I blog di ricerca online, verso una conversazione decentrata

[Pubblichiamo un altro post sul tema del blogging accademico che  traduce e semplifica un saggio di Marin Dacos e Pierre Mounier. Traduzione e cura di Chiara Orsolini]

I carnets di ricerca in rete, gli spazi di una conversazione scientifica decentrata

Quando Bruno Latour, in Piccole lezioni di sociologia delle scienze, vuole mostrare come si fabbricano fatti scientifici, sceglie di seguire un’ équipe di ricercatori dell’ORSTOM nella foresta Brasiliana, osservando attraverso quali meccanismi la foresta si trasforma in savana. Egli si sofferma sui molti strumenti essenziali utilizzati durante il processo di produzione di conoscenze, come carnets di appunti, annotazioni, griglie di misurazione, carte, documenti, fotografie, quaderni di protocollazione, che costituiscono la prima rappresentazione della realtà osservata sul terreno. Questo corpus di dati verrà poi filtrato attraverso giochi di supervisione, traduzione, e solo in parte sarà dichiarato valido e forse pubblicato sotto forma di articolo.

Quello che si vorrebbe cercare di capire in questo intervento è se la Rete ci sta aiutando a portare fuori dalle redazioni delle riviste scientifiche il processo attraverso cui si producono le conoscenze, rendendolo pubblico prima che i dati grezzi vengano trasformati, tradotti e convalidati per essere pubblicati in rivista. Rendere pubblici questi dati non cambierebbe soltanto l’economia di lettura, ma anche quella complessiva, della produzione accademica, finendo per dare vita a una forma nuova di comunicazione scientifica, che sarebbe partecipativa come la stessa Internet.

Questo insieme, parte della Vita da laboratorio di un ricercatore, rischia di finire online, per il momento sotto forma di un diario di bordo (altrimenti detto web-logs o blog). ll blog scientifico è stato colto da molti ricercatori come l’opportunità per aprire la scatola nera del proprio laboratorio interrogando così nuove modalità della pratica scientifica, della produzione di conoscenze certificate, di beni collettivi e della loro diffusione. Ne consegue un’apertura, e la presa di coscienza che una ricerca non si svolge in una camera iperbarica, ma può fare presa e attingere sui dibattiti scientifici, intellettuali, politici della sua epoca. In questo modo il blog si inserisce all’interno del trasferimento delle conoscenze tra le riviste specializzate -prodotte e lette da ricercatori- , e quelle divulgative – prodotte e lette da professionisti, insegnanti studenti ecc ce -, che probabilmente finiranno col divenire, in questo nuovo contesto, superflue. Nel blog il pubblico non viene segmentato in partenza, come nelle riviste scientifiche, né lo scopo della pubblicazione di un post è necessariamente quello di finire in uno studio o in una categoria tassonomica, e questa confusione editoriale provoca la dissipazione dei ruoli professionali. Il successo planetario di alcuni blog scientifici diversi in tematiche e in pubblico, – dai post dei fisici di Cosmic Variance a proposito di lanci di sonde esplorative nell’universo, nuove stelle, onde gravitazionali, ai post sui cambiamenti climatici di Real Climate. In Italia un esempio è A quantum diaries survivor, di Tommaso Dorigo, fisico del CERN, che nel suo blog spazia dall’attualità politica alle politiche scientifiche- , si deve si alla plasticità di questo mezzo, ma anche al fatto che gli autori, abbiano profili ibridi, come quello di Phil Plait, di Bad Astronomy, che si presenta come autore, astronomo, conferenziere. Una presentazione di questo tipo fa capire molto bene quanto un ricercatore metta in gioco della sua reputazione scrivendo su un blog scientifico. Le molteplici direzioni del flusso di comunicazione che parte dal blog, in direzione della diversità degli ambienti digitali in cui il ricercatore è presente, dai social network ai forum scientifici, ai magazines, supportano la dimensione imprenditoriale che contraddistingue ogni ricerca scientifica, in grado di rispondere a una forma di domanda sociale, esattamente come il circuito di pubblicazione scientifica tradizionale. Questa dimensione sociale propria al giornale di bordo di un ricercatore (ossia il blog), sebbene non sia il portato in digitale del proprio quaderno di ricerca sul campo, è in grado sia di dirigere il proprio funzionamento che di definire le funzioni che assume. Un esito inatteso, stando alle riflessioni condotte finora sulle trasformazioni della scrittura scientifica sotto gli effetti del digitale.

