FEB: la risposta russa alle biblioteche digitali

[Contributo di Virginia Pili, laureanda di Lingue e Letterature e Filologie Europee (LEFE) dell’Università di Pisa]

La FEB (Fundamentalnaja elektronnaja biblioteka – Biblioteca Elettronica Fondamentale ) nata da un progetto del Ministero per la Comunicazione e l’Informazione della Federazione Russa, rappresenta un elemento di grande interesse nel panorama mondiale delle biblioteche digitali. Si tratta infatti della prima grande biblioteca accademica digitale nel settore della letteratura russa, copre le opere pubblicate dal XI al XX secolo e si presenta come un utile strumento di lavoro per gli studiosi, fornendo loro alcuni strumenti per l’analisi dei testi.
Ciò che rende unica FEB nel contesto russo sono i principi alla base della scelta delle risorse che entrano a far parte del loro database: di ogni autore sono presenti le edizioni più autorevoli delle opere complete, che sono state digitalizzate mantenendo l’estrema accuratezza dei riferimenti bibliografici, esattamente come se si stesse utilizzando la versione cartacea.
«Non c’è certo bisogno di dimostrare che per gli scopi scientifici e didattici è necessario utilizzare informazioni filologicamente corrette. Per una biblioteca elettronica la necessità di accuratezza filologica significa prima di tutto l’identificabilità dei dati, la presenza di accurate descrizioni bio-bibliografiche di tutti i testi presenti nella biblioteca. [..] Per questo motivo tutte le opere sono state riprodotte per intero, a partire dal frontespizio fino alle pagine tecniche finali» (Vigurskij, Gornyj, Pil’ščikov).
Così facendo, sono conservate la struttura e l’impaginazione originale di ogni opera, l’ortografia e la punteggiatura di origine (fondamentale quando si consulta opere scritte prima della riforma dell’alfabeto cirillico compiuta dopo la Rivoluzione d’Ottobre), la posizione del testo nella pagina e le caratteristiche del font utilizzato.
Un’altra importante caratteristica di FEB è la qualificazione dei partecipanti al progetto: in molte biblioteche digitali le risorse vengono raccolte da un insieme di persone assai eterogeneo, appassionati, insegnanti e studiosi, musei e biblioteche, organizzazioni, addirittura a volte compagnie commerciali; FEB appartiene invece a quella categoria di biblioteche digitali che è stata costruita esclusivamente da organizzazioni accademiche e di ricerca.
Nel processo di formazione del progetto, il comitato redazionale di FEB si è posto questi obiettivi:

  • la conservazione del patrimonio filologico russo e l’accumulare dei risultati degli studi scientifici sulla filologia e la folkloristica;
  • l’accesso alla comunità scientifica mondiale e a tutte le persone interessate al patrimonio filologico russo e all’eredità nazionale scientifica;
  • la creazione di mezzi informatici multifunzionali per il lavoro specialistico degli studiosi di filologia e folkloristica;
  • la diffusione del patrimonio filologico russo e la creazione di legami internazionali.

Per favorire l’uso da parte di utenti di tutto il mondo, gli strumenti dell’interfaccia di FEB sono utilizzabili sia in russo sia in inglese; questo vale anche per le note alle opere consultabili (che sono però disponibili solo in lingua originale), mentre le bibliografie sono consultabili sia in russo che nella traslitterazione latina.

Le ENI (Elektronnye Naučnye Izdanija – Edizioni Scientifiche Elettroniche) costituiscono la base dello sviluppo e del funzionamento di FEB. Sono state ideate da un team di studiosi, editori e programmatori come unità indipendenti, ognuna dotata del proprio database, software e sistema di ipertesti, e il loro contenuto è stato attentamente selezionato dal punto di vista accademico. Ciascuna ENI è relativa a un argomento specifico, come un singolo autore, un genere letterario o un’opera, e raccoglie e riproduce in forma digitale scritti letterari e scientifici, le edizioni di riferimento delle opere complete di ciascun autore, materiali bio-bibliografici, gli studi letterari e scientifici di maggior pregio, nonché materiali di riferimento di vario genere. Ogni ENI è corredata di una sua descrizione specifica, per permettere agli utenti di orientarsi meglio nei materiali a disposizione.
Nella descrizione della ENI dedicata allo scrittore Michail Jur’evic Lermontov, si trova ad esempio dichiarato: «lo scopo di questa ENI è di fornire agli specialisti interessati un mezzo di lavoro digitale per svolgere ricerche sull’opera di Lermontov. Per raggiungere lo scopo indicato, era necessario risolvere tre problemi ad esso correlati e complementari tra loro:

  • fornire agli studiosi, ai filologi e agli slavisti una minima quantità di materiali sufficiente a svolgere le ricerche senza che essi dovessero ricorrere ad altre fonti di informazioni;
  • fornire all’utente una struttura di organizzazione delle informazioni, dotata di mezzi di navigazione comodi e affidabili, senza i quali è impensabile il lavoro con una gigantesca (circa 10.000 opere) mole di informazioni;
  • fornire all’utente un moderno insieme di strumenti operativi, le cui funzionalità permettano di utilizzare in modo efficace con la moltitudine di opere presentate nella ENI.».

Come risultato della risoluzione di questi problemi, ecco l’indice dei materiali della ENI su Lermontov:

  • informazioni
  • opere
  • studi
  • enciclopedia lermontoviana
  • materiali bibliografici
  • cronache della vita e delle opere
  • Lermontov nella musica
  • indici dei riferimenti (riguardanti le opere, i nomi dei destinatari delle lettere private dello scrittore, le personalità storiche menzionate nelle opere e le illustrazioni).

