Archivi categoria: Posts

FEB: la risposta russa alle biblioteche digitali

[Contributo di Virginia Pili, laureanda di Lingue e Letterature e Filologie Europee (LEFE) dell’Università di Pisa]

La FEB (Fundamentalnaja elektronnaja biblioteka – Biblioteca Elettronica Fondamentale ) nata da un progetto del Ministero per la Comunicazione e l’Informazione della Federazione Russa, rappresenta un elemento di grande interesse nel panorama mondiale delle biblioteche digitali. Si tratta infatti della prima grande biblioteca accademica digitale nel settore della letteratura russa, copre le opere pubblicate dal XI al XX secolo e si presenta come un utile strumento di lavoro per gli studiosi, fornendo loro alcuni strumenti per l’analisi dei testi.
Ciò che rende unica FEB nel contesto russo sono i principi alla base della scelta delle risorse che entrano a far parte del loro database: di ogni autore sono presenti le edizioni più autorevoli delle opere complete, che sono state digitalizzate mantenendo l’estrema accuratezza dei riferimenti bibliografici, esattamente come se si stesse utilizzando la versione cartacea. Continua la lettura di FEB: la risposta russa alle biblioteche digitali

Informatica Umanistica… quindici anni dopo

[Articolo già apparso su Infolet. Lo ripubblichiamo sperando di alimentare un dibattito su passato presente e (soprattutto) futuro dell’informatica umanistica e della cultura digitale in Italia.]

Quindici anni fa si celebrava a Roma, presso l’Università La Sapienza, un convegno internazionale di Informatica Umanistica che avrebbe dato impulso a molti progetti importanti (fra cui la prima biblioteca digitale italiana di testi letterari). La ragione per la quale ripropongo questo pezzo vintage (for an English version see here) è la triste vicenda delle abilitazioni nazionali, dove la maggioranza dei candidati che praticano l’IU si sono visti negare l’abilitazione a professore associato o ordinario proprio in virtù di tali competenze. Venti (e in taluni casi trenta) anni di ricerche e risultati scientifici non hanno minimamente intaccato la percezione che l’informatica umanistica – anche nella più attraente veste di Digital Humanities – sia disciplinarmente orfana o peggio aliena, inclassificabile, non valutabile, “incongruente”, ecc. Leggendo i due paragrafi del testo sotto e la lettera recentemente proposta dall’Associazione Italiana di Informatica Umanistica e Cultura Digitale, la sensazione di déjà vu è inquietante: non sembrano passati quindici anni ma quindici giorni. Continua la lettura di Informatica Umanistica… quindici anni dopo

I saperi minimi per lo storico digitale: la domanda

La storia è una disciplina antica, che ha affinato scopi, metodi, strumenti e prodotti nel corso di secoli, da Tucidide a Jacques Le Goff, da Tito Livio a Carlo Ginzburg. Come tutte le scienze umane anche il mestiere di storico è in continua evoluzione e viene modificato dai mutamenti della società, dalla mentalità e dalla messa a punto di nuovi metodi di analisi. La domanda che oggi ci assilla è quanto l’irrompere del digitale nella pratica della ricerca e nella divulgazione stia mutando il modo in cui si fa storia, quali nuove opportunità abbia aperto e quali problemi abbia cominciato a presentare.
Se guardiamo alla maggior parte delle produzioni storiografiche degli studiosi di storia (e degli istituti/centri di ricerca a cui fanno capo), si deve riconoscere che l’arrivo del digitale ha portato sovente soltanto a una parziale digitalizzazione della tradizione: ossia si è continuato a pubblicare con le medesime modalità – in monografie, volumi miscellanei o riviste – che possono avere una versione digitale esclusiva o complementare. E-book e riviste elettroniche di storia sono sovente redatti e pubblicati con le medesime procedure dei libri e degli articoli cartacei e presentano l’unico – anche se non trascurabile – vantaggio di una maggiore facilità reperimento, che si coniuga alla possibilità di operare ricerche testuali interne più precise e quindi efficaci. Continua la lettura di I saperi minimi per lo storico digitale: la domanda

La Gold Road dell’Open Access in Italia: riflessioni dopo il Seminario di Firenze

L’Open Access è legge anche in Italia (L.112/2013) e, anche se ancora con delle limitazioni, si è entrati in una fase nuova, in cui deve iniziare una collaborazione stretta tra tutti gli attori dell’editoria scientifica. La CRUI ed in particolare il Sottogruppo Open Access, coordinato dal Prof. Roberto delle Donne ha iniziato una negoziazione con AIE insieme al CUN, per l’applicazione delle regole della Legge riguardo l’Open Access e per aprire la nuova “Gold Road” italiana in partnership con gli editori.

Il Seminario di Firenze, organizzato da AIB CNUR e AIB Sezione Toscana, ha discusso problematiche ed opportunità che si aprono agli Atenei italiani ed in particolare alle biblioteche delle Università per le infrastrutture e servizi di cui hanno bisogno ricercatori e docenti, nel duplice ruolo di creatori e lettori di pubblicazione digitali Open Access.

Valutazione Open EditionE’ stata presentata la piattaforma di Open Edition, con una prima valutazione realizzata dalle Biblioteche universitarie di cinque Atenei (La Cattolica di Milano, L’Istituto Universitario Europeo, l’Università di Firenze, L’Università di Napoli, l’Università di Torino). Continua la lettura di La Gold Road dell’Open Access in Italia: riflessioni dopo il Seminario di Firenze

Intervista a Geoffrey Rockwell

Geoffrey Rockwell, professore canadese di Philosophy and Humanities Computing all’University of Alberta, mi ha concesso un’intervista su una terrazza romana il primo di gennaio 2014, durante la quale abbiamo discusso della situazione delle Digital Humanities (e delle Humanities in genere) e di alcuni tensioni e criticità della disciplina. Abbiamo parlato della sua formazione “ibrida”, tra informatica e filosofia, delle digital humanities in Canada e della nascita, seppure a fatica e non senza problemi ancora da risolvere, di una comunità di ricerca globale. Insomma, uno sguardo panoramico molto ampio sulla disciplina. Continua la lettura di Intervista a Geoffrey Rockwell