Archivi categoria: Guida

I blog di ricerca online, verso una conversazione decentrata

[Pubblichiamo un altro post sul tema del blogging accademico che  traduce e semplifica un saggio di Marin Dacos e Pierre Mounier. Traduzione e cura di Chiara Orsolini]

I carnets di ricerca in rete, gli spazi di una conversazione scientifica decentrata

Quando Bruno Latour, in Piccole lezioni di sociologia delle scienze, vuole mostrare come si fabbricano fatti scientifici, sceglie di seguire un’ équipe di ricercatori dell’ORSTOM nella foresta Brasiliana, osservando attraverso quali meccanismi la foresta si trasforma in savana. Egli si sofferma sui molti strumenti essenziali utilizzati durante il processo di produzione di conoscenze, come carnets di appunti, annotazioni, griglie di misurazione, carte, documenti, fotografie, quaderni di protocollazione, che costituiscono la prima rappresentazione della realtà osservata sul terreno. Questo corpus di dati verrà poi filtrato attraverso giochi di supervisione, traduzione, e solo in parte sarà dichiarato valido e forse pubblicato sotto forma di articolo. Continua la lettura di I blog di ricerca online, verso una conversazione decentrata

Blogging Accademico, un’esperienza personale (ultima parte)

[Ultima parte dell’intervento di intervento di Arthur Charpentier sul tema del blogging accademico, originariamente apparso sul suo blog freakonomics, col titolo Academic Blogging, a Personal Experience. Le prima due parti invece la trovate qui e qui. Traduzione a cura di Anna Caprarelli]

  • Blogging dopo quasi sei anni

Dopo oltre cinque anni come blogger attivo, ho raggiunto la stessa conclusione di Kotsko (2006), evidenziando che il blogging è “specialmente ottimo per gli accademici che altrimenti sarebbero abbastanza isolati da altri accademici con simili interessi”.

  • Un’isola felice all’interno dell’Accademia

Tornando sulla ragione principale per la quale continuo a bloggare dopo quasi sei anni, con entusiasmo, posso dire perché è ancora molto divertente. Ed è un fatto che apprezzo ancora di più visto che l’accademia è attualmente un posto molto competitivo. Interagisco con la comunità del blogging perché mi va, mentre (quasi sempre) interagisco con studenti e colleghi perché devo. I Blog sono probabilmente l’ultimo spazio dove godiamo di una libertà completa. Anche di non bloggare, se non ne abbiamo voglia. Continua la lettura di Blogging Accademico, un’esperienza personale (ultima parte)

Blogging Accademico, un’esperienza personale (parte seconda)

[Seconda parte dell’intervento di intervento di Arthur Charpentier sul tema del blogging accademico, originariamente apparso sul suo blog freakonomics, col titolo Academic Blogging, a Personal Experience. Il testo è molto lungo per cui abbiamo pensato di dividerlo in tre puntate. La terza puntata tra qualche giorno. La prima parte invece la trovate qui. Traduzione a cura di Anna Caprarelli]

  • Vita accademica e attività di Blogging

Secondo Merton (1942), l’accademia era tradizionalmente governata da alcune regole di universalismo, comunismo, disinteresse e scetticismo organizzato. Più recentemente, Ziman (1996) ha affermato invece che, l’accademia è caratterizzata da regole invertite di norme proprietarie, localistiche, autoritarie, commissionate e dotte. Il Blogging è probabilmente una risposta a questo cambiamento. In questa sezione, affronteremo le interazioni delle attività di Blogging con compiti più prettamente accademici. Continua la lettura di Blogging Accademico, un’esperienza personale (parte seconda)

Blogging Accademico, un’esperienza personale (parte prima)

[Per gentile concessione dell’autore, pubblichiamo un intervento di Arthur Charpentier sul tema del blogging accademico, originariamente apparso sul suo blog freakonomics, col titolo Academic Blogging, a Personal Experience. Il testo è molto lungo per cui abbiamo pensato di dividerlo in più puntate. Traduzione a cura di Giorgio Guzzetta]

Introduzione

“Parlare in pubblico, pensare in solitudine, leggere e ascoltare, farsi domande e trovare risposte, è l’attività di uno studioso” (Johnson 1759). A distanza di 250 anni, si potrebbe dire che il lavoro non è cambiato: gli accademici rimangono nella loro torre d’avorio, anche se, occasionalmente, la devono lasciare per poter comunicare. Secondo Graham (2004) esistono tre canali per le comunicazione tra gli studiosi: la pubblicazione in riviste peer-reviewed, la partecipazione a conferenze e seminari, e uno più informale, che potremmo chiamare il “nuovo collegio invisibile” (Halavais 2006). I blog potrebbero essere il corrispettivo digitale di questo terzo canale, in qualche modo simile al “faculty lounge” di cui parlano Priem, Piwowar, e Hemminger (2012). Continua la lettura di Blogging Accademico, un’esperienza personale (parte prima)

Il blog entra in Accademia

[Questo vorrebbe essere il primo di una serie di post in cui parleremo di cosa significa scrivere blog in ambito accademico. Vorrebbe essere un modo per orientarsi e per capire meglio come si possono usare questi nuovi strumenti di comunicazione, insieme una guida per il neofita e un modo per riflettere sugli strumenti da parte di chi invece li conosce già.]

Il fenomeno del blogging, tra le varie forme di scrittura online quella che forse ha avuto il maggior successo,1 ha contaminato anche il mondo universitario, dando vita a forme e a modalità di scrittura che stanno cambiando il modo di rendere pubblica la ricerca (e forse anche il modo di farla). Internet, il web e i diversi strumenti di pubblicazione online rendono ormai possibile la condivisione non solo dei risultati finali della ricerca, come avviene da tempo con la stampa di libri ed articoli, ma anche di quelli intermedi, preparatori, che in passato venivano condivisi e discussi principalmente con la partecipazione a conferenze e convegni e che invece adesso possono entrare in una rete di comunicazione molto più vasta, coinvolgendo tutti (o quasi) gli aspetti e i passaggi del processo di ricerca. Continua la lettura di Il blog entra in Accademia