Tale struttura è riproposta più o meno identica in tutte le altre ENI riguardanti singoli scrittori.

Nella FEB i materiali sono ripartiti secondo una struttura gerarchica che si fonda su tre sezioni (tematica, informativa e di accompagnamento) a loro volte divise in sottosezioni. La sezione tematica è suddivisa per ambiti cronologici con una sottosezione a parte per il folklore. Ogni sottosezione è poi dotata di sommario, indice e descrizione. Esistono poi alcune sezioni squisitamente informative in cui si forniscono alcune risorse per la consultazione come dizionari, enciclopedie e il catalogo delle citazioni.
In particolare nella sezione Opere scientifiche sulla letteratura e il folkore sono raccolti materiali riguardanti la storia e l’attualità degli studi umanistici in Russia: la cronologia degli avvenimenti più importanti, i personalia (cenni bio-bibliografici delle personalità centrali dei movimenti letterari), il dizionario dei termini scientifici, informazioni sulla stampa scientifica, sui periodici e sulle istituzioni scientifiche. Tale sezione permette di accedere:

  • alla versione elettronica del Rossijskij Archiv (Archivio Russo) che integra i materiali contenuti nella versione cartacea in 14 tomi e nelle sue appendici;
  • alla ENI di  Literaturnoe Nasledstvo (L’Eredità Letteraria) , che si prefigge come scopo di presentare agli studiosi il patrimonio di studi di questa casa editrice e consente di consultare direttamente alcune delle edizioni;
  • alla ENI delle Izsvestij Akademia Nauk (Notizie dell’Accademia delle Scienze) che copre l’arco temporale compreso tra il 1852 e il 1992;
  • alla Istorja Vsemirnoj Literatury ( Storia della Letteratura Mondiale) in 8 tomi;
  • alla ENI della Istorja Russkoj Literatury ( Storia della Letteratura Russa), in cui è raccolta una selezione di opere, alcune riguardanti la storia globale della letteratura russa dal XI al XX secolo e altre relative ad epoche letterarie specifiche;
  • alla ENI Trudy Otdela Drevnorusskaja Literatura (Opere riguardanti la letteratura russa antica), contenente tutte le pubblicazioni della omonima casa editrice legata all’Istituto di Letteratura di San Pietroburgo. In queste pubblicazioni vengono stampati nuovi ritrovamenti di reperti manoscritti, recensioni delle raccolte di manoscritti, lavori sulla poetica antico-russa e articoli su questioni specifiche come ad esempio lo studio delle icone.

Per quel che riguarda la sezione Dizionari ed Enciclopedie, l’utente può disporre in totale di quattro dizionari generali della lingua russa e di otto dizionari dedicati a campi lessicali specifici, che sono:

  • il Dizionario degli pseudonimi di Masanov;
  • il Dizionario della lingua letteraria russa contemporanea;
  • il Dizionario poetico di Kvjatkovskij, che contiene più di 670 lemmi legati alle tematiche della versificazione e della poetica, oltre ad informazioni sull’antica poetica e retorica e sulle forme e generi poetici;
  • il Dizionario della lingua russa del XVII secolo di Sorokin;
  • il Dizionario-guida su “Il canto della schiera di Igor’”, dedicato al lessico proprio di questo capolavoro della letteratura russa antica, a cui si affianca il Breve Dizionario Enciclopedico sul “Canto della schiera di Igor”, una guida per orientarsi negli studi che sono stati fatti su quest’opera dal 1790 fino ad oggi;
  • il Dizionario della lingua di Griboedov, nel quale si trova la prima descrizione lessico-grafica della lingua dello scrittore, comprendente tutte le parole che si incontrano nei testi delle sue opere;
  • il Dizionario dei termini letterari, una vera e propria rarità bibliografica, che raccoglie le definizioni di 740 termini riguardanti la teoria della letteratura, la linguistica,la poesia, l’estetica e la sociologia.

Nel momento in cui si accede a una delle ENI, è possibile in qualsiasi momento effettuare una ricerca di lemmi o informazioni senza bisogno di dover ricorrere direttamente alle ENI della sezione informativa; sulla parte destra della schermata troviamo infatti il link Slovarnaja Podderžka (database di supporto) che ci collega a una pagina da cui possiamo facilmente accedere a risorse esterne e a server di traduzione online.

SITOGRAFIA

Vigurskij, Gornyj, Pil’ščikov, Fundamentalnaja Elektronnaja Biblioteka “Russkaja Literatura i Folkor”. Pervye itoghi, zadači, perspektivy – La Biblioteca Elettronica Fondamentale Letteratura Russa e folklore. Primi bilanci. Problemi. Prospettive (http://www.elbib.ru/index.phtml?page=elbib/rus/journal/2002/part5/VGP consultato l’ultima volta in data 26 marzo 2014)
Sito FEB (http://feb-web.ru/– consultato 26 marzo 2014)
Kulturnij proekt obščenazional’nogo znacenija  – Un progetto cultura di portata nazionale (http://feb-web.ru/feb/feb/media/20060124_gorby.htm– consultato il 23 marzo 2014)
Otkrylas’ novaja versja Fundamentalnaja Elektronnaka Biblioteka – Ha aperto la nuova versione della Biblioteca Elettronica Fondamentale ( http://feb-web.ru/feb/feb/media/20040228_lenta.htm– consultato il 21 marzo 2014)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *