Digital Public History: un invito alla riflessione

[Resoconto scritto a quattro mani da Enrica Salvatori e Giorgio Guzzetta]

La terza e ultima giornata di AIUCD2021 si è aperta, dopo la discussione sui poster presentati nella giornata precedente, con il keyspeech di Andreas Fickers  direttore del Luxembourg Centre for Contemporary and Digital History

Immagine
Andreas Fickers

Fickers apre il suo intervento riprendendo un discorso del 1932 di Carl L. Becker su American Historical Review,  che metteva lo storico accademico al pari  di un qualsiasi ‘”uomo della strada” (everyman), di chiunque debba “capire il passato e anticipare il futuro alla luce della sua limitata esperienza […] ciò che sta facendo alla luce di ciò che ha fatto e di ciò che spera di fare”.

Passano gli anni, dal 1932 al 2018: Becker è ripreso da Ed Ayers, alla luce del mutamento digitale, con l’invito indirizzato agli storici di professione a dialogare e collaborare con chiunque rispetti (siano essi insegnanti, scrittori, blogger, podcaster, registi, documentaristi, archivisti etc.), più che i fatti storici in quanto tali (che non sono mai scolpiti nel marmo, ma sulla sabbia), i documenti e il loro contesto. Everyman their own historian può quindi essere preso come principio sia della Public History, come  della attuale Digital Public History.

Il digitale pone comunque nuovi problemi interpretativi, molto complessi, ed è necessaria una riflessione teorica sull’ ermeneutica digitale. Sul sito omonimo, la digital hermeneutics è definita come un interrogarsi su come i media digitali resistono alla ricca tradizione ermeneutica e ci costringono a problematizzarne gli approcci

Digital Hermeneutics aims to reevaluate and revalue the rich hermeneutic tradition by bringing it into dialogue with material or quantitative approaches. How do digital media resist or problematize hermeneutic approaches, and can we adapt our interpretative toolkits to such objects?

Learn more about Digital Hermeneutics

Fickers individua quattro ambiti di riflessione principali:

  • critica algoritmica (utilizzata inizialmente in campo letterario da Stephen Ramsay, ma applicabile anche ad altri ambiti. In generale, consiste nell’uso di tecniche computazionali e di intelligenza artificiale per la manipolazione e interrogazione dei dati)
  • fonti digitali
  • verifica degli strumenti
  • critica della interfacce

A  monte del concetto vi è la realizzazione che si deve superare la superare la contrapposizione analogico/digitale, La narrazione storica va coltivata e costruita in maniera ibrida, a diversi livelli. “Hybridity is the new normal”. Tra le altre forme di ibridità vanno considerate quelle tra

  • quantitativo e qualitativo
  • front end / back end (considerando il  back end il luogo dove si trova il database in senso proprio, i dati e i documenti nudi e crudi, che poi con specifici algoritmi vengono manipolati e visualizzati in vari modi, perdargli ordine e senso).
  • storico professionista e appassionato

Un esempio delle problematiche legate a questa realtà ibrida viene da uno studio/progetto di Anita Lucchesi, Memorecord, in cui si tenta di ricostruire in  crowdsourcing gli aspetti storici della immigrazione in Lussemburgo. La raccolta (harverst) di memorie tramite la partecipazione spontanea della popolazione si è scontrata con filtri e problemi molteplici legati alle competenze sugli strumenti digitali, al funzionamento dell’infrastruttura per la raccolta e alle caratteristiche stesse dei dati raccolti. La costruzione stessa del progetto ha complicato le consuete e tradizionali problematiche epistemologiche, moltiplicando le zone di incertezza e costringendo la ricercatrice a soluzioni tratte dall’esperienza.

Questo ha portato a coniare un nuovo termine presso il Luxembourg Centre for Contemporary and Digital History (C²DH): thinkering dall’unione di “tinkering” e “thinking”,

Thinking sappiamo cosa significa, ma tinkering?

Il termine è di uso corrente nella pedagogia digitale per indicare una forma di apprendimento informale in cui si impara facendo  (in origine tinkering significa “armeggiare, darsi da fare”). Il C²DH unisce i due verbi per descrivere “giocosa sperimentale con strumenti tecnologici e digitali per l’interpretazione e presentazioni di storie, documenti e dati” mantenendo sempre alta la visione critica di quanto si sta facendo.

“Thinkering” – composed of the verbs “tinkering” and “thinking” – describes the action of playful experimentation with technological and digital tools for the interpretation and presentation of history. Finding new historical insights and innovative forms of narrative are at the centre of the C2DH’s activities.


Usando un’altra metafora Fikers dice che il Digital Public Historian deve avere il coraggio di armeggiare (sperimentare) nella cucina digitale dove la materia prima cruda viene trasformata in un piatto ben cotto.

Oral History in the Digital Age: Beyond the Raw and the Cooked

Questa ermeneutica “nel mezzo” (in betweenness) pone però anche problemi etici, soprattutto quando si guarda al trattamento dei dati. Se rimaniamo convinti che persista la distinzione tra dato grezzo (raw) e suo trattamento (cooked), allora il mutamento digitale ha reso i passaggi di stato estremamente complicati e con molteplici interferenze soprattutto nei progetti che prevedono l’autorità condivisa sulla narrazione storica.

Certamente i nuovi strumenti e infrastrutture hanno aperto nuove enormi possibilità prima impensabili, alla raccolta di memorie condivise un esempio recente è stata la raccolta di testimonianza sulla pandemia che stiamo vivendo).

Tuttavia è necessario anche ragionare come queste stesse iniziative vadano a cambiare o possano influenzare il modo stesso in cui guardiamo al passato. 

Occorre quindi domandarsi come costruire una memory banks collaborativa? Il problema è stato affrontato in un workshop nel novembre scorso, prendendo spunto dalle riflessioni legate alle numerose raccolte di memorie del Covid che sono apparse sul web nel corso della lunga quarantena.

Volendo riassumere, le domande che bisogna farsi sono:

  • quanto è vera la condivisione? Quanto sono realmente partecipati i numerosi progetti aperti a livello nazionale per raccogliere le memorie sulla recente pandemia?
  • quando abbiamo una vera e propria “autorità condivisa” quando in realtà è il digital historian a progettare l’infrastruttura, il modello dati, l’interfaccia, la comunicazione, nonché l’accesso e la conservazione a lungo termine di dati?

Se non abbiamo chiare queste problematiche rischiamo di alimentare dissimmetrie invece di ridurle e di non comprendere che una vera e propria “autorità condivisa” significa anche “responsabilità condivisa”, raggiungibile solo attraverso un disegno collaborativo del progetto stesso.

Il problema riguarda quindi anche la necessità di aderire ai principi FAIR nella gestione dei progetti di Digital Public History.


Cosa offrono i media digitali? Ovviamente molto. La possibilità di realizzare materiali associativi, relazionali, polifonici, stratificati, immersivi, ludici, collaborativi, bidirezionali, dal vivo. E questo consente forme di esplorazione guidate spesso dalla curiosità, più che dalla ricerca: mostre virtuali, storytelling…

Tuttavia è bene ricordarsi che, anche nell’era digitale, “partecipazione” (nell’esplorare un progetto di Digital Public History) non significa “impegnarsi” e che “essere interattivi” non significa “condividere la responsabilità”.


Troppo spesso gli autori di progetti di storia digitale intendono il mezzo solo come una forma di condivisione dei dati senza porsi problematiche di tipo etico. 

Queste invece emergono in maniera chiara ed inequivocabile nel caso degli archivi dei testimoni dell’Olocausto, come nel caso del Visual History Archive della Shoah Foundation. Non è l’unico caso, ma sicuramente il più spinoso per una sensibilità europea, quello che maggiormente interroga la nostra coscienza etica, per la sua indicibilità e per i rischi di spettacolarizzazione quasi voyeuristica. Ovviamente non riguardano solo il digitale, ma la comunicazione in genere. Tuttavia, nel caso in questione, c’è un elemento in più che in qualche modo, come dice Pressner in un suo intervento, deve farci riflettere

To turn Holocaust victims into quantifiable entries in a database and to visualize their lives as data points using colored pixels on a bitmap is, on the face of it, problematic: It presents victims as numbers and digital colors; it abstracts and reduces the human complexity of the victims’ lives to quantized units and structured data. In a word, it appears to be de-humanizing and, even worse, might even partake in the same rationalized logic of modernity that Zygmunt Bauman identified in his seminal work, Modernity and the Holocaust, as the condition of possibility for genocide, namely the impulse to quantify, modularize, distantiate, technify, and bureaucratize the subjective individuality of human experience. And, as we know from the work of Edwin Black, computational processing in the form of IBM’s Hollerith punch card and card sorting technologies automated the process of identifying Jews from census data, registration forms, and other governmental records, and these computational technologies were deployed in Germany and occupied countries throughout the Reich to manage, accelerate, and automate the annihilation of the Jews.

In sostanza, creare una banca dati delle vittime dell’Olocausto rischia di disumanizzarli, cancellandone la dimensione umana e trasformandoli in numeri e dati strutturati. Non è una novità il fatto gran parte delle informazioni sulle vittime dell’olocausto sono ricavate  da una sorta di paranoia del governo nazista d registrare burocraticamente tutto e che proprio tale rigore archivistico è stato uno dei fattori che ha permesso il genocidio (come scrive chiaramente Hannah Arendt nei suoi resoconti del processo di Eichmann). 

Inoltre l’utente non consapevole della creazione del modello dati e della loro modalità di raccolta (le testimonianze orali non sono state trascritte, ma trasformate in parole chiave), difficilmente potrà trasformare la visita alla banca dati in una reale ricerca/scoperta delle vicende o in una visione critica del fenomeno storico.

La cosa inquietante, scrive ancora Pressner, per chi si occupa di archivi digitali, è che questo processo di disumanizzazione, questa riduzione a numeri, non sarebbe stata possibile senza l’aiuto delle macchine IBM, dei primi computer. 

Occorre quindi far attenzione che questa datizzazione non sia disumanizzante e la che visualizzazione non porti ad una spettacolarizzazione. Ovviamente ciò non vale solo nel caso-limite dell’Olocausto, ma anche in altri contesti, anzi, in tutti i contesti, per tutti gli archivi. Su scala diversa, probabilmente, ma è sempre presente. 


Il problema è quindi anche quello di educare i futuri public digital historians a questa ermeneutica “del mezzo”, a chiarire il rapporto tra ciò che è palese, e ciò che invece rimane nascosto, sull’etica relativa all’integrità dei dati conservati e mostrati come anche delle loro modalità di fruizione e dell’influenza che queste stesse modalità potrebbe avere nella visione del passato.

Per citare questo articolo:

Salvatori, Enrica, e Giorgio Guzzetta. “Digital Public History: un invito alla riflessione,” in Leggere, scrivere e far di conto (blog accademico), 4 febbraio 2021, https://infouma.hypotheses.org/523.



Enrica Salvatori

Vedere Crediti Voir Crédits

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search