Archivi categoria: Dibattiti

Riflessioni e discussioni sull’informatica umanistica e la cultura digitale

Digital Humanities, Digital Libraries, Information Science: what relationship?

ASIS&T e OCLC research insieme ad AIUCD e DILL hanno organizzato lo scorso 24 ottobre un Seminario a Firenze presso la Biblioteca Umanistica dal titolo “Digital Humanities, Digital Libraries and Information Science: what relationship”? Il Seminario si è svolto in un contesto internazionale: ha aperto il Seminario la Presidente di ASIS&T Lynn Silipigni Connaway ed ha chiuso il Seminario la direttrice di OCLC Research Titia van der Werf. Non è frequente riunire in uno stesso Seminario due diverse comunità, quella della Digital Humanities e quella della Digital Libraries, per discutere su temi teorici e metodologici dell’Information Science ed il Seminario ha avuto il merito di aprire una necessaria conversazione su: quali sinergie? quali differenze?

Nell’introduzione avevo indicato il gap che sembra evidente tra le due comunità.  La ragione della mancanza di comunicazione mi è stata chiara alla fine del Seminario: ognuna di queste comunità ha un focus diverso, pur occupandosi entrambe di temi connessi o vicini all’Information Science.

E’ stato quindi utile aprire il Seminario proprio dalle definizioni: Information science e le relazioni con documentazione, biblioteconomia, informatica. Questo è stato il compito che si è assunta Lynn Silipigni Connaway che con chiarezza ha definito gli approcci diversi.

Continua la lettura di Digital Humanities, Digital Libraries, Information Science: what relationship?

Altmetrics vs. Complimentary metrics

Studi sulla valutazione della ricerca e un’interessante conversazione a LIDA 2014

Cosa è Altmetrics? “Alternative metrics” o in forma breve Altmetrics è la misura delle attività accademiche (citazioni ed altri usi di pubblicazioni) nei social media. L’idea è stata anticipata venti anni fa da Cronin et al. (1998) che in modo pionieristico sostenne che il Web avrebbe favorito nuove modalità di comunicazione scientifica, e attraverso la raccolta di dati comparativi da cinque motori di ricerca commerciali, propose una tipologia di “menzioni”, come nuova misurazione al fine di informare le analisi bibliometriche. Uno studente nel 2011 Priem Jason è stato il primo a coniare il nome Altmetrics ed a definire il metodo; ora questo studente ha avviato insieme ad altri  Impactstory una piattaforma che misura l’impatto della ricerca. Continua la lettura di Altmetrics vs. Complimentary metrics

Si deve scegliere tra la Storia Medievale e l’Informatica?

Un articolo uscito il 9 giugno 2014 su Key4biz riporta di una vivace reprimenda fatta da Eric Schmidt, presidente di Google, all’Italia, perché incapace di formare i giovani alle nuove tecnologie; ad essa il ministro Franceschini avrebbe così ribattuto: “ogni Paese ha la sua peculiarità, noi magari abbiamo giovani più competenti in storia medievale”.

Andando a leggere l’articolo si capisce meglio il contesto. Il botta e risposta è avvenuto in un confronto pubblico alla Facoltà di Architettura dell’Università La Sapienza di Roma. Da un lato il presidente di Google ha indicato nella mancata preparazione tecnologica una delle forti concause del 46% di disoccupazione giovanile che attualmente colpisce il nostro paese. Dario Franceschini, probabilmente infastidito dalla critica e contrario alla “globalizzazione” che – nel bene e nel male – ha portato la crescita esponenziale di Google, ha voluto sottolineare la nostra differenza culturale, in un modo che fa cadere le braccia dallo sconforto. Continua la lettura di Si deve scegliere tra la Storia Medievale e l’Informatica?

Web historiography (Fare storia del web)

[Contributo di Federico Nanni, dottorando in Scienza, Tecnologia e Società dell’Università di Bologna]

Da qualche tempo ho iniziato a riflettere su quale sia l’impatto che l’utilizzo di nuove tecnologie sta avendo su quello che familiarmente chiamiamo “il mestiere dello storico”. Ho letto perciò con molto interesse i due interventi di Enrica Salvatori pubblicati qualche tempo fa su questo blog; tali post sono riusciti infatti a mettere in luce diverse questioni sulle quali anche io, da giovane “storico digitale”, mi sto soffermando. Tra tutte mi ha colpito, nell’articolo del 29 marzo, la riflessione sul rapporto di collaborazione che si sta andando a consolidare in questi anni tra storici e informatici. Riflettere su come articolare questa collaborazione e quali conoscenze sia necessario sviluppare, è sicuramente il punto di partenza fondamentale per ridiscutere le competenze di base dello storico nel ventunesimo secolo. Continua la lettura di Web historiography (Fare storia del web)

Informatica Umanistica… quindici anni dopo

[Articolo già apparso su Infolet. Lo ripubblichiamo sperando di alimentare un dibattito su passato presente e (soprattutto) futuro dell’informatica umanistica e della cultura digitale in Italia.]

Quindici anni fa si celebrava a Roma, presso l’Università La Sapienza, un convegno internazionale di Informatica Umanistica che avrebbe dato impulso a molti progetti importanti (fra cui la prima biblioteca digitale italiana di testi letterari). La ragione per la quale ripropongo questo pezzo vintage (for an English version see here) è la triste vicenda delle abilitazioni nazionali, dove la maggioranza dei candidati che praticano l’IU si sono visti negare l’abilitazione a professore associato o ordinario proprio in virtù di tali competenze. Venti (e in taluni casi trenta) anni di ricerche e risultati scientifici non hanno minimamente intaccato la percezione che l’informatica umanistica – anche nella più attraente veste di Digital Humanities – sia disciplinarmente orfana o peggio aliena, inclassificabile, non valutabile, “incongruente”, ecc. Leggendo i due paragrafi del testo sotto e la lettera recentemente proposta dall’Associazione Italiana di Informatica Umanistica e Cultura Digitale, la sensazione di déjà vu è inquietante: non sembrano passati quindici anni ma quindici giorni. Continua la lettura di Informatica Umanistica… quindici anni dopo

I saperi minimi per lo storico digitale: la domanda

La storia è una disciplina antica, che ha affinato scopi, metodi, strumenti e prodotti nel corso di secoli, da Tucidide a Jacques Le Goff, da Tito Livio a Carlo Ginzburg. Come tutte le scienze umane anche il mestiere di storico è in continua evoluzione e viene modificato dai mutamenti della società, dalla mentalità e dalla messa a punto di nuovi metodi di analisi. La domanda che oggi ci assilla è quanto l’irrompere del digitale nella pratica della ricerca e nella divulgazione stia mutando il modo in cui si fa storia, quali nuove opportunità abbia aperto e quali problemi abbia cominciato a presentare.
Se guardiamo alla maggior parte delle produzioni storiografiche degli studiosi di storia (e degli istituti/centri di ricerca a cui fanno capo), si deve riconoscere che l’arrivo del digitale ha portato sovente soltanto a una parziale digitalizzazione della tradizione: ossia si è continuato a pubblicare con le medesime modalità – in monografie, volumi miscellanei o riviste – che possono avere una versione digitale esclusiva o complementare. E-book e riviste elettroniche di storia sono sovente redatti e pubblicati con le medesime procedure dei libri e degli articoli cartacei e presentano l’unico – anche se non trascurabile – vantaggio di una maggiore facilità reperimento, che si coniuga alla possibilità di operare ricerche testuali interne più precise e quindi efficaci. Continua la lettura di I saperi minimi per lo storico digitale: la domanda