Tutti gli articoli di Anna Maria Tammaro

Digital Humanities, Digital Libraries, Information Science: what relationship?

ASIS&T e OCLC research insieme ad AIUCD e DILL hanno organizzato lo scorso 24 ottobre un Seminario a Firenze presso la Biblioteca Umanistica dal titolo “Digital Humanities, Digital Libraries and Information Science: what relationship”? Il Seminario si è svolto in un contesto internazionale: ha aperto il Seminario la Presidente di ASIS&T Lynn Silipigni Connaway ed ha chiuso il Seminario la direttrice di OCLC Research Titia van der Werf. Non è frequente riunire in uno stesso Seminario due diverse comunità, quella della Digital Humanities e quella della Digital Libraries, per discutere su temi teorici e metodologici dell’Information Science ed il Seminario ha avuto il merito di aprire una necessaria conversazione su: quali sinergie? quali differenze?

Nell’introduzione avevo indicato il gap che sembra evidente tra le due comunità.  La ragione della mancanza di comunicazione mi è stata chiara alla fine del Seminario: ognuna di queste comunità ha un focus diverso, pur occupandosi entrambe di temi connessi o vicini all’Information Science.

E’ stato quindi utile aprire il Seminario proprio dalle definizioni: Information science e le relazioni con documentazione, biblioteconomia, informatica. Questo è stato il compito che si è assunta Lynn Silipigni Connaway che con chiarezza ha definito gli approcci diversi.

Continua la lettura di Digital Humanities, Digital Libraries, Information Science: what relationship?

Dati di ricerca: anche gli umanisti informatici sono interessati alla loro gestione

Horizon 2020 prevede l’accesso aperto a pubblicazioni e dati di ricerca dei progetti finanziati, tuttavia la cultura della condivisione è lenta a diventare realtà, perché coinvolge un cambiamento che non è solo tecnologico ma anche culturale ed organizzativo.
OpenCon 2015 è una comunità di studenti, dottorandi e giovani ricercatori dedicata a diffondere le pratiche di Open Access, Open Education e Open Data. Un incontro è stato organizzato da un Comitato Organizzatore di studenti e ricercatori a inizio carriera di tutto il mondo il prossimo 14-16 Novembre 2015 a Bruxelles,  in collaborazione con  Right to Resarch CoalitionSPARC (The Scholarly Publishing e Academic Resources Coalition). L’incontro vuole servire come un potente catalizzatore per progetti condotti dalla nuova generazione di ricercatori decisi a far avanzare le tre aree di Open Access , Open Education, e Open Data.

Continua la lettura di Dati di ricerca: anche gli umanisti informatici sono interessati alla loro gestione

Altmetrics vs. Complimentary metrics

Studi sulla valutazione della ricerca e un’interessante conversazione a LIDA 2014

Cosa è Altmetrics? “Alternative metrics” o in forma breve Altmetrics è la misura delle attività accademiche (citazioni ed altri usi di pubblicazioni) nei social media. L’idea è stata anticipata venti anni fa da Cronin et al. (1998) che in modo pionieristico sostenne che il Web avrebbe favorito nuove modalità di comunicazione scientifica, e attraverso la raccolta di dati comparativi da cinque motori di ricerca commerciali, propose una tipologia di “menzioni”, come nuova misurazione al fine di informare le analisi bibliometriche. Uno studente nel 2011 Priem Jason è stato il primo a coniare il nome Altmetrics ed a definire il metodo; ora questo studente ha avviato insieme ad altri  Impactstory una piattaforma che misura l’impatto della ricerca. Continua la lettura di Altmetrics vs. Complimentary metrics

La Gold Road dell’Open Access in Italia: riflessioni dopo il Seminario di Firenze

L’Open Access è legge anche in Italia (L.112/2013) e, anche se ancora con delle limitazioni, si è entrati in una fase nuova, in cui deve iniziare una collaborazione stretta tra tutti gli attori dell’editoria scientifica. La CRUI ed in particolare il Sottogruppo Open Access, coordinato dal Prof. Roberto delle Donne ha iniziato una negoziazione con AIE insieme al CUN, per l’applicazione delle regole della Legge riguardo l’Open Access e per aprire la nuova “Gold Road” italiana in partnership con gli editori.

Il Seminario di Firenze, organizzato da AIB CNUR e AIB Sezione Toscana, ha discusso problematiche ed opportunità che si aprono agli Atenei italiani ed in particolare alle biblioteche delle Università per le infrastrutture e servizi di cui hanno bisogno ricercatori e docenti, nel duplice ruolo di creatori e lettori di pubblicazione digitali Open Access.

Valutazione Open EditionE’ stata presentata la piattaforma di Open Edition, con una prima valutazione realizzata dalle Biblioteche universitarie di cinque Atenei (La Cattolica di Milano, L’Istituto Universitario Europeo, l’Università di Firenze, L’Università di Napoli, l’Università di Torino). Continua la lettura di La Gold Road dell’Open Access in Italia: riflessioni dopo il Seminario di Firenze