Archivio mensile:aprile 2014

Un convegno a Roma su “Shoah e negazionismo nel Web: una sfida per gli storici”

Interrogarsi sul ruolo del web nel promuovere il “negazionismo” dell’Olocausto perpetrato dai Nazisti e dai loro alleati durante la Seconda Guerra Mondiale sarà lo scopo di un importante convegno scientifico che avrà luogo a Roma la prossima settimana.

Come si sa, non vi è attiva presenza degli storici accademici nella rete di storia, e il digitale -almeno le nuove forme di scrittura e di partecipazione sociali-, viene usato per parlare del passato e delle nostre memorie spesso fuori dai contesti universitari, abbandonando la rete a chiunque intendesse promuovere memorie di parte non contestualizzate e narrazioni storiche “alternative”. L’iniziativa della Sissco contro il “negazionismo“che segue altre iniziative contrarie all’instaurazione di una verità storica per legge, avrà luogo nella sede dell’Università di Roma 3 e anche presso il Senato della Repubblica. Essa tenderà anche a sopperire all’assenza cronica degli storici dal web di storia, interrogandosi sul da fare nel campo della storia pubblica digitale e sulle modalità di comunicazione e il linguaggio utilizzato dai negazionisti nella rete. Continua la lettura di Un convegno a Roma su “Shoah e negazionismo nel Web: una sfida per gli storici”

CFP: La metodologia della ricerca umanistica nell’ecosistema digitale – Terzo convegno annuale dell’AIUCD

Terzo convegno annuale dell’AIUCD
La metodologia della ricerca umanistica nell’ecosistema digitale

Scuola di Lettere e Beni Culturali
Università degli studi di Bologna
Via Zamboni 38 — 40126 Bologna

18-19 Settembre 2014

Invito all’invio di contributi

Il terzo convegno annuale della Associazione per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale – AIUCD 2014 – è dedicato al ruolo delle Digital Humanities nella ricerca delle discipline umanistiche.

L’informatica ha sollecitato una ridefinizione dei processi teorici e metodologici nelle scienze umane, contribuendo anche ad una ri-concettualizzazione dei saperi delle discipline tradizionali. Arte, archeologia, filologia, filosofia, linguistica, scienze del libro e del documento, storia, ma anche discipline sociali e della comunicazione si avvalgono dei metodi della computer science per formalizzare i rispettivi ambiti di ricerca, per innovare pratiche e procedure. Ne consegue una profonda ridefinizione dei paradigmi disciplinari. Continua la lettura di CFP: La metodologia della ricerca umanistica nell’ecosistema digitale – Terzo convegno annuale dell’AIUCD

FEB: la risposta russa alle biblioteche digitali

[Contributo di Virginia Pili, laureanda di Lingue e Letterature e Filologie Europee (LEFE) dell’Università di Pisa]

La FEB (Fundamentalnaja elektronnaja biblioteka – Biblioteca Elettronica Fondamentale ) nata da un progetto del Ministero per la Comunicazione e l’Informazione della Federazione Russa, rappresenta un elemento di grande interesse nel panorama mondiale delle biblioteche digitali. Si tratta infatti della prima grande biblioteca accademica digitale nel settore della letteratura russa, copre le opere pubblicate dal XI al XX secolo e si presenta come un utile strumento di lavoro per gli studiosi, fornendo loro alcuni strumenti per l’analisi dei testi.
Ciò che rende unica FEB nel contesto russo sono i principi alla base della scelta delle risorse che entrano a far parte del loro database: di ogni autore sono presenti le edizioni più autorevoli delle opere complete, che sono state digitalizzate mantenendo l’estrema accuratezza dei riferimenti bibliografici, esattamente come se si stesse utilizzando la versione cartacea. Continua la lettura di FEB: la risposta russa alle biblioteche digitali