Effettivamente l’incontro tra web e scienze umane ha mosso fin da subito riflessioni su nuove pratiche di scrittura scientifica, soprattutto per unire meglio la dimensione pratica con quella teorica. Già nel 1999 Robert Darnton, storico del libro, ha proposto un modello che combinava il supporto cartaceo con la pubblicazione di un’opera breve, mentre il supporto elettronico si sarebbe scomposto in una piramide formata da cinque livelli:

  1. argomentazione dettagliata (elemento di dimostrazione)
  2. documento di lavoro (elemento di fonte o d’interpretazione di queste fonti)
  3. considerazione teorica o storiografica
  4. proposte pedagogiche
  5. scambi e dibattiti con i lettori

Tuttavia, siamo ancora molto lontani dal poter raggiungere questo modello e l’universo editoriale è incredibilmente stabile.

I commenti come modello di open peer review

Un esperimento di “open peer review”, è stato condotto da Nature nel 2006. Gli editori hanno scelto di sottoporre al pubblico gli articoli in via di selezione per la pubblicazione, e farlo partecipare alla procedura aprendo i commenti agli articoli. Ma l’esperimento fu fallimentare per due motivi che riguardano la condizione dei commentatori 2.0 rispetto a quella dei commentatori normali: un effetto di sovraesposizione e un effetto di sotto-esposizione. L’expertise che convalida una pubblicazione tradizionale, guadagna per esprimere il proprio parere senza perdere nulla in relazione sociali. Al contrario il commentatore 2.0, che rilascia apertamente i suoi giudizi, non può essere troppo severo, non essendo protetto dall’anonimato. Una volta rilasciato il commento, questo appartiene a Nature ad vitam, non è previsto nessun controllo sul proprio oggetto editoriale, nessuna possibilità di ripensamento o di rimorso. Il che induce a desistere la maggior parte di coloro i quali pensano di poter incontrare nel futuro un collega a cui è stato rilasciato un commento negativo. Inoltre, non remunerato simbolicamente per lo sforzo consistente di aver strutturato un’argomentazione, il commentatore 2.0 non è invogliato ad investire una consistente parte del suo tempo. Per questo i commenti registrati da Nature durante l’esperimento furono carenti dal punto di vista tecnico. I curriculum vitae non permettono di menzionare “Ha rilasciato dei commenti online su Nature e su Science…”, per cui il ricercatore non beneficia per se della legittimità della rivista, di cui potrebbe godere invece se un suo articolo venisse pubblicato. D’altro canto, assimilare commenti pubblicati in un blog a commenti pubblicati in una rivista, significherebbe scommettere sulla permeabilità degli oggetti editoriali, per il momento largamente in anticipo sui tempi per non dire puramente astratta.

Al contrario, è evidente che un carnet di ricerca disponibile online sarebbe il luogo più adatto, ad ospitare brevi annotazioni di lettura su uno stesso testo, che possono moltiplicarsi tra i ricercatori, generando un caleidoscopio di interpretazioni, incroci e collegamenti. Bisognerebbe considerare il carnet di ricerca online come uno degli elementi costitutivi dell’identità digitale di un ricercatore, parte significativa della sua casa digitale, all’interno della quale controllerà a suo piacimento l’ esposizione: moderando i commenti, aggiungendo addenda ed errata, associando ai suoi articoli la lista dell’insieme delle sue pubblicazioni, dei collegamenti ricevutie dei significati che attestano le sue affiliazioni istituzionali. Per esempio, una promozione presso un istituzione prestigiosa, può essere rapidamente registrata in un blog, come negli altri luoghi di controllo dell’identità digitale (Facebook, Academia, edu,…), ed essere dunque indicizzata velocemente dai motori di ricerca.

La speranza di una condivisione, aperta e disponibile online, di dati di ricerca, appunti sul campo, diari di laboratorio, si rivela ancora abbastanza illusoria o almeno prematura. Il carnet di ricerca online si situa in mezzo tra un quaderno di ricerca sul campo o di laboratorio, e una rivista a comitato di lettura. Nel migliore dei casi, è ricco di ipotesi di lavoro che darebbero luogo, in un secondo momento, a delle pubblicazioni, in quanto rende conto del lavoro di sorveglianza che effettua il ricercatore sul proprio oggetto di ricerca. Ma soprattutto il carnet di ricerca online, costituisce un’interfaccia tra l’ autore e il suo ambiente, preso in tutta la sua diversità e nella sua complessità.

Una nuova forma di disputatio

Dalla disputatio alla repubblica dei Saggi, la scienza si è costruita intorno alla virtù euristica dello scambio d’idee. La normale conclusione di una ricerca sarebbe il seminario, dove un ricercatore presenta le ricerche recenti. Il pensiero vi cerca un suo cammino, attraverso parole e formulazioni articolate, nutrendosi di confronti con un pubblico iniziato e con se stesso. Per molti aspetti, i carnets di ricerca online, possono essere assimilati a una forma scritta di seminario. Un seminario permanente, secondo la formula di André Gunthert, meno ritualizzato ma più stabile e più disponibile nel tempo e in diversi spazi. Questa risorsa sarà dunque disponibile per le generazioni successive, le problematiche future, proponendosi per incroci tematici o metodologici ancora indispensabili oggi. Soprattutto sarà consultabile ugualmente per i lettori occasionali, lettori distratti, lontani, non professionisti. Siamo carenti di studi che identificano le pratiche di lettura secondaria, e gli apporti dei quaderni di ricerca all’arricchimento culturale o scientifico dell’insieme della società. Facendo proprio questo il carnet di ricerca rende manifesta un’ attività ben nascosta solitamente, “osserviamo letteralmente il lavoro nel suo farsi, che non è una maniera scarna di renderne conto a un certo punto, quando la società ci chiede di far quadrare i conti.

Retorica dello Strike

Nella sua residenza digitale, il ricercatore è accreditato dall’insieme dei suoi contributi che siano modesti o geniali, rari o numerosi. La residenza è illuminata dallo stile dell’autore, che utilizza il suo talento nel diffondere il suo il suo pensiero con maestria, gestendo le allusioni e il non detto, moltiplicando le manifestazioni di fedeltà intellettuale quanto gli attacchi mirati, con la possibilità di utilizzare se possibile, una piccola dose di humor. Per esempio attraverso l’uso degli strike, questa forma tipografica che sbarra le parole, e che permette di dire tutto quello che abbiamo tentato di dire e non abbiamo mai detto. La figura della preterizione vi riconosce una nuova giovinezza. Ugualmente ci si può servire degli smileys, o emoticons, forme inventate da Scott Fahlman nel 1982, per permettere di liberare certe ambiguità di tono che la lingua scritta non permette sempre, soprattutto quando lo stile è sintetico e la scrittura rapida. Si tratta di una manifestazione tra le altre, del carattere soggettivo che un’ oggetto di ricerca ssume all’interno di un ambiente proprio al ricercatore. Luogo personale, luogo individuale , il carnet è dunque potenzialmente il luogo della conversazione scientifica da pari a pari, da individuo a individuo, che conviene illustrare non soltanto per consolidare la dimostrazione, ma nello stesso modo con cui si decora un appartamento, per dare un tono, un colore, un calore umano. La struttura enunciativa di un supporto simile permette che si dipani una retorica della soggettività, all’opposto dello stile neutro proprio delle pubblicazioni canoniche. Potremmo chiamarla la retorica dello “strike”. Anche l’oggetto di ricerca conosce all’interno di questi spazi una nuova vita, svincolandosi dalla tassonomia tradizionale e venendo contestualizzato in un ambiente più ricco di quello richiuso dalle norme editoriali, la categorizzazione dei contenuti, genera una folksonomia, come l’ha definita l’informatico Thomas Van der Wal.

La conversazione silenziosa

E’ possibile misurare l’efficacia di un carnet di ricerca online contando il numero e la lunghezza dei commenti? Si tratta di un indicatore quantitativo fuorviante, e assai inadatto, perché si dovrebbero misurare allo stesso modo, l’ uso, fatto con la citazione estratta, esplorabile grazie ai retro-collegamenti, i backlinks che fanno parte del cuore dell’economia di scrittura e di lettura dei carnets. Altrimenti noteremmo un’infima minorità di reazioni, in seno all’ ecosistema omogeneo e più vasto dei carnets. All’interno delle pubblicazioni propriamente dette invece, il blog non ha ancora acquisito la legittimazione sufficiente per potervi ottenere diritto di citazione. Di conseguenza l’autore di un articolo mette in atto una serie di contorsioni per citare un carnet online senza citarlo veramente. Inoltre non bisognerebbe dimenticare la conversazione silenziosa che si allaccia tra l’autore e i suoi lettori e la qualità dei commenti, che vengono sottoposti all’autore, a casa sua, che andrebbero presi in considerazione nel misurare l’impatto di questi strumenti.

A maggior ragione dal momento che sembra che il pubblico dei carnets si comporti in modo più fedele e sia più concentrato rispetto a quello delle riviste scientifiche online. Questo fatto emerge dalla comparazione di dati ottenuti da Revues.org sui comportamenti di frequentazione delle riviste più consultate, e da Hypothèses, una piattaforma che rende disponibili carnets di ricerca in scienze umane e sociali. Tecnicamente e statisticamente le misurazioni sono state realizzate in condizioni strettamente identiche. Si è stabilito per ogni sito un “tasso di fedeltà” che rappresenta il numero delle visite ripetute, divise per il numero di visitatori. Più il tasso è vicino a 1, più è raro vedere che un visitatore torna sullo stesso sito nel corso dello stesso mese. Più il tasso si alza al sopra di 1, più si alza il numero di ritorni. Il pubblico che consulta le riviste è poco fidelizzato (da 1,2 a 1,5), mentre le consultazioni dei carnet, sono più deboli quantitativamente ma più densi qualitativamente, essendo il numero delle persone che ritornano regolarmente a consultare il carnet, apparentemente più elevato (da 1,9 a 4,4,).*

Conclusione

Il carnet di ricerca produce un decentramento di luoghi della scrittura verso degli spazi meno codificati e meno formali rispetto a quelli tradizionali di pubblicazione. Un recente studio condotto dall’Association of Research Libraries sulle forme attuali di comunicazione scientifica include anche le forme più effimere e meno individuali di conversazione, tra cui il blog. A proposito di uno fra questi blog, gli autori dello studio constatano “ « Though blogs may receive more attention in the popular media as vehicles for political commentary, celebrity gossip, or personal musings, this form of digital content is being put to interesting use by scholars, as well. In some ways, blogs may be thought of as an “updated” version of the traditional listserv. For example, the scholars who created PEA Soup, a blog focused on philosophy and ethics, were eager to re-create the “water cooler conversations” about their work – working through new ideas informally – that they otherwise lacked as members of relatively small departments. “We were more interested in the electronic equivalent of walking down the hall to talk to your colleague, but with people all over the country and world,” according to one of its founders ». Constatiamo attraverso quest’analisi che ad essere in gioco non è tanto l’economia della scrittura quanto quella della lettura. La procedura che è stata rivoluzionata nel corso degli ultimi anni è stata prima di tutte quella dell’accesso. Gettando le basi di una nuova relazione col pubblico dei lettori, il carnet di ricerca offre l’opportunità di reinventare la scrittura scientifica sul paradigma della conversazione, riallacciandosi così con una vecchia tradizione di dibattito scientifico. Allo stesso tempo però, si dota di una retorica adattata al nuovo spazio in costruzione. Constatiamo infine che il più vecchio deposito di archivi aperti costruito fin’ora, ArXiv, sfrutta ormai i backlinks provenienti dai blog scientifici, individuandoli e mettendoli in evidenza. Un tale avvicinamento tra oggetti editoriali molto diversi lascerebbe pensare che la loro convergenza sarebbe realizzabile senza passare per  un processo di fusione, che porterebbe alla creazione di carnets-rivista-archivi aperti. Piuttosto potrebbe venire realizzata attraverso la consolidazione di ognuno di questi spazi accademici già in parte consolidati. Nel quadro di quest’ ipotesi, il carnet diventerebbe un anello del dispositivo scientifico, valorizzato attraverso scambi di dati tra tipologie di oggetti editoriali e luoghi di scienza diversi. Ovvero attraverso l’interoperabilità di questi oggetti. Il che non è esattamente la piramide di Darnton ma potrebbe non esserne così lontano.

*Per una spiegazione tecnica più completa rinvio all’originale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *