Anna Maria Tammaro ricorda Dino Buzzetti e la nascita dell’AIUCD

Al convegno AIUCD 2023 all’Università di Siena, Anna Maria Tammaro ha ricordato Dino Buzzetti e gli anni precedenti alla nascita dell’Associazione, che ripercorre in questo articolo.

Anna Maria Tammaro ricorda Dino Buzzeti al convegno AIUCD 2023 all’Università di Siena

 

“Ho conosciuto Dino Buzzetti quando ero a Bologna come coordinatore delle biblioteche universitarie ma durante questo primo periodo la nostra collaborazione è rimasta superficiale. Ho avuto il privilegio di conoscerlo ed apprezzarlo meglio successivamente, durante la collaborazione che abbiamo avuto per AIUCD durante le prime fasi dell’Associazione ed i primi due mandati del Consiglio direttivo.

La foto che qui allego è stata scattata durante la prima Conferenza dell’AIUCD dal titolo “Un’agenda per l’informatica umanistica e la cultura digitale”, svoltosi a Firenze il 13 e 14 dicembre 2012. Per molti soci di AIUCD questa Conferenza è stata la prima attività, in realtà questa Conferenza per me è stata la fine di un percorso durato alcuni anni.

Foto di Dino Buzzetti al primo convegno dell'AIUCD nel 2012

Dino Buzzetti al primo convegno dell’AIUCD nel 2012

L’idea di una rete associativa di umanisti informatici è nata da un’iniziativa della Fondazione Rinascimento Digitale dedicata ad indagare la trasformazione digitale delle istituzioni culturali. Dopo aver finanziato un primo progetto Digital library applications, la Fondazione Rinascimento Digitale ha finanziato il progetto dal titolo “Accesso alla biblioteca digitale”, con lo scopo di studiare il comportamento di ricerca degli studiosi di scienze umane. I risultati di interviste e focus group realizzati dal Progetto hanno evidenziato il cambiamento del comportamento di ricerca verso la trasformazione digitale degli studiosi dei settori umanistici 10 e 11. Le discipline tuttavia evidenziavano fin da quegli anni diversi approcci nel realizzare questa trasformazione. Alla fine dell’indagine, quattro raccomandazioni sono state condivise dal progetto:

INTERDISCIPLINARIETÀ: le aggregazioni del MIUR, che si basano su criteri disciplinari  e classi concorsuali, possono essere un ostacolo alle necessarie convergenze ed all’interdisciplinarietà.

INFRASTRUTTURE: L’infrastruttura prioritaria sembra quella per la creazione e condivisione di contenuti (a cominciare dalle pubblicazioni dei periodici elettronici ed ebook) e per la valutazione delle pubblicazioni elettroniche, superando la frammentazione;

FORMAZIONE E NUOVE COMPETENZE: promuovere l’armonizzazione e l’internazionalizzazione dei curricula universitari, condividere il materiale dei corsi;

INFORMAZIONE: costituire una base organizzativa per una maggiore visibilità e condivisione delle informazioni e promuovere i risultati di progetti e centri di ricerca ed i prodotti realizzati  in Italia ed all’estero.

Una Conferenza è stata organizzata dalla Fondazione Rinascimento Digitale alla fine del progetto Accesso, con il titolo “Cultural Heritage Online” il 15-16 dicembre 2009 a Firenze. In questa occasione si è deciso di programmare un Workshop alla fine della Conferenza, il 17 dicembre 2009, con lo scopo di facilitare la costituzione di una “Rete italiana per la cultura umanistica digitale”. Sicuramente questo scopo era molto ambizioso e non teneva in giusta considerazione le diverse difficoltà da superare.

L’invito a Dino Buzzetti è stato uno dei primi che ho spedito il 12 ottobre 2009, invitandolo a partecipare al Workshop con lo scopo di: “riunire attorno ad un tavolo i pionieri ed i maggiori rappresentanti dell’informatica umanistica in Italia, di cui tu sei uno dei più importanti, per discutere di questo Network”.

I partecipanti a questa prima riunione del 2009 sono stati più di 100 studiosi, che hanno alimentato una vivace discussione.  La decisione presa nella prima riunione del 2009 è stata quella di realizzare un’Assemblea costitutiva che doveva approvare lo Statuto, preparato da un  gruppo rappresentativo dei diversi settori disciplinari. Altre proposte emerse nel corso della riunione sono state:

  • attivare un sito;
  • realizzare una ricognizione dei progetti attivi;
  • organizzare la raccolta di prodotti e risorse esistenti.

La Fondazione Rinascimento digitale – con Marco Rufino – ha offerto un supporto organizzativo e una Segreteria stabile alla futura “rete”, in attesa della costituzione degli organi, come il sito Web, strumenti di social network e l’organizzazione di un Convegno annuale.

Il Gruppo per la stesura dello Statuto si è riunito il 23 febbraio 2010 a Roma presso la sede del Dipartimento di Identità Culturale del CNR, con il supporto di Andrea Bozzi che era allora Direttore. Si è incaricato di redigere lo Statuto il Gruppo formato da: Maristella Agosti, Matteo D’Alfonso, Gino Roncaglia, Mirko Tavoni, Nicola Palazzolo, Roberto Rosselli Del Turco, Andrea Zorzi, Federico Boschetti, Tito Orlandi, Andrea Bozzi, Marco Rufino, Anna Maria Tammaro.

La prima Assemblea dell’Associazione Informatica Umanistica è stata convocata il giorno 30 maggio 2010 per votare il Consiglio Direttivo, presso l’Auditorium dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze in via Portinari. Il Regolamento elettorale è stato predisposto da Marco Rufino, Nicola Palazzolo, Anna Maria Tammaro. È stata aperta una call per nominare il Consiglio Direttivo (da 9 a 15 membri).

L’unconference di THATCampFlorence presso l’Istituto Universitario Europeo, dal 23 al 26 marzo 2011, ha dato l’occasione per incontrarsi di nuovo a Firenze. Durante una sessione insieme ai colleghi francesi, il 26 marzo 2011, ci si è accordati sul Manifesto francese delle Digital Humanities come strumento per connettere la comunità di pratica degli studiosi. Durante l’unconference, il 25 marzo 2011, i soci presenti hanno firmato l’Atto costitutivo dell’Associazione presso il notaio Speranzini e con sede presso la Fondazione Rinascimento Digitale. Erano presenti: Benedetto Benedetti, Federico Boschetti, Dino Buzzetti, Vittore Casarosa, Fabio Ciotti, Emiliano Degl’Innocenti, Roberto Rosselli Del Turco, Domenico Fiormonte, Maurizio Lana, Stefano Lariccia, Federico Meschini, Nicola Palazzolo, Sara Piccolo, Marco Rufino, Anna Maria Tammaro, Francesca Tomasi.

Dino Buzzetti è stato eletto come primo Presidente ed ho avuto per due mandati, fino al 2014, l’opportunità di collaborare con lui come Vicepresidente. Posso testimoniare che Dino Buzzetti ha avuto un impatto importante nelle prime scelte di AIUCD.

Il suo maggiore merito a mio parere è stato quello di aggregare tutti in un dialogo costruttivo. Le conversazioni a cui ho potuto partecipare durante i primi anni di AIUCD sono state sempre su temi comuni di grande rilevanza. Ricordo con piacere la sua grande apertura ad opinioni diverse, con rispetto reciproco delle differenze e caratteristiche delle diverse discipline e tradizioni delle singole scuole. La pacatezza di queste conversazioni consentiva a tutti di sentirsi incoraggiati a parlare, senza timore di giudizi negativi.

Un altro aspetto in cui l’impatto di Dino Buzzetti è stato determinante è stata la collaborazione internazionale. Durante la sua Presidenza, il Direttivo ha perseguito e portato a termine nel 2014 un accordo di  associazione con l’organizzazione europea EADH, attraverso il quale AIUCD rientra tra le organizzazioni aderenti all’ADHO (Alliance of Digital Humanities Organizations).

Non credo di esagerare affermando che se AIUCD è cresciuta dal suo avvio, coi primi 35 soci, fino ad oggi, è soprattutto merito suo.”

Anna Maria Tammaro

locandina del primo convegno dell'AIUCD nel 2012

Locandina del primo convegno dell’AIUCD nel 2012



Citare questo post
Redazione (2023, 10 Giugno). Anna Maria Tammaro ricorda Dino Buzzetti e la nascita dell’AIUCD. Informatica Umanistica e Cultura Digitale: il blog dell' AIUCD. Recuperato il 17 Giugno 2024, da https://doi.org/10.58079/qcde

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search