“Homo-Loggatus”: Uomo e macchine nella nicchia ecologica digitale.

In questo breve articolo, Salvo Spina introduce il concetto di “Homo-Loggatus”, ossia lo status dell’essere “loggati” alla dimensione digitale, intesa come nicchia ecologica, per operare in essa, in equilibrio con la tecnologia.

In this post, Salvo Spina introduces the concept of “Homo-Loggatus”, that is the status of being “logged in” to the digital dimension, understood as an ecological niche, to operate in it, in balance with technology.

Internet, i social network e, più in generale, il mondo digitale, sono alcuni dei temi che hanno avuto una loro trattazione, negli anni, anche nella Filosofia: l’Information Philosophy di Luciano Floridi, ad esempio, che ha introdotto i concetti di “infosfera” e “onlife”; il filosofo teoretico Maurizio Ferraris ha elaborato quelli di “documentalità” e “documanità”, legati soprattutto al mondo del web.

Ma la relazione “uomo-macchina-web-digital environment”, in una concettualizzazione di ‘digitalizzazione’ sempre più profonda degli spazi vitali, necessita di una ancor più adeguata specifica riflessione, la quale deve partire dall’assunto che il mondo digitale è una dimensione che coglie alcune delle caratteristiche delle “nicchie ecologiche” (Giller 2012; Sultan 2015), ossia quel luogo – Floridi esprime, come detto, il concetto dell’«onlife» (Floridi 2015) –  in cui ogni essere vivente svolge una funzione in grado di garantire l’equilibrio vitale dell’ecosistema e della biodiversità.

Certamente, se vero che proprio la diversità biologica è totalmente inesistente in ambiente digitale, è paradossalmente vero che la tecnologizzazione sta operando verso il venire in essere di humandroid, postumani (Hayles 1999; Pepperell 2003) e cyborg (Weiss et al. 2007), che, se da un lato mostrano un futuro “poco umano”, da un altro lato ha ampliato il discorso, da sempre vivo, sull’intelligenza e la mente (Biuso 2009; Carli 2003), le quali, però, richiedono una rivalutazione: l’uomo non si digitalizza nei termini di codificazione in “bit”, né la sua mente – qualora fosse individuata – potrà essere “installata” all’interno di CPU, così come, invece, teorizzato da alcune progettualità che diedero vita alla prospettiva del “Mind-Uploading”.

Per quanto possa l’uomo, infatti, dotarsi di sofisticate tecnologie per potenziare o sostituire parti del suo corpo – ambito in cui soprattutto la Scienza Medica dà enormi risultati, aprendo verso incoraggianti prospettive (Eden et al. 2022) –, ragione e intelletto non potranno essere meccanizzati, informatizzati e datificati. Tutto quello che è IA resta qualcosa di diverso, a sé stante.

Il processo di digitalizzazione e virtualizzazione, in realtà, sta dando vita ad una “nicchia ecologica digitale” in cui uomo e macchina si trovano a vivere in costante equilibrio (la preciso biotecnocenosi), a cui l’human accede mediante delle informazioni che lo identificano e che lo portano ad acquisire quello che definisco status antropologico di Homo-Loggatus (uomo loggato – logged-in man), ossia il soggetto che si dota di elementi identificativi che gli consentono di far parte della nicchia ecologica digitale.

Quella che viene considerata “digitalizzazione” è, in realtà, l’acquisizione di un’identità che è trasposizione informatica del dato nominale e cognominale analogico; solamente l’acquisizione di questo status antropologico garantisce la partecipazione alla nicchia ecologica digitale, in profonda interconnessione con le ICT. E tale condizione diventa, successivamente, fase determinante della finalità – la “funzione” – dell’essere loggati, ossia il costituire un’entità cognitiva (agente) che è sintesi uomo-macchina, la quale avrà la capacità di analizzare digitalmente il complesso di dati presenti nel mondo digitale, grazie alla potenza di calcolo delle tecnologie informatiche, ed inferire (attribuire) significati ai risultati in chiave analogica.

E sono proprio l’Homo-Loggatus e il venire in essere dell’agente cognitivo, che consentono di ricostituire il dibattito sul postumano, riallocare la macchina (in primis l’IA) nelle paratie del suo fondamento primario, ossia nella sua funzione di innovativo e potente strumento dell’uomo, e riannodare il termine “intelligenza” allo status di qualità (in senso aristotelico) dell’essere vivente biologico. Si può uscire dalla fuorviante denotazione di un qualcosa che non è un elemento dell’insieme ‘Essere Intelligente’, pur rimanendo vero il fatto che i progetti di emulazione della corteccia cerebrale o l’evoluzione delle CPU/GPU hanno dato la possibilità di costruire tecnologie in grado di formulare costrutti linguistici e rispondere a funzioni d’analisi linguistiche sempre più complesse (come gli LLM, tra i quali GPT).

L’Homo, che aveva già acquisito lo status di “Technologicus” (Longo 2001), ossia il sapiens che progetta, realizza e costruisce lo strumento meccanico, tecnologico e informatico, oggi entra in una connessione complessiva che necessita di un livello di riconoscimento volontario e consapevole, che lo “logga” e che consente una interrelazione anche neuro-linguistica – in futuro, probabilmente, generalizzata (transumano) – con sistemi tecnologici e interfacce (Nuyujukian et al. 2018; Willett et al. 2021) in grado di rispondere alla necessità umana di produrre conoscenza.

Riferimenti

Biuso, Alberto Giovanni. 2009. La mente temporale: corpo, mondo, artificio. Carocci.

Carli, E. 2003. Cervelli che parlano. Il dibattito su mente, coscienza e intelligenza artificiale. Pearson Italia S.p.a.

Eden J., Bräcklein M., Ibáñez J., Barsakcioglu D.Y., Di Pino G., Farina D., Burdet E., Mehring C. 2022. ‘Principles of human movement augmentation and the challenges in making it a reality’. Nature Communications. 13:145. https://doi.org/10.1038/s41467-022-28725-7.

Floridi, Luciano. 2015. The Onlife Manifesto. Springer-Verlag GmbH. https://link.springer.com/book/10.1007/978-3-319-04093-6.

Giller, Paul. 2012. Community Structure and the Niche. Springer Science & Business Media.

Hayles, N. Katherine. 1999. How We Became Posthuman: Virtual Bodies in Cybernetics, Literature, and Informatics. University of Chicago Press.

Longo, Giuseppe O. 2001. Homo technologicus. Meltemi Editore srl.

Nuyujukian, Paul, Jose Albites Sanabria, Jad Saab, Chethan Pandarinath, Beata Jarosiewicz, Christine H. Blabe, Brian Franco, et al. 2018. Cortical Control of a Tablet Computer by People with Paralysis. PLOS ONE 13 (11): e0204566. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0204566

Pepperell, Robert. 2003. The Posthuman Condition: Consciousness Beyond the Brain. Bristol, UK ; Portland, OR: Intellect L & D E F A E.

Sultan, Sonia E. 2015. Organism and Environment: Ecological Development, Niche Construction, and Adaptation. Oxford University Press.

Weiss, Joel, Jason Nolan, Jeremy Hunsinger, and Peter Trifonas. 2007. International Handbook of Virtual Learning Environments. Springer Science & Business Media.

Willett, Francis R., Donald T. Avansino, Leigh R. Hochberg, Jaimie M. Henderson, and Krishna V. Shenoy. 2021. High-Performance Brain-to-Text Communication via Handwriting. Nature 593 (7858): 249–54. https://doi.org/10.1038/s41586-021-03506-2.



Citare questo post
salvospina (2023, 19 Luglio). “Homo-Loggatus”: Uomo e macchine nella nicchia ecologica digitale. Informatica Umanistica e Cultura Digitale: il blog dell' AIUCD. Recuperato il 17 Giugno 2024, da https://doi.org/10.58079/qcdi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search