Si deve scegliere tra la Storia Medievale e l’Informatica?

Un articolo uscito il 9 giugno 2014 su Key4biz riporta di una vivace reprimenda fatta da Eric Schmidt, presidente di Google, all’Italia, perché incapace di formare i giovani alle nuove tecnologie; ad essa il ministro Franceschini avrebbe così ribattuto: “ogni Paese ha la sua peculiarità, noi magari abbiamo giovani più competenti in storia medievale”.

Andando a leggere l’articolo si capisce meglio il contesto. Il botta e risposta è avvenuto in un confronto pubblico alla Facoltà di Architettura dell’Università La Sapienza di Roma. Da un lato il presidente di Google ha indicato nella mancata preparazione tecnologica una delle forti concause del 46% di disoccupazione giovanile che attualmente colpisce il nostro paese. Dario Franceschini, probabilmente infastidito dalla critica e contrario alla “globalizzazione” che – nel bene e nel male – ha portato la crescita esponenziale di Google, ha voluto sottolineare la nostra differenza culturale, in un modo che fa cadere le braccia dallo sconforto.

“In ogni Paese ci sono vocazioni” ha ribattuto infatti Franceschini, “magari un ragazzo italiano sa meno di informatica ma più di storia medievale e nel mondo questo può essere apprezzato. Un ragazzo italiano ad esempio potrà andare negli Usa a insegnare storia medievale e uno americano potrà venire qui a insegnare informatica”.

Siamo ancora a questo punto, verrebbe da chiedersi? Evidentemente sì. Evidentemente l’anzianità e lo scarso aggiornamento e la pressoché inesistente capacità di aprire la mente al nuovo della nostra classe dirigente fa ancora pensare a un ministro della Repubblica che la tecnologia è una cosa e la cultura (la storia) un’altra.

La risposta del Ministro è ridicola: anche se gli Stati Uniti sono grandi e popolosi Franceschini pensa davvero che ci sia tanta richiesta di esperti di storia medievale (i.e. di cultura umanistica) da coprire una qualsiasi minuscola porzione di quel 46%? Negli USA ci sono ottimi docenti e ricercatori di Storia Medievale, che indubbiamente apprezzano i nostri dottorandi e dottorati, ma che certo non li “richiedono” in massa per soddisfare il bisogno interno. Altra cosa forse dicasi per gli esperti in nuove tecnologie: i partecipanti al master fatto due anni fa a Pisa sulle App hanno quasi tutti firmato un contratto di lavoro prima che il master giungesse a termine, e alcuni con ditte non italiane. Che ciò abbia un qualche significato?

Ma il punto non è questo. È il ragionamento per fronti culturali contrapposti che è assurdo e danneggia oltremodo l’Italia. La tecnologia (le nuove tecnologie digitali nella fattispecie) non è né deve essere contrapposta alla cultura umanistica. Al contrario! Proprio la nostra “specificità culturale”, il fatto cioè di essere tra i paesi che possiedono il più cospicuo patrimonio culturale del pianeta, ci deve far capire che effettivamente la cultura può e deve essere un fronte di investimento per ridurre quel maledetto 46%. Come? Evitando in primo luogo di pensare che la storia medievale sia una cosa e il web un’altra, che un medievista laureato non sia tenuto a sapere cosa sia e soprattutto come funziona una App. Qui e solo qui è il problema.

Giusto per rimanere nel medioevo (che per inciso è “casa mia”), pensiamo davvero che basti possedere un numero sterminato di castelli, se poi noi riusciamo né a valorizzarli, né a renderli banalmente fruibili dal pubblico? Ovviamente no.

Ma allora facciamo il passo successivo e chiediamoci se un laureato in storia medievale, con la preparazione che riceve attualmente, possa essere utilmente assunto da un ente (privato o pubblico) che voglia valorizzare un circuito castrense.

La risposta è no, perché il dottore in Storia Medievale saprà fare una bellissima ricerca su quel circuito castrense, ma non saprà né come pubblicarla su web, né come promuoverla su un social network, né come creare una mostra virtuale per un’eventuale promozione, né come allestire una campagna fotografica per fare la ricostruzione di un castello in 3D, né come geo-referenziare la rete dei castelli, né come attivare un’attività di crowdsourcing per invitare gli abitanti della zona a partecipare alla storia e alla cultura del loro mondo, né… devo proprio continuare? In un mondo digitale un medievista attualmente è un pesce fuor d’acqua, destinato a nuotare in quel 46%.

È la realtà che tocco con mano ormai da 12 anni, da quando sono stata reclutata nel Corso di Laurea di Informatica Umanistica dell’Università di Pisa e ho cominciato a dividere il mio tempo didattico tra gli studenti “umanisti puri” e quelli “informatico-umanisti”. I primi raggiungono, secondo le modalità tradizionali di formazione, una buona – in certi casi ottima – preparazione che li candida nella maggior parte dei casi a un futuro di attesa, frustrazione e disoccupazione; gli altri, con una formazione umanistica “di base”, ma in grado di costruire un sito web dinamico, o di fare una mostra virtuale, o di ricostruire il modello 3D di un castello – trovano impiego più o meno stabile nel giro di uno-due anni.

Non so se Eric Schmidt avesse in mente il modello di Informatica-Umanistica quando criticava l’Italia, forse no, ma so che questo è il campo su cui dovremmo certamente investire, avendo in mente un modello di formazione dei nuovi umanisti che coniughi l’informatica e le scienze umane.

Non è difficile farlo: basta ragionare sui saperi minimi. Ossia dobbiamo chiederci cosa dovrebbe sapere nel settore informatico un laureato triennale in Storia medievale; cosa invece un laureato magistrale? Ad esempio data base, formati digitali, public history, storia digitale nel primo caso; GIS, grafica 3D, filologia digitale, codifica dei testi, progettazione e linguaggio del web, biblioteche digitali nel secondo (a scelta).

Dopo di che dovremmo poi chiederci: come dobbiamo trasmettere queste conoscenze? Dall’alto e in forma separata dai saperi umanistici? Da un lato Dante e dall’altro un database? Da una parte la pergamena e dall’altra la fotografia digitale? O forse è il caso di puntare a forme di insegnamento e di formazione che uniscano i sue mondi nella “lavorazione” di oggetti che implichino entrambe le conoscenze: un database di forme linguistiche dantesche, un programma per l’elaborazione di immagini di manoscritti medievali.

La soluzione c’è, ma manca la volontà e la capacità di farlo, perché la classe docente italiana è vecchia, impreparata e chiusa mentalmente proprio come il nostro ministro. Quando invece è aperta e disponibile, le manca, giustamente, la motivazione necessaria: di fronte al blocco degli scatti stipendiali dal 2010 e a zero euro per la ricerca, come si può pensare che un professore di 60 anni voglia rimettersi in gioco e imparare qualcosa di nuovo?

Il problema dietro un’incomunicabilità profonda, come quella emersa tra Schmidt e Franceschini, è quindi di vaste dimensioni, di una lacuna grave che non sarà semplice colmare. Il primo passo tuttavia è semplice e a costo zero: smettere di pensare che cultura umanistica e informatica siano due mondi separati e distanti. Non si deve scegliere tra la storia medievale e le nuove tecnologie: si devono conoscere entrambe.


Un pensiero su “Si deve scegliere tra la Storia Medievale e l’Informatica?

  1. il tema è di fondamentale importanza per la sopravvivenza della scuola italiana secondo me. Mi batto da anni contro un tipo di scuola che allontana i ragazzi dal piacere di apprendere perché vecchia, superata, scava un solco tra la cattedra e i giovani che ha di fronte. Io sono un “volgare” insegnante di educazione fisica. Quest’anno la mia scuola apre il liceo sportivo ufficiale, dico ufficiale perché quello sperimentale già lo abbiamo da anni. Ma nel liceo sportivo ufficiale le materie sono stabilite dal ministero e una di queste si chiama scienze motorie e sportive e dovrebbe essere teorica. Ho presentato un progetto per insegnare questa materia nella mia scuola. Provocatoriamente nel mio progetto non ci sono libri, quaderni e matite. Farei lezione proiettando film e filmati di youtube, assegnerei i compiti su un gruppo fb chiuso della classe. Assegnerei ricerche a approfondimenti con link del web richiedendo ai ragazzi di fare altrettanto. E’ la mia provocazione nei confronti di una scuola nella quale ci sono ancora insegnanti che dicono che l’intestazione della prova deve avere 4 quadratini di distanza tra il nome dell’allievo e quello della classe oppure che valutano 2 una verifica perché al punto 9 l’allievo ha dimenticato un particolare ininfluente. Una scuola che abbandona per strada il 25 % degli allievi con l’alibi, gravissimo, che tanto “non studiano”. Se non studiano presto fatto, io non li faccio studiare. Ma pensate che passerà il mio progetto? No di certo, nel liceo sportivo andrà il collega tradizionale, quello che fa la lezione frontale e poi li interroga, così si fa per avere la scuola moderna. Ogni anno che passa mi accorgo che c’è un baratro tra gli insegnanti (sempre più vecchi e demotivati) e gli allievi. Nel constatare questo baratro gli insegnanti fanno la scelta peggiore, si irrigidiscono e colpiscono i ragazzi nell’unico modo in cui sono capaci, penalizzandoli con la valutazione. La scuola tradizionale fatta di compiti in classe (verifiche), interrogazioni ma soprattutto lezioni frontali che occupano il 90% del tempo non ha più senso e invece è l’unica che la classe insegnante di oggi sa offrire. Teniamo ragazzi di 1,90 seduti nei banchi per sei ore di fila, gli parliamo (gli parlano) per ore e ore e poi si lamentano che non stanno attenti. La nostra scuola sta al fondo di tutte le graduatorie mondiali ma quando propongo qualcosa di diverso vedo lo sguardo perso dei miei colleghi “che lingua parla”. Il mio è un vero grido di dolore, sono stufo di fare scrutini nei quali vedo liquidare allievi, che per me sono delle persone, con aridi elenchi di voti spesso bassissimi. Bisogna fare qualcosa assolutamente, cambiare la didattica nella scuola italiana, come metodologia e come mentalità.
    Danilo Ramirez

Rispondi a Danilo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *