Archivio mensile:gennaio 2018

DH Talk of the Town

Nel mondo al di fuori della realtà (quello delle Digital Humanities e della cultura digitale), il raccolto di questa settimana è stato molto ricco:

Sapere di non sapere: Il Distant Reading e il non-dato dei dati

Digital Humanities Now mette in evidenza alcuni progetti interessanti. Il primo riguarda il Distant Reading, ed è una chiara presa di distanza dai metodi di Franco Moretti.

Non so se mi è piaciuto questo intervento. Io sono il primo a dire che il distant reading di Moretti presenta forse più problemi di quanti ne risolve, ma non mi piace molto il modo in cui, nel giro di una notte, da mito positivo sia diventato mito negativo. Mi sembra eccessivo. Continua la lettura di DH Talk of the Town

Il Progetto “Studi greci nell’Europa del Rinascimento (1396-1529)” fra ricerca, didattica e biblioteche digitali

Questa nota informativa sul Progetto “Studi greci nell’Europa del Rinascimento (1396-1529) è dedicata a Paola Tomé, instancabile ricercatrice ed appassionata docente per l’insegnamento della filologia classica nelle scuole superiori, scomparsa prematuramente lo scorso dicembre 2017. Paola Tomé, Marie Curie Fellow presso l’Università di Oxford, ha concepito, realizzato e disseminato l’informazione sul Progetto, che mira a indagare la diffusione della conoscenza del greco in Occidente, tra Roma, Venezia e l’Europa. Il Progetto a cui Paola Tomé si è dedicata fin dal 2012 non è il solo da lei realizzato nella sua ricca esperienza di insegnamento e di ricerca, ma rappresenta un esempio eccellente di informatica umanistica, intesa come applicazione critica delle tecnologie per far avanzare la ricerca filologica. Paola Tomé ha anche esplorato come, con l’applicazione delle metodologie informatiche, si possano avviare nuovi metodi di insegnamento, dove gli studenti sono portati ad apprezzare le varie sfumature e connessioni che definiscono i libri antichi in varie edizioni.

Anna Maria Tammaro, Federico Boschetti, Linda Spinazzè

Introduzione

Il Progetto “Studi greci nell’Europa del Rinascimento (1396-1529)”(2 mira a raccogliere e organizzare in un unico database tutte le prime edizioni a stampa di grammatiche, lessici e testi scolastici disponibili in Europa nei secoli XIV e XV, tra due date cruciali: l’inizio dell’insegnamento di Chrysoloras a Firenze e la fine dell’attività di Aldo Manuzio e Andrea Asolano a Venezia. Continua la lettura di Il Progetto “Studi greci nell’Europa del Rinascimento (1396-1529)” fra ricerca, didattica e biblioteche digitali

DH Talk of the Town: cosa accade nel mondo

Ogni fine settimana (impegni permettendo) rileggo notizie e interventi che ho raccolto nei giorni precedenti su Cultura digitale e Digital Humanities, da varie fonti, cercando di dargli un senso. Ovviamente si tratta di scelte personali e idiosincratiche, ma penso che una sintesi informativa possa essere utile per i  5-6 lettori di questo blog.

[Una versione inglese, leggermente diversa, è stata pubblicata su Futuread]

Sul sito in media res si è discusso di Video Game Spectatorship (8-12 gennaio 2018). Il recente fenomeno è quello dello streaming di sessioni di videogiochi, dal vivo o su youtube, diventato molto popolare negli ultimi anni (se ne parla sul Guardian o su The Conversation nel 2014, e già nel 2013 è stato oggetto di una tesi di Master all’università di Utrecht).

Questi gli interventi : Continua la lettura di DH Talk of the Town: cosa accade nel mondo