Tutti gli articoli di Enrica Salvatori

Informazioni su Enrica Salvatori

Vedere Crediti
Voir Crédits

Si deve scegliere tra la Storia Medievale e l’Informatica?

Un articolo uscito il 9 giugno 2014 su Key4biz riporta di una vivace reprimenda fatta da Eric Schmidt, presidente di Google, all’Italia, perché incapace di formare i giovani alle nuove tecnologie; ad essa il ministro Franceschini avrebbe così ribattuto: “ogni Paese ha la sua peculiarità, noi magari abbiamo giovani più competenti in storia medievale”.

Andando a leggere l’articolo si capisce meglio il contesto. Il botta e risposta è avvenuto in un confronto pubblico alla Facoltà di Architettura dell’Università La Sapienza di Roma. Da un lato il presidente di Google ha indicato nella mancata preparazione tecnologica una delle forti concause del 46% di disoccupazione giovanile che attualmente colpisce il nostro paese. Dario Franceschini, probabilmente infastidito dalla critica e contrario alla “globalizzazione” che – nel bene e nel male – ha portato la crescita esponenziale di Google, ha voluto sottolineare la nostra differenza culturale, in un modo che fa cadere le braccia dallo sconforto. Continua la lettura di Si deve scegliere tra la Storia Medievale e l’Informatica?

I saperi minimi per lo storico digitale: la domanda

La storia è una disciplina antica, che ha affinato scopi, metodi, strumenti e prodotti nel corso di secoli, da Tucidide a Jacques Le Goff, da Tito Livio a Carlo Ginzburg. Come tutte le scienze umane anche il mestiere di storico è in continua evoluzione e viene modificato dai mutamenti della società, dalla mentalità e dalla messa a punto di nuovi metodi di analisi. La domanda che oggi ci assilla è quanto l’irrompere del digitale nella pratica della ricerca e nella divulgazione stia mutando il modo in cui si fa storia, quali nuove opportunità abbia aperto e quali problemi abbia cominciato a presentare.
Se guardiamo alla maggior parte delle produzioni storiografiche degli studiosi di storia (e degli istituti/centri di ricerca a cui fanno capo), si deve riconoscere che l’arrivo del digitale ha portato sovente soltanto a una parziale digitalizzazione della tradizione: ossia si è continuato a pubblicare con le medesime modalità – in monografie, volumi miscellanei o riviste – che possono avere una versione digitale esclusiva o complementare. E-book e riviste elettroniche di storia sono sovente redatti e pubblicati con le medesime procedure dei libri e degli articoli cartacei e presentano l’unico – anche se non trascurabile – vantaggio di una maggiore facilità reperimento, che si coniuga alla possibilità di operare ricerche testuali interne più precise e quindi efficaci. Continua la lettura di I saperi minimi per lo storico digitale: la domanda

Internet for History (Fare storia con il web) – un tutorial

James Moore, Deputy Director del Centre for Metropolitan History (University of London) e  Ylva Berglund Prytz (University of Oxford) hanno pubblicato un sito/tutorial per aiutare gli studenti di storia ad effettuare ricerche sicure ed efficaci nel web: Internet for history, entro il Virtual Training Suite dell’Università di Bristol.
Sono andata a provarlo, anche per verificare se fosse possibile un suo utilizzo nel corso delle mie lezioni.
L’iniziativa appare indubbiamente lodevole anche se con qualche pecca.
Il tutorial si articola in 4 tappe successive:
Tour: What can the Internet provide for History? Repertorio semplificato delle tipologie di risorse che si possono trovare in rete per chi fa (o vorrebbe fare) studi storici. I siti sono sostanzialmente articolati per “provenienza” del materiale: materiali didattici, ricerca, comunicazione accademica, divulgazione e “ricerca in rete”. Continua la lettura di Internet for History (Fare storia con il web) – un tutorial