Archivi categoria: Voci dal mondo

Cosa fanno i digital humanists nel resto del mondo?

FEB: la risposta russa alle biblioteche digitali

[Contributo di Virginia Pili, laureanda di Lingue e Letterature e Filologie Europee (LEFE) dell’Università di Pisa]

La FEB (Fundamentalnaja elektronnaja biblioteka – Biblioteca Elettronica Fondamentale ) nata da un progetto del Ministero per la Comunicazione e l’Informazione della Federazione Russa, rappresenta un elemento di grande interesse nel panorama mondiale delle biblioteche digitali. Si tratta infatti della prima grande biblioteca accademica digitale nel settore della letteratura russa, copre le opere pubblicate dal XI al XX secolo e si presenta come un utile strumento di lavoro per gli studiosi, fornendo loro alcuni strumenti per l’analisi dei testi.
Ciò che rende unica FEB nel contesto russo sono i principi alla base della scelta delle risorse che entrano a far parte del loro database: di ogni autore sono presenti le edizioni più autorevoli delle opere complete, che sono state digitalizzate mantenendo l’estrema accuratezza dei riferimenti bibliografici, esattamente come se si stesse utilizzando la versione cartacea. Continua la lettura di FEB: la risposta russa alle biblioteche digitali

Intervista a Geoffrey Rockwell

Geoffrey Rockwell, professore canadese di Philosophy and Humanities Computing all’University of Alberta, mi ha concesso un’intervista su una terrazza romana il primo di gennaio 2014, durante la quale abbiamo discusso della situazione delle Digital Humanities (e delle Humanities in genere) e di alcuni tensioni e criticità della disciplina. Abbiamo parlato della sua formazione “ibrida”, tra informatica e filosofia, delle digital humanities in Canada e della nascita, seppure a fatica e non senza problemi ancora da risolvere, di una comunità di ricerca globale. Insomma, uno sguardo panoramico molto ampio sulla disciplina. Continua la lettura di Intervista a Geoffrey Rockwell