CRILeT: Giuseppe Gigliozzi e la sua eredità nel campo delle Digital Humanities

[Presentato a Roma il Centro di Coordinamento Ricerca Informatica Letteratura e Testo. Resoconto a cura di Giorgio Guzzetta, Tiziana Mancinelli e Alessia Scacchi.]

Il seminario organizzato all’università di Roma “La Sapienza”, dedicato alla memoria di Giuseppe Gigliozzi, studioso di informatica umanistica prematuramente morto nel 2001, ha permesso la costruzione di un’interessante  e stimolante discussione e valutazione sulla disciplina – per quel che concerne il contesto italiano – e ha creato momenti emozionanti e commoventi attraverso i ricordi e i racconti, soprattutto per quanti lo avevano personalmente conosciuto come collega e come docente. Proprio a Gigliozzi è stato intitolato il neo-ri-nato Laboratorio di Coordinamento Ricerca Informatica Letteratura e Testo (CRILeT), rinato in quanto già attivo presso il Dipartimento di Studi Filologici Linguistici e Letterari dell’Università di Roma “La Sapienza” (dal 1993 al 2001), luogo di formazione di quella che si potrebbe chiamare Scuola Romana di informatica umanistica. Il convegno, annunciato come il primo di una serie sulle Digital Humanities, e’ stato organizzato, tra gli altri, dal Dipartimento di Scienze Documentarie, Linguistico-filologiche e geografiche, dal DigiLab dell’Università di Roma “Sapienza”, e dal Centro Linceo Interdisciplinare “Beniamino Segre”.

Nella prima parte della giornata, intitolata “La storia, la memoria, la trasmissione”, si sono susseguiti i ricordi dei colleghi e amici che lavorarono insieme a questa figura di intellettuale atipica ed eccezionale per l’accademia di allora (ma anche per quella attuale). Alberto Asor Rosa, dichiarando Giuseppe Gigliozzi un pioniere degli studi di analisi testuale con l’ausilio della tecnologia informatica,  ha sostenuto come spesso l’anglofonia, in alcuni ambiti disciplinari, oscuri e penalizzi gli orientamenti, gli studi e la produzione scientifica di quegli studiosi italiani che nel tempo si sono sperimentati creando biblioteche digitali all’avanguardia come quelle degli anni ‘90,  grandi progetti istituzionali come la Letteratura Italiana Einaudi, la Storia Italiana Einaudi, oppure altrettanto innovativi come il Museo Mondo3 della RAI. E’ poi intervenuto Tito Orlandi ha parlato  del ruolo di Gigliozzi nel rendere l’informatica umanistica una disciplina vera e propria, mettendone in evidenza alcuni elementi fondamentali senza i quali essa rimane una disciplina monca. In particolare ha sottolineato la necessità di una conoscenza approfondita dell’informatica, a partire dalle origini. La macchina di Turing, per esempio, il primo modello in base al quale i computer digitali saranno poi costruiti, va conosciuta anche nel suo aspetto teorico di anello di congiunzione tra un ragionamento puramente logico e strumenti completamente materiale e meccanici. Roberto Mercuri si e’ soffermato sugli intenti teorici e pratici del Progetto della biblioteca digitale TIL-Testi Italiani in Linea, che aveva fra gli obiettivi principali di essere gratuita e scientificamente affidabile, progetto a cui aveva collaborato e partecipato all’ideazione assieme a Giuseppe Gigliozzi.  Raul Mordenti ha invece concentrato l’attenzione sullo stato presente del mondo dell’editoria e sulla crisi dell’editoria cartacea connessa in maniera liminale allo sviluppo dell’editoria digitale; ha inoltre rimarcato il bisogno di una riflessione sulle strategie di mercato dei colossi digitali quali Amazon o Google e il ruolo che questi agiscono nella trasmissione del sapere; mentre Giovanni Ragone ha tributato un doveroso ringraziamento all’eredità di Giuseppe Gigliozzi nell’aver ispirato la creazione di DigiLab e di molti altri progetti di cui Ragone è stato protagonista prima e dopo la morte di Gigliozzi. L’introduzione della mattinata è stata affidata a  Monica Cristina Storini, Direttora del CRILeT, che ha illustrato le linee guida del Centro di Coordinamento.

In tarda mattinata è stata inaugurata la Biblioteca CRILeT con gli interventi di Gianfranco Crupi e Giovanni Solimine. I due studiosi hanno sottolineato l’importanza dell’apertura della biblioteca del CRILeT che eredita quella molto ricca del CISADU, altro ramo significativo della suddetta scuola romana, anch’esso chiuso ormai da vari anni. La notizia della rinascita del Crilet, e della riapertura della storica biblioteca del CISADU, forse l’unica biblioteca in Italia espressamente dedicata all’Informatica Umanistica, e probabilmente una delle poche anche nel resto del mondo, segna un momento fondamentale nel riconoscimento della disciplina nel mondo accademico e istituzionale e apre la possibilità di uno studio e una conoscenza più approfondita della storia, ancora da scrivere, dell’IU in Italia, che, tra parentesi, rientra tra gli scopi di questo blog.

Nel pomeriggio la discussione è proseguita con le relazioni su “Progetti e Prospettive” introdotte e coordinate da Laura Di Nicola. Alla tavola rotonda hanno partecipato Monica Cristina Storini, Tiziana Banini, Federico Caria, Sonia Gentili, Alessia Scacchi, Lucinda Spera, Myriam Trevisan e Debora Vaccari.

Il dibattito del pomeriggio ha visto la partecipazione di giovani ricercatori e ricercatrici: si e’ dato spazio a diversi progetti digitali e riflessioni teoriche in corso nell’ambito del CriLet. Non tutti i progetti, a dire il vero, erano propriamente di Informatica umanistica in senso stretto, ma sicuramente innovativi e  interdisciplinari.

Un tema fondamentale è emerso dalla giornata: il ruolo chiave dell’informatica umanistica nella ricerca e nell’insegnamento (a tutti i livelli, a cominciare dalla scuola), su cui lo stesso Gigliozzi a suo tempo aveva molto insistito, mettendolo al centro del suo lavoro e del suo impegno nell’originario CriLet. La situazione che si è venuta a creare, in cui gli umanisti digitali si trovano oggi, è quella di chi, avendo perso la condizione tradizionale, gutenberghiana, in cui il sapere poteva essere trasmesso e cercato attraverso libri e biblioteche,  si ritrova, senza però essere entrato in una condizione digitale vera e propria, ad assumersi responsabilità molto spesso non riconosciute. Se si guarda alle nuove generazioni, ai cosiddetti nativi digitali, non si può fare a meno di notare come spesso la maggior conoscenza è semplicemente conoscenza d’uso, e molto raramente riguarda il funzionamento reale degli strumenti digitali e le problematiche teoriche ad esso connesse. Non avendo una sufficiente conoscenza e dimestichezza degli strumenti che usiamo, anche e sopratutto teorica e retorica, non saremo più in grado di discernere i diversi livelli d’interpretazione del testo e neanche saremmo capaci di sciogliere le metafore. Per cui forse una delle prime cose da fare, al di là dei vari progetti di ricerca che usano strumenti digitali di vario tipo, potrebbe essere proprio quello di una riflessione sulla cultura e sull’educazione al digitale, al momento debole in Italia, oppure affidata in gran parte ai privati. Ovviamente con il corollario che tale ripensamento non deve essere solamente tecnico, ma anche retorico, e forse anche semiotico, soprattutto nel caso dei cosiddetti nuovi media. Beffata dalle tecnologie che essa stessa ha creato, la società resterebbe alla ricerca di qualcuno che sappia interpretare, che sappia percorrere gli infiniti sentieri che si biforcano, propri delle competenze interpretative acquisite in millenni di studio. Solamente chi avrà serbato il metodo, veicolandolo con strumenti nuovi, avrà conservato la capacità di decodificare le più sottili “incoerenze” retoriche.

In questo la scuola italiana sta producendo analfabeti dell’interpretazione e studenti alfabetizzati che mangiano alla corte di Windows e che conoscono solamente strumenti; i nativi digitali non riescono a porre in continuità l’informazione digitale con la loro esperienza di studio e con le competenze di elaborazione, comprensione, rielaborazione e critica del testo. A questo dissesto formativo servirebbe che gli umanisti di oggi ponessero un freno, in quanto l’estrema tecnicalizzazione dell’insegnamento di informatica nel sistema scuola produce un danno grave, specie per quanto concerne le capacità logico-interpretative dei futuri protagonisti della società, chiedendo un posto di primaria importanza alle Digital Humanities non solamente in campo accademico – le Università da tempo si mostrano sorde agli stimoli di una società protagonista della rivoluzione culturale in atto – ma anche nel campo della formazione primaria e secondaria che, a tutt’oggi, restano nelle “sapienti” mani dell’industria editoriale. Infatti, se è ben possibile, ma ancora da dimostrare, che i libri sono morti (o prossimi a morire), è anche vero che ancora gli ebook e le pubblicazioni digitali non sono veramente nate, né si può dire che esista un software di scrittura degno di questo nome, che soprattutto supporti la creatività. Il rischio vero, poi, a meno che non si prenda il coraggio a due mani, è che ci si abitui a questa condizione, finendo con il buttar via il bambino con l’acqua sporca.

L’augurio perciò è che il risorto CriLet contribuisca a compiere questo atto di coraggio e a farci uscire da questa situazione ibrida in cui come uomini di cultura in genere e come umanisti in particolare ci troviamo. In questo modo si renderebbe pienamente omaggio alla memoria di Giuseppe Gigliozzi.


Un pensiero su “CRILeT: Giuseppe Gigliozzi e la sua eredità nel campo delle Digital Humanities

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *