Archivio mensile:giugno 2014

Il sito Episcopus

[contributo di Andrea Cappannari, laureando di Storia all’Università di Pisa]

Nell’ambito dei siti web di nuova generazione, creati da un lavoro collaborativo di un gruppo rispetto allo sforzo di un singolo, segnalo il sito “ Episcopus”.

Il sito nasce nel 2004 dalla fondazione di una società di carattere interdisciplinare composta da soggetti accademici e non con l’obbiettivo della ricerca e dello scambio di informazioni relative all’episcopato medievale e al clero secolare in fattispecie.

La società ha un vero e proprio statuto e consiglio direttivo ed è aperta all’accoglienza di nuovi membri interessati alle sue finalità: si contano affiliati di svariate nazionalità e università prestigiose, nonché molte società accademiche di ambito medievistico. Continua la lettura di Il sito Episcopus

Altmetrics vs. Complimentary metrics

Studi sulla valutazione della ricerca e un’interessante conversazione a LIDA 2014

Cosa è Altmetrics? “Alternative metrics” o in forma breve Altmetrics è la misura delle attività accademiche (citazioni ed altri usi di pubblicazioni) nei social media. L’idea è stata anticipata venti anni fa da Cronin et al. (1998) che in modo pionieristico sostenne che il Web avrebbe favorito nuove modalità di comunicazione scientifica, e attraverso la raccolta di dati comparativi da cinque motori di ricerca commerciali, propose una tipologia di “menzioni”, come nuova misurazione al fine di informare le analisi bibliometriche. Uno studente nel 2011 Priem Jason è stato il primo a coniare il nome Altmetrics ed a definire il metodo; ora questo studente ha avviato insieme ad altri  Impactstory una piattaforma che misura l’impatto della ricerca. Continua la lettura di Altmetrics vs. Complimentary metrics

Blogging Accademico, un’esperienza personale (parte prima)

[Per gentile concessione dell’autore, pubblichiamo un intervento di Arthur Charpentier sul tema del blogging accademico, originariamente apparso sul suo blog freakonomics, col titolo Academic Blogging, a Personal Experience. Il testo è molto lungo per cui abbiamo pensato di dividerlo in più puntate. Traduzione a cura di Giorgio Guzzetta]

Introduzione

“Parlare in pubblico, pensare in solitudine, leggere e ascoltare, farsi domande e trovare risposte, è l’attività di uno studioso” (Johnson 1759). A distanza di 250 anni, si potrebbe dire che il lavoro non è cambiato: gli accademici rimangono nella loro torre d’avorio, anche se, occasionalmente, la devono lasciare per poter comunicare. Secondo Graham (2004) esistono tre canali per le comunicazione tra gli studiosi: la pubblicazione in riviste peer-reviewed, la partecipazione a conferenze e seminari, e uno più informale, che potremmo chiamare il “nuovo collegio invisibile” (Halavais 2006). I blog potrebbero essere il corrispettivo digitale di questo terzo canale, in qualche modo simile al “faculty lounge” di cui parlano Priem, Piwowar, e Hemminger (2012). Continua la lettura di Blogging Accademico, un’esperienza personale (parte prima)

Si deve scegliere tra la Storia Medievale e l’Informatica?

Un articolo uscito il 9 giugno 2014 su Key4biz riporta di una vivace reprimenda fatta da Eric Schmidt, presidente di Google, all’Italia, perché incapace di formare i giovani alle nuove tecnologie; ad essa il ministro Franceschini avrebbe così ribattuto: “ogni Paese ha la sua peculiarità, noi magari abbiamo giovani più competenti in storia medievale”.

Andando a leggere l’articolo si capisce meglio il contesto. Il botta e risposta è avvenuto in un confronto pubblico alla Facoltà di Architettura dell’Università La Sapienza di Roma. Da un lato il presidente di Google ha indicato nella mancata preparazione tecnologica una delle forti concause del 46% di disoccupazione giovanile che attualmente colpisce il nostro paese. Dario Franceschini, probabilmente infastidito dalla critica e contrario alla “globalizzazione” che – nel bene e nel male – ha portato la crescita esponenziale di Google, ha voluto sottolineare la nostra differenza culturale, in un modo che fa cadere le braccia dallo sconforto. Continua la lettura di Si deve scegliere tra la Storia Medievale e l’Informatica?

Il blog entra in Accademia

[Questo vorrebbe essere il primo di una serie di post in cui parleremo di cosa significa scrivere blog in ambito accademico. Vorrebbe essere un modo per orientarsi e per capire meglio come si possono usare questi nuovi strumenti di comunicazione, insieme una guida per il neofita e un modo per riflettere sugli strumenti da parte di chi invece li conosce già.]

Il fenomeno del blogging, tra le varie forme di scrittura online quella che forse ha avuto il maggior successo,1 ha contaminato anche il mondo universitario, dando vita a forme e a modalità di scrittura che stanno cambiando il modo di rendere pubblica la ricerca (e forse anche il modo di farla). Internet, il web e i diversi strumenti di pubblicazione online rendono ormai possibile la condivisione non solo dei risultati finali della ricerca, come avviene da tempo con la stampa di libri ed articoli, ma anche di quelli intermedi, preparatori, che in passato venivano condivisi e discussi principalmente con la partecipazione a conferenze e convegni e che invece adesso possono entrare in una rete di comunicazione molto più vasta, coinvolgendo tutti (o quasi) gli aspetti e i passaggi del processo di ricerca. Continua la lettura di Il blog entra in Accademia

Web historiography (Fare storia del web)

[Contributo di Federico Nanni, dottorando in Scienza, Tecnologia e Società dell’Università di Bologna]

Da qualche tempo ho iniziato a riflettere su quale sia l’impatto che l’utilizzo di nuove tecnologie sta avendo su quello che familiarmente chiamiamo “il mestiere dello storico”. Ho letto perciò con molto interesse i due interventi di Enrica Salvatori pubblicati qualche tempo fa su questo blog; tali post sono riusciti infatti a mettere in luce diverse questioni sulle quali anche io, da giovane “storico digitale”, mi sto soffermando. Tra tutte mi ha colpito, nell’articolo del 29 marzo, la riflessione sul rapporto di collaborazione che si sta andando a consolidare in questi anni tra storici e informatici. Riflettere su come articolare questa collaborazione e quali conoscenze sia necessario sviluppare, è sicuramente il punto di partenza fondamentale per ridiscutere le competenze di base dello storico nel ventunesimo secolo. Continua la lettura di Web historiography (Fare storia del web)