Blogging Accademico, un’esperienza personale (parte seconda)

[Seconda parte dell'intervento di intervento di Arthur Charpentier sul tema del blogging accademico, originariamente apparso sul suo blog freakonomics, col titolo Academic Blogging, a Personal Experience. Il testo è molto lungo per cui abbiamo pensato di dividerlo in tre puntate. La terza puntata tra qualche giorno. La prima parte invece la trovate qui. Traduzione a cura di Anna Caprarelli]

  • Vita accademica e attività di Blogging

Secondo Merton (1942), l’accademia era tradizionalmente governata da alcune regole di universalismo, comunismo, disinteresse e scetticismo organizzato. Più recentemente, Ziman (1996) ha affermato invece che, l’accademia è caratterizzata da regole invertite di norme proprietarie, localistiche, autoritarie, commissionate e dotte. Il Blogging è probabilmente una risposta a questo cambiamento. In questa sezione, affronteremo le interazioni delle attività di Blogging con compiti più prettamente accademici.

  • Gerarchia accademica e regole

Walker (2006) ci spiega che “il blogging ci ha permesso di aggirare le strutture di potere dell’accademia“. I Blog sono a metà tra lo stile colloquiale della conferenza, e lo stile dell’articolo scritto. Ma i blog sono chiaramente al di fuori di questa comunità, i blog sono molto più accessibili: non devi seguire la conferenza, non devi neanche registrarti, e di solito ti è permesso partecipare alla discussione senza appartenere alla comunità (in realtà dovresti, se hai intenzione di pubblicare una risposta a un articolo pubblicato).

Inoltre, la burocratizzazione delle università ha avuto un “un profondo effetto sulla scrittura degli accademici” (come discusso in Brett (1991)). In maniera più specifica, oggi, in concreto, è impossibile per gli accademici esercitare una “funzione intellettuale pubblica” poiché andrebbe “contro i loro stessi interessi”. I Blog possono essere visti come una risposta degli accademici per riguadagnare una certa libertà d’espressione. Come citato in Gordon (1998), le posizioni incardinate furono inizialmente create proprio per prevenire pressioni e permettergli, a lungo termine, una libertà d’espressione forte. Ma negli anni 2010, i posti di docenza strutturata esistono solo per potere esercitare ulteriore pressione su coloro che hanno contratti temporanei.

  • I post nei Blog e gli articoli accademici

Un post di Blog è pubblicato, di solito, senza nessuna pressione, senza dovere impressionare nessuno, solo con l’idea di lavorare su alcuni pensieri e concetti, unendo nel ragionamento lo scrittore e il lettore. Gli articoli accademici devono sottoporsi al processo di “peer review”. Ma è solo una discussione peer to peer. Tutte queste discussioni sono di solito saltate nella versione finale, e non esiste un vero spazio per la discussione, eccezione fatta per alcuni articoli controversi, per i quali una discussione può essere pubblicata. Come menzionato in Chatterjee & Biswas (2011), alcune riviste hanno oggi dei forum, ma non c’è spazio, altrimenti per discutere di un articolo pubblicato. I Blog possono essere visti come strumenti per “recensioni post-pubblicazione di articoli“. E’ ciò che è accaduto nel 2010, quando la rivista Science ha pubblicato un articolo (Sebastiani & al. (2010)), che fu poi criticato da alcuni blog di scienza – riguardo a degli errori metodologici, prima di essere ritirato (cfr Carmichael (2010) e MacArthur (2011) per la discussione completa).

Gli articoli dei Blog offrono uno spazio non solo per riassumere un’intera ricerca (scritta in una rigida forma codificata), ma anche per discutere il processo e il contesto dello studio. Come Gregg (2009) suggerisce, i blog forniscono uno spazio “distinto dalla cultura imparentata alle istituzioni“. Un articolo può iniziare con una discussione tra colleghi, poi altri autori possono aggiungersi fornendo altri contributi. L’articolo è in seguito scritto in un formato codificato per soddisfare i potenziali critici. Questi critici possono chiedere delle modifiche sostanziali, a volte perché alcuni co-autori hanno veramente bisogno di una pubblicazione in vista di una ricerca di lavoro. Infine l’articolo pubblicato potrebbe non avere nessuna connessione con la discussione iniziale. Anche se i blogger non vogliono condividere con estranei la parte nascosta dell’articolo, potrebbe essere interessante enfatizzare invece gli articoli abortiti, i tentativi falliti e come iniziò la vita dell’articolo.

  • Un Blogger accademico non è un giornalista (scientifico)

Il Blogging può rilanciare la relazione tra scienza e società, semplicemente rendendo le ricerche più comprensibili, proprio come fanno i giornalisti. Sono sempre esistite connessioni tra le due comunità: accademici in grado di capire esattamente le affermazioni presenti in una ricerca scientifica, e giornalisti scientifici che riescono a riassumere e spiegare con meno gergo tecnico. “Storicamente, gli accademici sono stati posti in una posizione reattiva, rispondendo alle domande dei reporter. Il Blogging pone gli accademici in una posizione più dinamica, intervenendo più efficacemente in dibattiti popolari circa i temi della loro ricerca” come affermato da Jenkins (2008).

Infatti, alcuni accademici pubblicano post in blog ospitati da giornali, come “The Conscience of a Liberal” (di Paul Krugman). In qualche modo, questi giornali (qui il New York Times) ospitano accademici nello stesso modo in cui ospitano opinionisti, laddove gli accademici erano invitati a fornire il loro punto di vista, alcuni anni orsono. Ma come lo spiega Quiggin (2011) “i giornali sono generalmente riluttanti a pubblicare discussioni circa ricerche accademiche e altre simili pubblicazioni, salvo che le conclusioni non siano ovviamente interessanti da un punto di vista giornalistico.” Le scienze economiche nei giornali devono essere messe in relazione con la macroeconomica, e la scienza deve essere collegata con la medicina o la tecnologia (la pagina delle scienze è ora una bella pagina di pubblicità per le più recenti applicazioni da smartphone). E, come menzionato da Cottrell (2013), un paio di decadi fa, gli esperti (per non dire gli studiosi) “ funzionavano come fonte per i giornalisti. La loro opinione emergeva spesso storpiata e semplificata, sempre troncata, in articoli sui quali non avevano nessun controllo finale.” Ora, con i blog, è possibile leggerli direttamente, in uno stile semplificato, comparato alle pubblicazioni accademiche (standard). “oggi, il lettore generale ha accesso a competenze facilmente disponibili, una decade fa erano disponibili solo all’insider o allo specialista“. Scrivere un post in un blog accademico non significa né fare finta di essere un giornalista, né scrivere un articolo accademico. Nel processo tradizionale della ricerca, discutiamo con colleghi, possibilmente in convegni, ma rimane solo la pubblicazione finale. False partenze e processi euristici sono saltati, perché possono sembrare non necessari alla comprensione dell’articolo. Ed è proprio qui che il blogging diventa interessante. Nei giornali, i collaboratori sono invitati ad evitare equazioni matematiche e linguaggio tecnico scientifico. I Blog sono esattamente il collegamento mancante tra un articolo di ricerca tecnico, “gergale e pomposo” (come citato da Mewburn & Thomson (2013)), e un articolo giornalistico, di solito con lodi esagerate circa contributi minori.

  • Lo stile narrativo di un articolo di Blog

C’è un contrasto crudo tra la storia utilizzata in un articolo sottoposto a peer-review e il vero processo di ricerca tenuto nascosto. Il lato disordinato di un progetto di ricerca e tutti i vicoli ciechi possono essere citati, forse come rapido aneddoto, all’interno di un intervento in un convegno. Ma per un giovane ricercatore, non è il posto per discutere la vera storia (forse solo il suo lato brillante) della sua ricerca. Come citato da  Conole (2007), “la blogosfera offre uno stile alternativo al discorso accademico“. Un articolo di blog diventa il posto per i ritagli del proprio lavoro, e più informalmente, per uno stile completamente diverso. Come affermato da Pierre Mounier e Marin Davis (di hypotheses.org) il blog sta a metà strada tra l’orale e la forma scritta.

Tuttavia, il tono o lo stile di scrittura è diverso da un blog all’altro. I post possono essere scritti sotto forma di reportage, con uno stile giornalistico (dove varie fonti d’informazione sono radunate e sintetizzate in un’unica pagina), oppure sotto forma di saggio formale o informale (quando la trama è scritta, correlata da opinioni), può essere più pedagogico (con molte domande) o satirico (cfr  Mewburn & Thomson (2013) per una comparazione dettagliata, con ulteriori esempi).

Ma il tempo in cui Karl Sagan fu criticato (cfr e.g. Emanuel (1986)) per avere menzionato uno studio in Parade (il giornale americano della domenica per eccellenza) prima di pubblicarlo in Science è ormai lontano. Come scritto da Oreskes & Conway (2011), questo atto fu considerato come ”una violazione delle norme scientifiche“. Similarmente, per via dello stile, alcuni ricercatori non possono considerare un articolo di blog come contributo serio.

  • Blogging e Microblogging (Twitter)

I Blog non sono i soli luoghi dove gli accademici sono visibili, oggi. Gli accademici sono anche molto attivi sulle piattaforme di microblogging come Twitter. Twitter è diverso dai blog. Non solo per la particolare lunghezza dei “posts“, ma anche perché è estremamente codificato (mentre i blog non lo sono per niente). Se gli accademici usano i blog per educare, possono utilizzare Twitter per informare, per rendere disponibile al pubblico del materiale interessante.

  • Dalle regole ufficiali agli utilizzi ufficiosi

Il Microblogging, su Twitter, è semplice. Si crea un account, su twitter.com, e 160 caratteri possono essere utilizzati per una corta biografia, con il possibile utilizzo di un avatar. È possibile essere attivo, twittando (mandando messaggi con meno di 140 caratteri), o essere passivi (e semplicemente seguire alcune discussioni). Si può utilizzare la finestra cerca, e appariranno tutti i tweet contenenti la parola chiave (o la frase completa). È anche possibile seguire alcuni hastags (scritti dopo il simbolo #) come #overlyhonestmethods, o alcune persone (scritti dopo il simbolo @) come @freakonometrics. Quando si segue quell’account, tutti i tweet (scritti sotto il sotto il nome @freakonometrics) appariranno nella cosiddetta TL ( timeline). In quel caso si avrà un follower (un “seguace” che ovviamente potrò seguire a mia volta). Si può twittare non solo testo, ma anche immagini e link html (che saranno automaticamente accorciati). Queste sono le regole ufficiali di Twitter.

Esistono anche codici e norme. Con un account Twitter, è possibile scriverei nostri propri tweet, ma anche retwittare un tweet, cioè inoltrare un tweet generato da un altro utente a tutti i nostri follower. Si può usare il pulsante retweet, o utilizzare il vecchio RT (per re-tweet) o MT (per modified tweet) qualora si dovesse accorciare un tweet.  Come nell’accademia, è importante citare le fonti dell’informazione quando si condivide con i propri followers (viene chiamato mention, ed è come usare una citazione all’interno di un articolo scientifico). Un altro modo di riconoscere l’account che originò il contenuto twittato è di usare l’HT (hat tip). È anche possibile discutere con altre persone. Si può rispondere ad un tweet utilizzando il pulsante reply (rispondendo ad un mio tweet, il tweet inizierà con @freakonometrics e solo i followers che seguono anche il mio account potranno vederlo nella loro lista dei tweet). È anche possibile interpellare con un poke un altro utente per assicurarsi che abbia letto i propri tweet. È possibile rendere un tweet favorite (preferito), cliccando sulla stella gialla a fianco del messaggio. Se molte persone che seguo scelgono di preferire un tweet, sarà più probabile che il messaggio appaia nella finestra discover, anche se non seguo quel account. Per via della costrizione dei 140 caratteri, molte parole strane possono essere utilizzate su Twitter, parole come “OH” “overheard“. Twitter ha anche le sue abitudini, come ad esempio la tradizionale #FF follow Friday (venerdi “seguo”). Ogni venerdi, è comune condividere i nomi degli utenti che abbiamo preferito o che abbiamo ritenuti interessante durante la settimana.

  • Gli accademici sono su Twitter ?

Solo “uno studioso su 40 è presente su Twitter” come stimato da Priem & al. (2012). Gli accademici sono in gran parte scettici per quanto riguarda Twitter. La maggior parte ritiene che Twitter sia per i ragazzi, o per gli studenti (se hanno qualche nozione di cosa sia Twitter). Ma Twitter non è per ricercatori. Per tornare alla mia esperienza personale, seguo (e sono seguito) da tanti studenti universitari, dottoranti o post-dottorandi, e da alcuni ricercatori senior. La maggior parte di questi ricercatori, scienziati importanti, condividono informazioni estremamente interessanti! Ma Twitter richiede tempo (così come i blog), e non tutti sono disposti ad avere un account su Twitter (ed essere attivo, condividendo link, o più generalmente interagendo con i propri follower).

Se non tutti sono su Twitter, molte persone importanti lo sono; almeno nel settore dell’Economia. In gennaio fu organizzata la conferenza annuale dell’American Economic Association, in Philadelphia. È lì che si svolge il mercato del lavoro per i dottorandi in Economia. L’evento fu assai attivo su Twitter (aggiornamenti frequenti venivano diramati seguendo #ASSA2014). Dalla mia prospettiva (e forse anche delle persone che seguo), sembrava che tutti erano presenti su Twitter durante questo (grande) evento.

  • Twitter come segnalibro

Come molti dei miei colleghi, passo molte ore online, leggendo articoli, per lavoro, per divertimento, e a volte può essere interessante tenere traccia di questi articoli, post di blog, e articoli su arxiv.org o papers.ssrn.com. la prima ragione per cui uso Twitter è che ho bisogno di tenere dei segnalibri. Con Twitter, questi segnalibri sono pubblici. Non significa che avallo tutto ciò che leggo, dovrebbe piuttosto essere inteso come ”trovo quest’articolo interessante, e lo voglio inserire nei miei segnalibri per poterci tronare più tardi”. Come molti accademici, leggo molto. E uno dei nostri doveri è proprio quello di condividere informazioni. Questo fu segnalato proprio in Priem & Costello (2010) “l’impatto professionale di Twitter può essere particolarmente pronunciato per gli studiosi dato che condividere informazioni è una componente centrale del proprio lavoro” (cfr Letierce & al. (2010)). Hanno stimato che il 30% dei tweet inviati dagli accademici contenevano collegamenti ipertestuali a risorse sottoposte a peer-review (di solito dei file pdf riguardanti ricerche). E non necessariamente un articolo pubblicato online 24 ore prima: può anche essere un articolo scoperto per caso, o un rapporto tecnico scritto dieci anni fa, appena scannerizzato.

Tradizionalmente, la visibilità accademica è misurata usando le citazioni, ciò significa che un lavoro è stato accettato dai propri (cosiddetti) colleghi, nella comunità scientifica. Gli accademici hanno bisogno di scrivere per avere un certo impatto. Ma molto tempo viene utilizzato per leggere. Quest’attività di lettura viene persa nel conteggio standard delle citazioni (almeno che non si sia pubblicato una recensione, per esempio). Su Twitter, si può commentare, anche (brevemente) discutere una pubblicazione, alcuni trucchi di codice, condividere visualizzazioni grafiche, etc. Non è come inviare un commento anonimo su qualche blog scientifico (di fatto parecchi blog non hanno più i commenti aperti). Su Twitter, c’è un certo tipo di credibilità, e non solo per il CV accademico: la gente ti conosce e ti segue. Secondo Wagers (2012) “del buon contenuto è propagato rapidamente, mentre del contenuto cattivo non lo è“. Ovviamente non è così semplice.

  • Live-Tweet durante convegni

Un altro uso popolare tra accademici è quello di utilizzare twitter in tempo reale durante convegni. Ma come segnalato in molti blog, si dovrebbe fare attenzione mentre si tweeta live. Tweetare in tempo reale è divertente, ma bisogna rimanere educati e ripettuosi, e utilizzare il virgolettato il più possibile. Tornando ai cosiddetti Twittergate (cfre McMillan Cottom (2012) per un riassunto completo), Aaron Bady, utilizzò un’immagine interessante, a proposito di Twitter all’interno della comunità accademica “Evoco l’immagine di un vecchio professore irascibile che urla ad un gruppo di teppisti tweeters di andarsene dal suo giardino, come Clint Eastwood in Gran Twittarino”.

Ancora, per tornare alla mia esperienza personale, normalmente non invio tweet in tempo reale, non mi sento a mio agio in questa modalità (preferisco prendere appunti, anche se posso scrivere un post nel mio blog più tardi, chiedo sempre all’oratore se posso pubblicare delle citazioni del suo intervento). “alcuni sono preoccupati che qualcuno possa twittare le loro opinioni prima che possano pubblicarle, e che ciò possa aumentare la possibilità di saccheggio da parte di colleghi — anche se altri pensano che ciò sia leggermente paranoico” come scritto in Kolowich (2012). “Il dibattito su i live-tweet in convegni è, in gran parte, circa il controllo e l’accesso: chi controlla lo spazio del convegno, il contenuto della presentazione, l’accesso alla conoscenza?” scrive Risam (2012). Andando oltre queste considerazioni etiche, esiste anche una ragione più pratica: in matematica è piuttosto difficile fare del live-tweeting. È difficile scrivere equazioni su Twitter, e citare un grafico senza il modello formale è inutile (o fuorviante). Può esserci qualche interesse quando sono presenti problematiche computazionali nel condividere bei grafici ,per esempio.

  •  Twitter come salotto online della facoltà

È anche possibile iniziare una discussione su Twitter, ma deve rimanere una discussione breve (chiedere una precisazione e dei riferimenti). Una problematica importante su Twitter è quella di velocizzare le connessioni tra gli scienziati. Ma non c’è niente di nuovo da questo punto di vista. Tradizionalmente, gli scienziati hanno sempre interagito con altri scienziati, in interazioni personali, seguendo seminari, conferenze, convegni e discussioni con colleghi Usando le parole di Priem & al. (2013), “le conversazioni informali hanno traslocato fuori dal salotto di facoltà per arrivare sulle piattaforme online dei social media”, come Twitter. Uno degli interessi è di interagire, come un più vasto “dipartimento virtuale”, con colleghi che non sono della porta accanto, che possono essere distanti e in altre aree di ricerca. Si può anche discutere con gente reale, fuori dall’accademia. Visto che ho interessi in “risk modeling”, finanza, clima, scienze informatiche e matematica, posso anche discutere con persone che lavorano in borsa, in compagnie di assicurazioni, in startup dedicate alla visualizzazione dei dati, perfino giornalisti. Un punto importante è che diventa possibile interagire con ricercatori di larghe vedute. Come citato in Fox (2012) – cambiando leggermente il titolo – “blogging [e micro blogging] hanno cambiato il modo di condividere idee nelle scienze economiche”.

Il primo passo nel processo scientifico è quello di trovare idee, nuove idee o concetti da investigare, serie di dati da analizzare. Seguire persone interessanti su Twitter può essere un primo passo. Il passo finale è di comunicare i risultati e spargere la conoscenza. Il tempo in cui i ricercatori stavano studiando l’indice di riviste per trovare articoli interessanti è alle nostre spalle. Quando disseminiamo su un blog, possiamo condividere codici, grafici, set di dati, collegamenti ad ulteriori materiali. Su Twitter, dobbiamo affrontare il vincolo dei 140 caratteri, il ché lo rende più difficile. Una buona idea può essere quella di utilizzare una bella visualizzazione, un grafico o una mappa.

  • Account istituzionali ed esterni

Su Twitter, seguo principalmente ricercatori, solo pochi account istituzionali. Per esempio, seguire @HarvardBiz è interessante per ricevere aggiornamenti sul loro blog, e articoli recenti (come usando i feed RSS). Ma la maggior parte qui questi account istituzionali sono basati su regole non-esplicite, e i post o articoli controversi non sono menzionati, anche se sono esperienze interessanti. Recentemente, gli accademici responsabili dell’account Twitter Nature Chemistry hanno analizzato 4 anni d’esperienza passata (in Nature Chemistry (2013)). Tra le lezioni imparate, collettivamente, era menzionato che dato il vincolo dei 140 caratteri, “La chiarezza è una virtù”, una delle cose che effettivamente s’impara da Twitter. Inoltre, menzionavano che è interessante seguire ricercatori importanti all’interno della propria comunità scientifica. Non solo si scoprono informazioni interessanti: quando si seguono gli account personali, si possono conoscere informazioni più personali.

  • L’impatto di Twitter nei processi standard di disseminazione accademica

Un'altra possibile motivazione per i ricercatori di essere attivi su Twitter può essere per la disseminazione. Utilizzare Twitter può aiutare a raggiungere gli altri ricercatori, al difuori delle (piccole) cerchie delle proprie comunità, così come i giornalisti o le persone che lavorano nell’industria e per le organizzazioni governative, perfino politiche. In un vasto studio, Shuai & al. (2012) hanno provato (seguendo 4,600 papers) che i papers menzionati su Twitter sono più scaricati, e maggiormente citati (cfr anche Eysenbach (2011) per conclusioni simili).

Fonti citate

Adams, R. (2013). Blogging in context: Reviewing the academic library blogosphere. (D. 10.1108/EL-05-2012-0054, Éd.) Electronic Library , 31, 664-667.
Ashlin, A., & Ladle, R. (2006). Science communication: Environmental science adrift in the blogosphere. (D. 10.1126/science.1124197, Éd.) Science , 312.
Batts, S., Anthis, N., & Smith, T. (2008). Advancing science through conversations: Bridging the gap between blogs and the academy. (DOI:10.1371/journal.pbio.0060240, Éd.) PLoS Biology .
Bell, S. (2007, 11 1). To Blog Or Not To Blog – That Is An Academic’s Question. 02 01, 2014,http://acrlog.org/2007/11/01/to-blog-or-not-to-blog-that-is-an-academics-question/
Bik, H., & Goldstein, M. (2013). An Introduction to Social Media for Scientists . (D. 10.1371/journal.pbio.1001535, Éd.) PLoS Biol , 11.
Boyd, D., & Ellison, N. (2007). Social network sites: Definition, history and scholarship. (D. 10.1104/pp.64.6.1070, Éd.) J Comput Mediat Commun , 13.
+Brett, J. (1991). The Bureaucratization of Writing: Why so Few Academics are Public Intellectuals. Meanjin , 50, pp. 513-522.
+Carmichael, M. (2010, 07 07). The Little Flaw in the Longevity-Gene Study That Could Be a Big Problem.http://www.newsweek.com/little-flaw-longevity-gene-study-could-be-big-problem-74703
Charpentier, A., Coulmont, B., & Gombin, J. (2014, 02 11). Un homme, deux voix : le vote par procuration. 02 11, 2014, La Vie des idées: http://www.laviedesidees.fr/Un-homme-deux-voix-le-vote-par.html
+Chatterjee, P., & Biswas, T. (2011). Blogs and Twitter in medical publications – too unreliable to quote, or a change waiting to happen? (D. 10.7196/samj.5213., Éd.) South African Medical Journal , 101, 712-714.
Chemistry, N. (2013). All you can tweet. Nature Chemistry , 5.
Cohen, D. (2006, 08 21). Professors, Start Your Blogs. http://www.dancohen.org/2006/08/21/professors-start-your-blogs/ .
+Conole, G. (2007a, 10 20). The nature of academic discourse. 02 01, 2014,  http://e4innovation.com/?p=45
+Conole, G. (2007b, 10 29). The paper vs. blog argument…. 02 01, 2014,  http://e4innovation.com/?p=56
Cottrell, R. (2013, 02 15). Net wisdom.  02 01, 2014, http://www.ft.com/intl/cms/s/2/009050e4-75ea-11e2-9891-00144feabdc0.html
Crane, D. (1989, 02 20). How Scientists Communicate. 02 01, 2014,http://garfield.library.upenn.edu/classics1989/A1989AU43700001.pdf
Emanuel, K. (1986). Nuclear winter: Towards a scientific exercise. Nature , 319.
Esarey, J. (2013, 08 11). Blogs and Academic Tenure. 02 01, 2014, http://politicalmethodology.wordpress.com/2013/08/11/blogs-and-academic-tenure/
Ewins, R. (2005). Who are you? Weblogs and academic identity. . (D. 10.2304/elea.2005.2.4.368, Éd.) E-Learning , 368–377.
+Eysenbach, G. (2011). Can Tweets Predict Citations? Metrics of Social Impact Based on Twitter and Correlation with Traditional Metrics of Scientific Impact. J Med Internet Res , 13.
Fister, B. (2012, 07 12). Serial Scholarship: Blogging as Traditional Academic Practice. 02 01, 2014,http://www.insidehighered.com/blogs/library-babel-fish/serial-scholarship-blogging-traditional-academic-practice
Fitzpatrick, K. (2010). Planned Obsolescence. Information Standards Quarterly , 22, pp. 14-19.
+Fox, J. (2012). Can blogging change how ecologists share ideas? In economics, it already has. (D. 10.4033/iee.2012.5b.15.f, Éd.) Ideas in Ecology and Evolution , 5.
+Gordon, L. (1998, 09). Tenure on Trial. 02 01, 2014,http://news.stanford.edu/stanfordtoday/ed/9809/9809fea201.shtml
Graham, T. (2004). Scholarly Communication . Serials: The Journal for the Serials Community , 13, 3-11.
+Gregg, M. (2009). Blogging from the Ivory Tower Hot-Desk. (D. 10.1177/1354856509342345, Éd.)Convergence , 15, 470-483.
Gregg, M. (2006). Feeling Ordinary: Blogging as conversational scholarship. (DOI: 10.1080/10304310600641604) http://espace.library.uq.edu.au/eserv.php?pid=UQ:7740&dsID=FeelingOrdinary.htm
Grollman, E. (2014, 02 04). Blogging for (a) change. 02 06, 2014,http://conditionallyaccepted.com/2014/02/04/blogging-for-a-change/.
Gu, F., & Widén-Wulff, G. (2010). Scholarly Communication and Possible Changes in the Context of Social Media: a Finnish Case Study. . The Electronic Library , 29, pp. 762-776.
Halavais, A. (2006). Scholarly blogging: Moving towards the visible college. In A. &. J.Jacobs, Uses of Blogs(pp. 117–126). New York: Peter Lang.
Halford, J. (2012, 07 19). No Academic is an Island.http://earlymoderndialogues.wordpress.com/2012/07/19/no-academic-is-an-island/
Halliday, L. (2001). Scholarly communication, scholarly publication and the status of emerging formats.Information Research. , 6.
Herndon, T. (2013, 05 22). The Grad Student Who Took Down Reinhart And Rogoff Explains Why They’re Fundamentally Wrong. 02 01, 2014, Business Insider: http://www.businessinsider.com/herndon-responds-to-reinhart-rogoff-2013-4
Honeycutt, C., & Herring, S. (2009). Beyond Microblogging: Conversation and Collaboration via Twitter.Proceedings of the Forty-Second Hawai’i International Conference on System Sciences .
Horne, D. (2011). Research as a Social Process: Considerations for Academic Libraries. Faculty of Information Quarterly , 3.
+Jenkins, H. (2008, 04 08). Why Academics Should Blog….  02 01, 2014, http://henryjenkins.org/2008/04/why_academics_should_blog.html
Jenkins, R. (2013, 08 08). What’s a Blog Post Worth?  02 01, 2014, http://chronicle.com/blogs/onhiring/whats-a-blog-post-worth/40591
Johnson, S. (1759). The History of Rasselas, Prince of Abissinia.
Jones, K. (2013, 11 20). Should You Blog Anonymously? 02 01, 2014, http://www.blogherald.com/2013/11/20/blog-anonymously/
Jurgenson, N. (2012, 01 23). How Academics Can Become Relevant. 02 01, 2014, http://thesocietypages.org/cyborgology/2012/01/23/how-academics-can-become-relevant/
Kaufman, S. (2007, 11 1). An Enthusiast’s View of Academic Blogs. 02 01, 2014, http://www.insidehighered.com/views/2007/11/01/kaufman
Kirkup, G. (2010). Academic blogging: Academic practice and academic identity. (D. 10.1080/14748460903557803, Éd.) London Review of Education , 8.
+Kolowich, S. (2012, 10 02). The Academic Twitterazzi. 02 01, 2014, http://www.insidehighered.com/news/2012/10/02/scholars-debate-etiquette-live-tweeting-academic-conferences
Kotsko, A. (2007, 11 1). A Skeptic’s Take on Academic Blogs . 02 01, 2014, http://www.insidehighered.com/views/2007/11/01/kotsko
Kotsko, A. (2006, 05 23). On Academic Blogging: A Diagnosis. 02 01, 2014, http://kotsko.blogspot.ca/2006/05/on-academic-blogging-diagnosis.html
Kristof, T. (2014, 02 16). Professors, We Need You!  02 16, 2014, http://www.nytimes.com/2014/02/16/opinion/sunday/kristof-professors-we-need-you.html
Laden, G. (2008, 12 1). Anonymity & Credibility.  02 01, 2014,  http://scienceblogs.com/gregladen/2008/12/01/anonymity-credibility/
Lariv, M. (2013, 01 29). How Blogging Helped Me Write My Dissertation. 02 01, 2014,  http://chronicle.com/article/How-Blogging-Helped-Me-Write/136893/
Leo, C. (2008). Why the academic world needs blogs. 0 2 01, 2014,  http://christopherleo.com/about/why-the-academic-world-needs-blogs/
+Letierce, J., Passant, A., Decker, S., & Breslin, J. (2010). Understanding how twitter is used to spread scientific messages. Web Science Conference,. Raleigh, NC.
Lupton, D. (2012, 05 22). Where are all the sociology blogs? 02 01, 2014, http://simplysociology.wordpress.com/2012/05/22/where-are-all-the-sociology-blogs
Luzón, M. (2006). Research group blogs: sites for self-presentation and collaboration. 5th AELFE Conference. http://www.unizar.es/aelfe2006/ALEFE06/5.newtechnologies/87.pdf.
Luzón, M. (2009). Scholarly Hyperwriting:The Function of Links in Academic Weblogs. (D. 10.1002/asi.20937, Éd.) Journal of the American Society for Information Science and Technology , 60.
+MacArthur, D. (2011, 07 21). Longevity genetics study retracted from Science. 02 01, 2014, http://www.wired.com/wiredscience/2011/07/longevity-genetics-study-retracted-from-science/
Maitzen, R. (2012). Scholarship 2.0: Blogging and/as academic practice. (D. 10.1080/13555502.2012.689502, Éd.) Journal of Victorian Culture , 17.
Maron, N., & Smith, K. (2006, 11 06). Scholarly Communication.  02 01, 2014, http://www.arl.org/sc/models/model-pubs/pubstudy/index.shtml
Marsh, A. (2013, 01 28). The boundaries of academic blogging. 02 01, 2014, http://blogs.lse.ac.uk/impactofsocialsciences/2013/01/28/the-boundaries-of-academic-blogging/
+McMillan Cottom, T. (2012, 09 30). An Idea is a Dangerous Thing to Quarantine #twittergate. 02 01, 2014,http://tressiemc.com/2012/09/30/an-idea-is-a-dangerous-thing-to-quarantine-twittergate/
+Merton, R. (1942). A Note on Science and Democracy. Journal of Legal and Political Sociology , 1, 115-126.
+Mewburn, I., & Thomson, P. (2013). Why do academics blog? An analysis of audiences, purposes and challenges. (D. 10.1080/03075079.2013.835624, Éd.) Studies in Higher Education , 38, 1105-1119 .
Mortensen, T., & Walker, J. (2002). Blogging Thoughts: Personal Publication as an Online Research Tool. In A. Morrison http://possibleworlds.blogs.com/blogsperiment/files/Researching_ICTs_in_context-Ch11-Mortensen-Walker.pdf (Éd.), Research ICTs in Context. University of Olso Press.
Nicolas, D., & Rowlands, I. (2011). Social Media Use in the Research Workflow. Information Sevices and Use, 31, pp. 61-83.
Noel, H. (2013, 08 09). What is tenure for? . 02 01, 2014,http://mischiefsoffaction.blogspot.ca/2013/08/what-is-tenure-for.html
O’Connor, B. (2007, 03 27). Seth Roberts and academic blogging. 02 01, 2014,http://brenocon.com/blog/2007/03/seth-roberts-and-academic-blogging/
+Oreskes, N., & Conway, E. (2011). Merchants of Doubt: How a Handful of Scientists Obscured the Truth on Issues from Tobacco Smoke to Global Warming. Bloomsbury Press.
Park, H., & Thelwall, M. (2006). Web-science communication in the age of globalization. (D. 10.1177/1461444806065660, Éd.) New Media & Society , 629-650.
Parr, C. (2012, 11 1). Blog-standard turn-offs for social media neophytes. 02 1, 2014,http://www.timeshighereducation.co.uk/421669.article
Porst, S. (2003, 04 16). Why weblogs are rarely used to document research (2). 02 01, 2014, mathemagenic: http://blog.mathemagenic.com/2003/04/16.html
Price, D. (1986). Little Science, Big Science… and Beyond. Columbia University Press.
+Priem, J., & Costello, K. (2010, 10 22). How and why scholars cite on Twitter.02 01, 2014,http://jasonpriem.org/self-archived/Priem_Costello_Twitter.pdf
Priem, J., Piwowar, H., & Hemminger, B. (2012, March 20). Altmetrics in the wild: Using social media to explore scholarly impact. arXiv:1203.4745.http://arxiv.org/abs/1203.4745.
+Quiggin, J. (2011a). Economic Blogs. (D. 10.1111/j.1759-3441.2011.00148.x, Éd.) Economic Papers , 30, 437-440.
+Quiggin, J. (2011b.) Economic Blogs and Blog Economics. In A. B. Jacobs, Uses of Blogs.
Reid, A. (2011). On the value of academic blogging . http://alex-reid.net/2011/03/on-the-value-of-academic-blogging.html .
Riesch, H., & Mendel, J. (2014). Science Blogging: Networks, Boundaries and à Limitations. (DOI:10.1080/09505431.2013.801420, Éd.) Science as Culture , 23 (5), pp. 51–72.
Risam, R. (2012, 09 30). Conference Live Tweets: Twitter Good or #Twittergate? 02 01, 2014,http://roopikarisam.com/2012/09/30/conference-live-tweets-twitter-good-or-twittergate/
+Sebastiani, P., & al., e. (2010, 07 01). Genetic signatures of exceptional longevity in humans. Science .
Shema, H., Bar-Ilan, J., & Thelwall. (2012, 05 11). Research Blogs and the Discussion of Scholarly Information . (D. 10.1371/journal.pone.0035869, Éd.) PLOS One .
+Shuai, X., Pepe, A., & Bollen, J. (2012). How the Scientific Community Reacts to Newly Submitted Preprints: Article Downloads, Twitter Mentions, and Citations. DOI: 10.1371/journal.pone.0047523.
Siemens, G. (2007, 10 06). Academic bloggers. 02 01, 2014, on http://www.elearnspace.org/blog/2007/10/06/academic-bloggers/
Silva, L. (2013, 05 12). So You Want to Blog (Academic Edition) . Fromhttp://www.insidehighered.com/blogs/university-venus/so-you-want-blog-academic-edition
Snow, C. (1963). The Two Cultures: a second look. . (C. U. Press., Éd.)
Tenopir, C., Volentine, R., & King, D. (2013). Social media and scholarly reading. (D. 10.1108/OIR-04-2012-0062, Éd.) Online Information Review , 193-216.
Veletsianos, G. (2012). Higher education scholars’ participation and practices on Twitter. (D. 10.1111/j.1365-2729.2011.00449.x, Éd.) Journal of Computer Assisted Learning , 28, 336-349 .
+Wagers, S. (2012, 12 07). Don’t Have Time to Tweet-bollocks! Twitter can even save you time as a scientist.02 01, 2014, http://mendelspod.com/blog/dont-have-time-to-tweet-bollocks
+Walker, J. (2006). Blogging from inside the ivory tower. In A. B. Jacobs, Uses of blogs.
Walker, J. (2009). Weblog. Dans M. K.-L. David Herman, & T. &. Francis (Éd.), Routledge Encyclopedia of Narrative Theory.
Weller, K., & Puschmann, C. (2011). Twitter for scientific communication: How can citations/references be identified and measured? http://journal.webscience.org/500/1/153_​paper.pdf. (Éd.), Web Science Conference, 2011. Germany.
Wilcox, C. (2012). It’s time to e-volve: Taking responsibility for science communication in a digital age. (http://www.biolbull.org/content/222/2/85.full, Éd.) Biological Bulletin , 222, 85-87.
Wilkins, J. (2008). The roles, reasons and restrictions of science blogs. (D. 10.1016/j.tree.2008.05.004, Éd.)Trends Ecol Evol , 23.
Wilkinson, D., Harries, G., Thelwall, M., & Price, E. (2003). Motivations for academic web site interlinking: evidence for the Web as a novel source of information on informal scholarly communication . (D. 10.1177/016555150302900105, Éd.) Journal of Information Science , 29.
Ylijoki, O.-H. (2013). Boundary work between work and life in the high-speed university. (D. 10.1080/03075079.2011.577524, Éd.) Studies in Higher Education , 38, 242-255.
+Ziman, J. (1996). Post-Academic Science: Constructing Knowledge With Netwroks and Norms. Science Studies , 9, 67-80.


Print This Post Print This Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong> <embed style="" type="" id="" height="" width="" src="" object="" allowfullscreen="" allowscriptaccess="" cachebusting="" bgcolor="" quality="" flashvars=""> <iframe width="" height="" frameborder="" scrolling="" marginheight="" marginwidth="" src=""> <object style="" height="" width="" param="" embed=""> <param name="" value="">