Tutti gli articoli di Giorgio Guzzetta

DH Talk of the Town

Nel mondo al di fuori della realtà (quello delle Digital Humanities e della cultura digitale), il raccolto di questa settimana è stato molto ricco:

Sapere di non sapere: Il Distant Reading e il non-dato dei dati

Digital Humanities Now mette in evidenza alcuni progetti interessanti. Il primo riguarda il Distant Reading, ed è una chiara presa di distanza dai metodi di Franco Moretti.

Non so se mi è piaciuto questo intervento. Io sono il primo a dire che il distant reading di Moretti presenta forse più problemi di quanti ne risolve, ma non mi piace molto il modo in cui, nel giro di una notte, da mito positivo sia diventato mito negativo. Mi sembra eccessivo. Continua la lettura di DH Talk of the Town

DH Talk of the Town: cosa accade nel mondo

Ogni fine settimana (impegni permettendo) rileggo notizie e interventi che ho raccolto nei giorni precedenti su Cultura digitale e Digital Humanities, da varie fonti, cercando di dargli un senso. Ovviamente si tratta di scelte personali e idiosincratiche, ma penso che una sintesi informativa possa essere utile per i  5-6 lettori di questo blog.

[Una versione inglese, leggermente diversa, è stata pubblicata su Futuread]

Sul sito in media res si è discusso di Video Game Spectatorship (8-12 gennaio 2018). Il recente fenomeno è quello dello streaming di sessioni di videogiochi, dal vivo o su youtube, diventato molto popolare negli ultimi anni (se ne parla sul Guardian o su The Conversation nel 2014, e già nel 2013 è stato oggetto di una tesi di Master all’università di Utrecht).

Questi gli interventi : Continua la lettura di DH Talk of the Town: cosa accade nel mondo

Il blog entra in Accademia

[Questo vorrebbe essere il primo di una serie di post in cui parleremo di cosa significa scrivere blog in ambito accademico. Vorrebbe essere un modo per orientarsi e per capire meglio come si possono usare questi nuovi strumenti di comunicazione, insieme una guida per il neofita e un modo per riflettere sugli strumenti da parte di chi invece li conosce già.]

Il fenomeno del blogging, tra le varie forme di scrittura online quella che forse ha avuto il maggior successo,1 ha contaminato anche il mondo universitario, dando vita a forme e a modalità di scrittura che stanno cambiando il modo di rendere pubblica la ricerca (e forse anche il modo di farla). Internet, il web e i diversi strumenti di pubblicazione online rendono ormai possibile la condivisione non solo dei risultati finali della ricerca, come avviene da tempo con la stampa di libri ed articoli, ma anche di quelli intermedi, preparatori, che in passato venivano condivisi e discussi principalmente con la partecipazione a conferenze e convegni e che invece adesso possono entrare in una rete di comunicazione molto più vasta, coinvolgendo tutti (o quasi) gli aspetti e i passaggi del processo di ricerca. Continua la lettura di Il blog entra in Accademia

Filologia digitale: problemi e prospettive (Tavola Rotonda)

ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI

CENTRO LINCEO INTERDISCIPLINARE «BENIAMINO SEGRE»

Venerdì 6 giugno 2014
Roma, Palazzo Corsini, Via della Lungara 10
Fino alle ore 10 è possibile l’accesso da Lungotevere della Farnesina, 10

Tavola Rotonda

Filologia digitale: problemi e prospettive

Rappresenta ormai un risultato consolidato nelle discipline umanistiche che la macchina informatica oltre a consentire uno straordinario incremento dell’accessibilità ai testi possa favorire la gestione di alcuni nodi problematici delle procedure tradizionali (non per caso nodi soprattutto “quantitativi”: indici, concordanze, rimarii, ricerca automatica di occorrenze, etc.). Continua la lettura di Filologia digitale: problemi e prospettive (Tavola Rotonda)

Intervista a Geoffrey Rockwell

Geoffrey Rockwell, professore canadese di Philosophy and Humanities Computing all’University of Alberta, mi ha concesso un’intervista su una terrazza romana il primo di gennaio 2014, durante la quale abbiamo discusso della situazione delle Digital Humanities (e delle Humanities in genere) e di alcuni tensioni e criticità della disciplina. Abbiamo parlato della sua formazione “ibrida”, tra informatica e filosofia, delle digital humanities in Canada e della nascita, seppure a fatica e non senza problemi ancora da risolvere, di una comunità di ricerca globale. Insomma, uno sguardo panoramico molto ampio sulla disciplina. Continua la lettura di Intervista a Geoffrey Rockwell