DH Talk of the Town: cosa accade nel mondo

Ogni fine settimana (impegni permettendo) rileggo notizie e interventi che ho raccolto nei giorni precedenti su Cultura digitale e Digital Humanities, da varie fonti, cercando di dargli un senso. Ovviamente si tratta di scelte personali e idiosincratiche, ma penso che una sintesi informativa possa essere utile per i  5-6 lettori di questo blog.

[Una versione inglese, leggermente diversa, è stata pubblicata su Futuread]

Sul sito in media res si è discusso di Video Game Spectatorship (8-12 gennaio 2018). Il recente fenomeno è quello dello streaming di sessioni di videogiochi, dal vivo o su youtube, diventato molto popolare negli ultimi anni (se ne parla sul Guardian o su The Conversation nel 2014, e già nel 2013 è stato oggetto di una tesi di Master all’università di Utrecht).

Questi gli interventi :

In media res è uno dei tanti esperimenti nati all’interno dell’Institute of the Future of the Book, una piccola think-and-do tank dedita allo studio dell’evoluzione del discorso intellettuale nel passaggio dalle pagine a stampa agli schermi interattivi e reticolari (networked). L’idea è quella di promuovere esperimenti di ricerca collaborativa online, attraverso un coinvolgimento più diretto con i nuovi media (leggi sopratutto video digitali).

I pezzi online sono brevi videoclip o slideshow di immagini (non più di 3 minuti), a cui viene affiancato un breve commento impressionistico di un curatore, che li interpreta quasi nello stesso tempo in cui vengono visti – come fa il curatore di un museo che transcodifica e ricontestualizza (remediate) un oggetto.

In altre parole, la distanza tra il momento della visione e quello dell’analisi critica è pochissima (Genette avrebbe parlato di quasi-simultaneità).

———————————————————————

Danah Boyd ci invita caldamente a leggere Automating Inequality, un libro di antropologia digitale che fa capire come un uso deterministico dell’intelligenza artificiale rischi di automatizzare le ineguaglianze invece di risolvere i problemi sociali che vorrebbe affrontare.

Sullo stesso argomento segnalerei anche Weapons of Math Destruction: How Big Data Increases Inequality and Threatens Democracy di Cathy O’Neil.

Un contributo accademico interessante è la bibliografia sui Critical Algorithm Studies pubblicata sul Social Media Collective Research Blog.

Dal punto di vista giornalistico segnalo inoltre che

Il tema delle fake news, di certo non nuovo (come dimostrano diversi panel alla recente MLA conference), è stato rilanciato in grande stile dall’arrivo dei social media. il Poynter Institute ha pubblicato una guida al riguardo. E non dimentichiamo la conferenza Around The World 2017 organizzata dal KULE Institute su Digital Media in a Post-Truth Era.

———————————————————————

L’Alliance of Digital Humanities Organizations (ADHO), di cui anche AIUCD fa parte, è in crescita e ha necessità di ripensare la propria struttura. Recentemente è stato pubblicato un documento, Proposed Financial Scenarios, su cui è possibile dare un feedback.

Segnalo anche che

———————————————————————

Call for Papers

International Conference for Electronic Publishing 2018: Deadline Extended to 31 January (#ELPUB2018).

Mathematics and Modern Literature, Manchester, 2018 (Deadline: 5th February 2018)

Multilingual Digital Authorship, Lancaster University, 8-9 March 2018 (Deadline: 2nd February 2018).

7th International Conference on Data Science, Technology and Applications, July 26 – 28, 2018, Porto – Portugal (Deadline: March 13, 2018)

———————————————————————
Tutorials di programmazione per umanisti

Python programming for the humanities

Correspondence Analysis for Historical Research with R

———————————————————————
Altro

LGBTQ Video Game Archive

L’intelligence Artificielle – 60 secondes pour comprendre

Transverse Reading Gallery


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *