AIUCD 2021 – Poster – Sessione 2

Ieri c’è stata la seconda sessione di poster, molto ricca di temi che riprendono e approfondiscono quelli generali del convegno. Pubblichiamo una lista qui per chi fosse interessato.

Analisi del sentiment delle Confessioni di Sant’Agostino

Angelica Lo Duca, Andrea Marchetti

Angelica Lo Duca and Andrea Marchetti - Analisi del sentiment delle Confessioni di Sant’Agostino

ABSTRACT

Le Confessioni di Sant’Agostino costituiscono uno dei capolavori della letteratura cristiana di ogni tempo. In quest’opera, costituita da 13 libri, il celebre scrittore descrive il proprio percorso di conversione a Dio. Il presente articolo applica tecniche di sentiment analysis a ciascun libro, attraverso due tecniche, una basata sull’Apprendimento Supervisionato e l’altra sull’Apprendimento Non Supervisionato, al fine di capire lo stato d’animo dell’autore man mano che il percorso di conversione arriva a compimento. Come risultato, si può evincere che mentre nei primi libri i sentimenti positivi sono comparabili a quelli negativi, negli ultimi libri, i sentimenti negativi tendono totalmente a scomparire.

PAROLE CHIAVE:

  • Sentiment Analysis
  • Digital Humanities
  • Sant’Agostino
  • Confessioni.

Digital preservation “FAIRness” and “TRUSTworthiness”: i principi FAIR e TRUST nei contesti di conservazione digitale

Federica Marti

ABSTRACT

La presente relazione introduce i FAIR Guiding Principles for Scientific Data Management and Stewardship e i TRUST Principles for Digital Repositories e ha come scopo il vaglio di alcune esperienze di applicazione di tali principi in ambito internazionale, al fine di fornire una valutazione riguardo l’efficacia del loro impiego nel contesto della conservazione digitale e la coerenza rispetto all’adozione degli standard di conservazione.

PAROLE CHIAVE

  • FAIR
  • TRUST
  • conservazione digitale
  • accessibilità
  • repositories
  • contesto internazionale

Madeleine in Biblioteca. Un laboratorio digitale di ricordi e storie di lettura

Monica Dati   

ABSTRACT

Il presente contributo vuole essere un resoconto del progetto Madeleine in biblioteca, volto al recupero di memorie e ricordi in relazione al molteplice e variopinto rapporto che le persone hanno con la lettura, dall’infanzia all’età adulta. Svolto in collaborazione con la Biblioteca Civica di Lucca, il percorso ha previsto anche la successiva realizzazione dell’omonimo sito web (​www.madeleineinbiblioteca.it ), uno spazio digitale con diverse finalità: promuovere innanzitutto l’importanza della lettura e riflettere sulla sua storia, restituire alla collettività le testimonianze raccolte, infine ricostruire il passato attingendo dalle narrazioni storiche dei non specialisti secondo un approccio di Public History. In questo contesto le biblioteche possono svolgere un ruolo centrale nel collegare mondo accademico e comunità, presentandosi non solo come luoghi dove raccogliere e conservare libri ma centri di esperienza e conoscenza al servizio del pubblico.

PAROLE CHIAVE                   

Public History, Storia digitale, Biblioteche, Storia della lettura


Acquisizioni metodologiche per un’edizione critica digitale: il caso dell’Ars Breviata 

Francesca Michelone   

ABSTRACT

Il poster presenta riflessioni sulla gestione di fonti testuali attraverso ​xi:include e @​resp, sull’utilizzo delle immagini dei manoscritti e sulla relazione segni grafici-glifi ​Junicode, emerse nel corso del lavoro preparatorio per l’edizione critica digitale di un testo latino tardoantico.               

PAROLE CHIAVE                   

  • Edizioni digitali, 
  • Edizioni critiche, 
  • EVT, 
  • Manoscritti, 
  • Annotazione XML-TEI, 
  • ​xi:Include​,
  •  @​resp

Un Historical GIS per lo studio della geografia medica storica

Massimiliano Grava           

ABSTRACT               

In questo contributo illustreremo come l’uso di tecnologie GIS (Geographic Information System) consenta, mettendo mano a fonti storiche impiegate sino ad oggi con finalità quantitative, di realizzare, grazie all’incrocio tra le serie di dati create utilizzando questi dati e la cartografia digitale odierna, studi qualitativi sulla distribuzione dei fenomeni sanitari storici. La fonte archivistica impiegata in questa ricerca per la costruzione del geodatabase è una serie documentaria di straordinario interesse per la rilevante qualità delle informazioni in essa contenuta. Questa fonte, prodotta dall’Ufficio di Sanità in occasione della peste che contagiò la città e il contado di Pisa nel 1630 (calendario pisano), è difatti particolarmente adatta per elaborazioni con questo tipo di applicativi. I documenti prodotti dall’Ufficio di Sanità di Pisa, una dozzina di buste, illustrano le misure adottate per contenere il morbo indicando, in modo più dettagliato per la città rispetto ai vicariati ad essa confinanti, la struttura dei nuclei familiari, il numero dei contagiati trasferiti nei lazzeretti, dei morti e le pratiche adottate per contrastare “il morbo”.                   

Un banca dati geografica che, in epoche di pandemia quale quella che attualmente stiamo attraversando, può essere un utile strumento per prevedere, a parità di condizioni e analoghi contesti, le odierne dinamiche epidemiologiche che attraversano la nostra società.

PAROLE CHIAVE                   

GIS (Geographic Information System), Peste, Ufficio di Sanità.


Political variants mining: computational investigations on authorial variants

Margherita De Blasi, Anna Sofia Lippolis, Gabriella Totaro                           

Gabriella Totaro, Anna Sofia Lippolis and Margherita De Blasi - Political Variants Mining

ABSTRACT                               

How can critical Digital Editions act on the community in the construction of collective ideas and thoughts? The representation and study of Authorial corrections, usually applied to literary texts, becomes of crucial collective interest when involves controversial works of modernity, such as Pietro Verri’s ​Observations on Torture​. Thanks to the potential of the Digital Edition, which makes it possible to represent the change of the Author’s will, self-censorship or the hands of different authors, the project of Political Variants Mining applies the following analysis to a political text. It provides scholars with statistics on corrections, automatically computed starting from the TEI encoding of the text and made easily understandable through data visualization, allowing us to find out not only what has changed in the rewriting of a great political text but also to extend the resulting methodology to other works.                   

KEYWORDS               

Authorial Philology, Authorship, Digital Humanities, TEI encoding, Text mining.


Sharing knowledge digitally; the Muruca case study

Chiara Aiola​, Giulio Andreini​, Francesca Di Donato​, Tiziana Lombardo

Chiara Aiola, Giulio Andreini, Francesca Di Donato and Tiziana Lombardo - Sharing knowledge digitally; the Muruca case study

ABSTRACT

In this poster we present the evolution of ​Muruca1​ ​, a platform that has been conceived as a framework to allow Digital Humanities researchers and research teams to create, curate and share their own Digital Editions. The poster describes the main features of the framework, its evolution over the years in synergy with the researchers’ needs and with the progress of technologies and policies, and the open challenges and opportunities of the framework in a European context.

KEYWORDS                   

Open Culture, Digital Humanities, Digital Libraries, Digital Editions, Electronic Objects.


Tiago Gil - Migrations, displacements and relocations: narrative cartography of movement

“PH-Remix”: un progetto interdisciplinare per la valorizzazione del patrimonio audiovisivo del Festival dei Popoli-Festival Internazionale del Film Documentario di Firenze in ambiente digitale

Giovanni Grasso, ​Chiara Mannari, ​Davide Serramazza

Giovanni Grasso, Chiara Mannari and Davide Serramazza - “PH-Remix”: un progetto interdisciplinare per la valorizzazione del patrimonio audiovisivo del Festival dei Popoli-Festival Internazionale del Film Documentario di Firenze in ambiente digitale

ABSTRACT           

Il seguente contributo mira ad illustrare le finalità previste dal progetto “PH-Remix” (​Public History Remix​) dell’Università di Pisa per la valorizzazione del patrimonio filmico del Festival dei Popoli – Festival Internazionale del Film Documentario di Firenze in collaborazione con la Fondazione Mediateca Toscana (quest’ultima dal 2011 socio FIAF [International Federation of Film Archives]). Un progetto biennale ancora in fase embrionale che ha lo scopo di valorizzare, attraverso la creazione di una piattaforma web basata sull’intelligenza artificiale, l’ampio patrimonio filmico (oltre 25.000 titoli) in diversi formati (pellicole 16 e 35 mm, VHS, U-matic, DVD) raccolto e conservato nel corso dei sessant’anni di attività del Festival dei Popoli; un’eredità culturale in continua espansione grazie allo svolgimento del FdP a cui pervengono annualmente circa 1600 nuove opere.

L’archivio cinematografico del FdP ha cominciato a sedimentarsi sin dalle prime edizioni (la prima è del 1959), quando emerse la consapevolezza tra gli organizzatori di dover conservare un patrimonio culturale cinematografico distante da quelli che erano i circuiti di distribuzione piuttosto tradizionali e convenzionali del tempo. La complessità e la varietà dei titoli presenti nell’archivio riflettono l’evoluzione del cinema documentario negli ultimi sessant’anni per contenuti, stile e linguaggio (in considerazione anche degli oltre settanta paesi partecipanti), che includono le più disparate categorie del cinema documentario da quelle più strettamente antropologiche e sociali a quelle riguardanti la storia contemporanea, la storia dell’arte, la musica, la danza, il costume, l’architettura, i mezzi di comunicazione, l’attualità e l’attualità politica. Fra le varie opere presenti nell’archivio spiccano quelle dei maestri Joris Ivens, Ermanno Olmi, Vittorio De Seta, Ken Loach, Werner Herzog, Marcel Łoziński, Vincent Dieutre, Jean Rouch, Frederick Wiseman e Nagisa Oshima per citarne alcuni.

PAROLE CHIAVE               

Cinema e storia; Remix culture; Intelligenza artificiale; Archivi audiovisivi; Piattaforma web; Digital Public History;


Mu.Vi.A. – Museo Virtuale degli Acquaviva   

Carmine Christian Ruocco

Carmine Christian Ruocco - Musei Virtuali oggi: il caso del costituendo Mu.Vi.A.

PAROLE CHIAVE               

Musei virtuali – Patrimonio – Realtà Virtuale

ABSTRACT                   

Negli ultimi anni la ​virtual reality si è configurata come una delle modalità più idonee a dar vita a nuove narrazioni del patrimonio museale tali da permettere un rapporto più intenso tra i visitatori e i musei stessi.

L’immersione totale del VR permette infatti di rivivere non solo il bene museale in sé ma anche il contesto storico in cui esso era originariamente inserito. Fin qui però le esperienze immersive si limitano a riproduzioni digitali di alcuni singoli beni museali lasciando la contestualizzazione del bene stesso all’esterno dell’esperienza VR, mentre, meno frequentemente si presenta una contestualizzazione interna tramite storytelling e, ancora più rare sono le dirette interazioni degli utenti. Nella maggior parte dei casi, infatti, gli utenti non possono muoversi liberamente né le loro interazioni modificano in qualche modo il mondo in cui sono immersi. Al fine di sfruttare appieno le potenzialità dello strumento e renderlo qualcosa in più di una mera curiosità si potrebbero innestare nell’esperienza VR pratiche comuni al mondo dell’​entertainment​, come la meccanica degli ​achievement,​ capaci di catturare maggiormente l’attenzione degli utenti (come ad esempio provato con ​Toti Submarine VR Experience del Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci).

Andrebbe pertanto tenuto in conto il nucleo realmente innovativo delle nuove tecnologie, evitando di limitarsi a chiedere a società esterne un qualche applicativo tecnologico, con il rischio di delegare anche il processo decisionale sulla “forma”.

In tale filone si colloca il progetto PON ​Museo Virtuale degli Acquaviva: percorsi turistico-culturali tra Abruzzo, Campania e Puglia,​ dell’Università degli Studi di Teramo. Tale progetto persegue il tentativo di creare non solo un museo virtuale che offra diversi gradi di interazione – uno di semplice ​virtual tour e un altro che preveda vere e proprie missioni interattive – ma anche un museo che possa essere interamente progettato e realizzato da chi non è esperto d’informatica, con la sola supervisione tecnica di un’azienda del settore.   

Al giorno d’oggi, chiunque può creare e animare i più svariati oggetti e avatar inserendoli in vere e proprie scene interattive, utilizzando software quali ​Autocad e ​Unity che, pur presentando una notevole complessità, possono essere facilmente appresi tramite ​tools messi a disposizione dalle aziende produttrici e reperibili in rete: ad esempio, ​Unity Learn​, diventato gratuito a seguito dell’emergenza pandemica, ha reso alla portata di tutti aspetti fin qui limitati agli specialist.

In particolare, il Mu.Vi.A. punta ad una ricostruzione interattiva della vita aristocratica nel Regno di Napoli in età moderna, partendo da alcune residenze nobiliari di una delle maggiori casate aristocratiche del tempo, quella degli Acquaviva.

Tale obiettivo è perseguito sia ricostruendo le residenze secondo lo stato del tempo, sia tramite uno storytelling che ha selezionato alcuni eventi occorsi ad esponenti della famiglia permettendo all’utente di riviverli in prima persona. In tal modo sarà, ad esempio, possibile partecipare prendere parte alla riconquista di Atri nel 1508 impersonando lo stesso Andrea Matteo Acquaviva III o incontrare Jacopo Sannazaro divenendone mecenate, o, ancora, giocare una partita a carte esattamente come era solita fare la famiglia nelle giornate invernali a Giulianova. Non si vuole creare una sorta di videogioco sugli Acquaviva, ma si ritiene che un tale approccio possa permettere una conoscenza diretta degli aspetti intangibili del patrimonio umano, quali attività di vita quotidiana, costumi e rituali, specificatamente riferiti al contesto aristocratico del Regno di Napoli.Il progetto, attualmente all’esatta metà della sua durata complessiva di 3 anni, ha attualmente individuato come ​core quattro residenze principali di cui 2 in Abruzzo (Atri e Giulianova), 1 in Puglia (Marchionne) e 1 in Campania (Napoli).


Verso la descrizione automatica delle immagini nell’editoria digitale accessibile: proposta di una tassonomia di immagini per gli algoritmi di intelligenza artificiale       

Chiara De Martin1, Barbara Leporini2, Gregorio Pellegrino

Chiara De Martin, Barbara Leporini and Gregorio Pellegrino - Verso la descrizione automatica delle immagini nell’editoria digitale accessibile: proposta di una tassonomia di immagini per gli algoritmi di intelligenza artificiale

ABSTRACT

In questo contributo viene proposta una tassonomia di possibili tipologie di immagini da poter utilizzare per migliorare la composizione dei dataset di addestramento degli algoritmi di intelligenza artificiale da applicare ai task di classificazione e descrizione automatica delle immagini. Viene altresì sinteticamente illustrato il processo di validazione effettuato nello studio. 25 categorie sono state identificate nella tassonomia proposta.               

PAROLE CHIAVE                   

Editoria digitale accessibile; accessibilità immagini; descrizione alternativa immagini; tassonomia immagini; intelligenza artificiale; Fondazione LIA


Il ruolo del Terzo Settore nella lotta al divario digitale culturale               

Pietro Biase

Pietro Biase - Il ruolo del terzo settore nella lotta al divario digitale culturale

ABSTRACT               

Negli ultimi anni le discussioni e le iniziative per rendere le nostre città più smart si sono moltiplicate, con risultati altalenanti e dipendenti più dalla caparbietà dei singoli che da una capacità diffusa a livello di sistema. Molto spesso ci si è concentrati sull’aspetto tecnico delle smart cities, tralasciando quasi ovunque il ruolo centrale delle persone in questa trasformazione; ma un luogo, una città, una comunità quanto possono davvero definirsi intelligenti se i cittadini non riescono a superare il digital divide di tipo culturale e a diventare parte integrante di essa? Per aiutare l’Italia ad uscire dal grave ritardo rispetto alla maggior parte delle nazioni europee, si stanno muovendo istituzioni, pubblica amministrazione centrale e locale, aziende pubbliche e private, mondo dell’istruzione a tutti i livelli, gruppi di interesse ed entità del Terzo Settore.

PAROLE CHIAVE               

Alfabetizzazione digitale, Associazioni, Cittadini, Collaborazione, Co-progettazione, Digital divide, Istituzioni, Pubblica Amministrazione, Terzo Settore.


Capturing Political Polarization of Reddit Submissions in the Trump Era     

Virginia Morini, Laura Pollacci, Giulio Rossetti

Virginia Morini, Laura Pollacci and Giulio Rossetti - Capturing Political Polarization of Reddit Submissions in the Trump Era

ABSTRACT               

The American political situation of the last years, combined with the incredible growth of Social Networks, led to the spreading of political polarization phenomenon online. Our work presents a model that attempts to measure Reddit political polarization of submissions during the first half of Donald Trump’s presidency. For such a purpose, we design a text classification task in which the political polarization of submissions is assessed by quantifying their degree of alignment with pro-Trump ideologies and vice versa. First, we build our ground truth by picking submissions from subreddits known to be strongly polarized. Then, we perform a model selection by testing different hyper-parameters of a Neural Network with word embeddings and a Long Short-Term Memory layer. Finally, we assess model performances on both the test set and three less polarized corpora.                   

KEYWORDS

Political Polarization, Classification, Text Analysis.

Roberto Limonta and Riccardo Fedriga - Filosofia e digitale: determinismo e pratiche di lettura sul web

Verso la definizione di un modello di codifica per l’edizione digitale delle postille di Giorgio Bassani               

Angela Siciliano, Giovanni Alberto Amato

Angela Siciliano and Giovanni Alberto Amato - Verso la definizione di un modello di codifica per l’edizione digitale delle postille di Giorgio Bassani

ABSTRACT 

Il contributo illustra il lavoro di definizione di un metodo per la codifica e lo studio delle postille di Giorgio Bassani. 

PAROLE CHIAVE       

Filologia Digitale, Filologia d’Autore, TEI-XML, Giorgio Bassani, postille


HUMAN DIGITAL LIBRARY FOR INCLUSION

Luca Bravi               

ABSTRACT                       

Il livello di odio diffuso in Italia verso rom e sinti è tra i più alti in Europa e riguarda l’86% della popolazione del nostro Paese.1​ Il poster intende offrire uno strumento didattico legato all’ambito della ​Public history of education​, in grado di fornire dati corretti rispetto alla presenza ed alla caratterizzazione delle comunità rom presenti nella nostra nazione, ma in particolare capace di costruire spazi di testimonianza diretta che scardinino gli stereotipi massificanti. I documenti in grado di decostruire lo stereotipo collettivo dello “zingaro” sono fatti dialogare con testimonianze orali che compongono una biblioteca digitale umana, fatta di persone appartenenti alle comunità che narrano la propria storia personale, ma anche le vicende d’inclusione/esclusione e di scolarizzazione con l’obiettivo di costruire nuovi quadri di memoria collettiva, privi di facili generalizzazioni e pregiudizi.

PAROLE CHIAVE                   

Inclusione, public history of education, hate speech, antidiscriminazione, didattica


Towards the unchaining of symbolism from knowledge graphs: how symbolic relationships can link cultures.

Bruno Sartini​, Aldo Gangemi       

Bruno Sartini and Aldo Gangemi - Towards the unchaining of symbolism from knowledge graphs: how symbolic relationships can link cultures.

ABSTRACT

The aim of the work here proposed is to address the lack of information concerning symbolic meaning in linked open data of the Cultural Heritage domain. Moreover, it is emphasized how this issue limits the interconnections between cultures and cultural heritage items. A review of the current semantic databases and their methods to encode symbolism is presented. Then, an empirical experiment is conducted by describing the symbolism of 15 elements depicted in a CH item using a prototype ontology. The symbolism of those elements has been expanded by including information from a renowned source, and a knowledge base has been created which includes their potential symbolic meaning according to different cultures. This KB has later been matched to a dataset of 3197 paintings, belonging to various genres, extracted from Wikidata. An initial quantitative and qualitative analysis of the results of the matching is presented to demonstrate the potential of a linked data-based semantic representation of symbolism.

PAROLE CHIAVE           

Symbolism; Knowledge Graphs; Cultural Heritage; Semantic Web


MIMA: a data model to represent multi-disciplinary analysis on manuscripts. Use case on Pellegrino Prisciani’s ​Historiae Ferrariae

Valentina Pasqual, Marilena Daquino, Francesca Tomasi

ABSTRACT                   

This research aims to explore and advance scholars’ understanding of the coexistence of multiple interpretations in a formal framework, by providing a practical solution to represent them. The state of the art, the adopted methodology and approach, and the results applied on a significant case study are shown. The research has been narrowed by working on a use case – the collection of lectures called ​Scrivere, rappresentare, conoscere nel rinascimento. Pellegrino Prisciani, un intellettuale eclettico tra la corte e il mondo​. As a result, MIMA (Multi-disciplinary Interpretations model on Manuscript Apparatus) aims to formally represent these aspects by leveraging Semantic Web technologies and the systematic reuse of already existing ontologies.

PAROLE CHIAVE                   

Semantic web, cultural heritage, manuscript, data modelling, interpretation, contestability


Alice’s Adventures in Digital Humanities        Mario Valori 

Mario Valori - Alice's Adventures in Digital Humanities

ABSTRACT                           

‘Digital humanities’ è un concetto sfumato e, per certi versi, chimerico, difficile da definire senza porre confini troppo angusti o, al contrario, lasciare eccessivi spazi interpretativi. Se questo è vero per esperti e ricercatore, quale può essere la percezione di ‘digital humanities’ per i non addetti ai lavori? Che significato assume questa espressione in chi non se ne occupa professionalmente e a che ambiti viene ricollegata?

Attraverso un’indagine linguistica qualitativa che ha coinvolto 618 studenti liceali, arriviamo a comprendere come le ‘digital humanities’ siamo assimilate nell’immaginario collettivo al concetto e alle pratiche di ‘e-learning’: un risultato che sottolinea la necessità di una riflessione sull’importanza della divulgazione delle digital humanities anche in settori e ambiti non strettamente accademici.

PAROLE CHIAVE               

digital humanities – percezione – definizione – divulgazione


Citizen curation and NLP technologies for museums in the SPICE Project               

Andrea Bolioli​, Alessio Bosca, Anna Maria Marras, Rossana Damiano, Antonio Lieto

ABSTRACT

In this paper we briefly present some aspects of the EU H2020 Research & Innovation project “SPICE – Social cohesion, Participation, and Inclusion through Cultural Engagement” (2020-2023), which aims to develop methods and technologies to support citizen curation of museums. In this paper we will focus on the topic of multilinguality, connected with Natural Language Processing (NLP) and semantic technologies, and the case study located in the Turin Gallery of Modern Art (GAM).               

KEYWORDS

Inclusion, Museums, Natural Language Processing, Citizen curation, User engagement

Per citare questo articolo:

Giorgio Guzzetta, "AIUCD 2021 – Poster – Sessione 2", in Leggere, scrivere e far di conto (blog accademico), 22 Gennaio 2021, https://infouma.hypotheses.org/521.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search