. Numerosi studi nell’ambito della data science, ma anche della data ethics, dimostrano come in realtà i dati sono degli artefatti, ovvero incorporano – sin dalla scelta dei parametri utilizzati per generarli – delle precise visioni umane soggettive. Una provocazione di Iaconesi di qualche anno fa diceva che i dati sono delle opinioni, perché incarnano le ideologie delle persone che si occupano di crearli. 

Una volta generati, poi, si pone tutta la questione della visualizzazione: il modo in cui vengono rappresentati i dati ha degli effetti sull’immaginario di chi vi interagisce, sulla sua sensibilità, sulla sua emotività e quindi sui suoi comportamenti sociali successivi. Anche le neuroscienze dimostrano che proprio a livello cognitivo vi sono modificazioni quando si entra in contatto con questi artefatti. Johanna Drucker sostiene, a questo proposito, che non li dovremmo chiamare data ma capta: non sono già “dati”, come dice Jeffrey Schnapp, ma sono “costruzioni, e quindi delle interpretazioni, che appartengono al settore della cultura e alla vita sociale”. 

In questo senso la spinta interdisciplinare è indispensabile. Probabilmente un’educazione al dato dovrebbe esserci fin dalle scuole superiori, perché, a seconda delle discipline, i dati vengono affrontati da prospettive differenti. 

Uno dei punti di forza di KRINO è concepire le Digital Humanities come un campo di ricerca aperto per definizione: tra di noi c’è chi fa data science, chi studia filosofia della tecnica, chi si occupa di diritto digitale, chi di interaction design, chi di linguistica computazionale, e quindi dialogando impariamo l’uno dall’altra. In KRINO crediamo poi molto nell’auto-formazione come modalità partecipativa per apprendere e posizionarci nel mondo. I QuaranTip sono stati un’occasione anche per realizzare questo.

Ecco, si, parliamo un po’ dei Quarantip, la prima cosa che avete inventato durante la pandemia. Come li definireste,  in poche parole?

Sono stati un tentativo di fare autentica cultura digitale in un momento in cui c’era un bombardamento di informazioni da parte di tutti i media. I QuaranTip sono nati in modo spontaneo nell’associazione, rispondendo ad un bisogno interno; in seguito abbiamo deciso di condividerli anche attraverso i nostri canali social partendo dalla convinzione che le cosiddette competenze digitali non sono un requisito solo tecnico ma anche culturale, e di esse vanno discussi tantissimi aspetti. 

Il lockdown di marzo dell’anno scorso ci aveva imposto di rimodellare l’intera complessità del nostro vivere quotidiano in una forma nuova: eravamo diventati di colpo anche fidanzati digitali, figli digitali, studenti digitali. La quarantena ci offriva, quindi, una duplice occasione: quella di sperimentare un modello di vita dove le tecnologie si imponevano come protagoniste, ma anche quella di riflettere su come la nostra esistenza fosse già pervasivamente “abitata” da quelle stesse tecnologie, anche in contesti nei quali ne avevamo poco coscienza (con le relative implicazioni etiche, sociali, cognitive, biopolitiche).

I temi che avete trattato erano vari: si va da una riflessione sui dati della pandemia (4 aprile) ad un ripensamento delle “competenze digitali” (7 aprile), ad un’introduzione al pensiero computazionale (9 aprile) al dibattito sul contact tracing (13 aprile) ad una trattazione dei “miti” sull’intelligenza artificiale (15 aprile) e dei suoi concetti di base (17 aprile), fino a temi quali la creazione del “volto pubblico” del virus (23 aprile), che ha aperto a esplorazioni di tecniche artistiche mediate da tecnologie digitali (live coding: 29 aprile) o di come, infine, l’offerta culturale, in tempi di clausura forzata, si è trasferita online, in maniera non sempre impeccabile, per usare un eufemismo (2 maggio).

Quindi possiamo dire che è stato un modo per cercare di sensibilizzare su tanti problemi…

Si, abbiamo cercato di collegare elementi informativi diversi, i cui punti di contatto potevano non essere scontati per il pubblico a cui intendevamo rivolgerci.

Ogni QuaranTip è risultato così in una triade di contenuti testuali, corredati da una grafica comune per trasmettere un senso di uniformità. L’idea è stata quella di comporre un contenuto di attualità con un contenuto teorico-critico, che permettesse di inquadrare il tema in una prospettiva più ampia, e infine un contenuto tecnico-sperimentale per esplorare limiti e possibilità della tecnologia scelta. I temi venivano poi ulteriormente approfonditi e sviluppati all’interno di una newsletter settimanale.

Inizialmente la nostra idea era di pubblicare i QuaranTip come post su Facebook e Instagram, ma la cosa poi si è evoluta, anche attraverso contatti con altre realtà italiane e non.

Ad esempio per un tip abbiamo tradotto un documento redatto da AlgorithmWatch, una no-profit berlinese che, durante la discussione sui sistemi di contact tracing (ancora non era uscita l’app Immuni), si era occupata di scrivere questa sorta di manifesto contenente una lista di principi fondamentali per il loro sviluppo

La traduzione dell’articolo ci è sembrata necessaria proprio per favorire quel contatto spesso difficile tra la nicchia di esperti che si impegna in discussioni specialistiche e un pubblico più ampio, in questo caso mettendo a disposizione in lingua italiana contenuti qualitativamente diversi da quelli che, ci rendevamo conto, circolavano molto sui nostri media. 

A questo punto mi è venuto il dubbio se non avessero anche fatto, in maniera sistematica sui social, una sorta di contro-informazione rispetto a quella ufficiale (le famose dirette delle 18, che tutti ricordiamo), e ho provato a chiederglielo. La risposta, sostanzialmente negativa, è stata però interessante, anche per capire meglio che tipo di rapporto hanno col digitale quelli che etichettiamo, semplicemente per la loro giovane età, come “nativi digitali”

Abbiamo più che altro cercato di sensibilizzare chi ha voluto seguirci ad una narrazione più complessa di quella generalmente disponibile sulle principali piattaforme di informazione.
Abbiamo seguito le dirette su Facebook della Protezione Civile durante i primi mesi di lockdown, e siamo stati colpiti anche dalla grande quantità di commenti di persone che cercavano chiarimenti:”ma che significa nuovi casi?”, “sono quelli accertati però non considerando i morti”, “ah, allora i morti non vanno considerati”. Così abbiamo trovato nella riflessione di Salvatore Iaconesi sulla spettacolarizzazione dei dati e sull’effetto provocato da questa pratica sul nostro immaginario una chiave di lettura interessante e complessa di ciò a cui stavamo assistendo, e abbiamo sentito la necessità di condividerla.

Molte riflessioni stimolanti sono nate da subito durante la pandemia, tuttavia in comunità spesso socialmente ben delineate, tra esperti o addetti ai lavori: la nostra intenzione non è mai stata quella di sostituirci all’informazione generalista, ma piuttosto quella di provare ad instaurare un dialogo con gli altri, a partire dai nostri conoscenti meno esperti o interessati al tema, che potesse offrire chiavi di lettura diverse.

Con l’avanzare dei mesi le nostre giornate sono poi lentamente tornate ad essere occupate da altri impegni, di studio e lavorativi, e abbiamo deciso di fermarci per riflettere collettivamente sugli sforzi fatti e sul futuro di questo progetto, in cui ci piacerebbe ancora impegnarci seppure con un format leggermente diverso (abbiamo cominciato con un piccolo esperimento chiamato CuBit).  

Nel frattempo, anche grazie a QuaranTip, l’associazione si è ingrandita accogliendo nuovi membri: come già detto, siamo un’associazione aperta, che non ha una struttura rigida, ma abbiamo un regolamento interno ben strutturato e abbiamo sfruttato i mesi autunnali per impegnarci in un percorso di assemblee plenarie, durante le quali abbiamo condiviso, di assemblea in assemblea, i valori in cui riconoscerci e le pratiche per portarli avanti.

Prima di lasciarci, la domanda quasi d’obbligo è cosa avete in cantiere? quali sono i vostri progetti e le vostre prospettive, come associazione ?

Al momento stiamo vivendo un processo di trasformazione in KRINO. Tutto il lavoro dell’anno scorso, e in particolare QuaranTip, ci ha fatto riflettere su che cosa significa davvero impegnarsi in un’opera di divulgazione e di auto-formazione, compresa la dimensione relazionale tra i soci. Abbiamo passato tutto l’autunno in videoconferenza per capire che tipo di associazione vogliamo essere e come allargare i nostri orizzonti in un dialogo con associazioni non solo studentesche, ma anche di respiro internazionale. 

Il nostro prossimo progetto quindi è l’associazione, prenderci cura di noi stessi e di tutte le persone associate, in quanto il risultato è importante ma forse è ancora più importante il processo che porta a quel risultato. 

Speriamo che questo processo di trasformazione generi altre cose interessanti. Noi continueremo a seguirli.

Per citare questo articolo:

Giorgio Guzzetta, "KRINO @AIUCD: uno sguardo interdisciplinare, inclusivo e polimorfo alle DH", in Leggere, scrivere e far di conto (blog accademico), 1 Febbraio 2021, https://infouma.hypotheses.org/585.


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search