Il blog entra in Accademia

[Questo vorrebbe essere il primo di una serie di post in cui parleremo di cosa significa scrivere blog in ambito accademico. Vorrebbe essere un modo per orientarsi e per capire meglio come si possono usare questi nuovi strumenti di comunicazione, insieme una guida per il neofita e un modo per riflettere sugli strumenti da parte di chi invece li conosce già.]

Il fenomeno del blogging, tra le varie forme di scrittura online quella che forse ha avuto il maggior successo,1 ha contaminato anche il mondo universitario, dando vita a forme e a modalità di scrittura che stanno cambiando il modo di rendere pubblica la ricerca (e forse anche il modo di farla). Internet, il web e i diversi strumenti di pubblicazione online rendono ormai possibile la condivisione non solo dei risultati finali della ricerca, come avviene da tempo con la stampa di libri ed articoli, ma anche di quelli intermedi, preparatori, che in passato venivano condivisi e discussi principalmente con la partecipazione a conferenze e convegni e che invece adesso possono entrare in una rete di comunicazione molto più vasta, coinvolgendo tutti (o quasi) gli aspetti e i passaggi del processo di ricerca.

Non che ci sia niente di particolarmente sorprendente in questo. In un certo senso il blogging accademico non fa altro che rispecchiare le finalità originarie dei creatori di internet. Una migliore (e maggiore) comunicazione tra ricercatori, come ben sappiamo, era fin dall’inizio lo scopo di Tim Berners-Lee quando ha lanciato l’idea di una rete ipertestuale che rispecchiasse la struttura a ragnatela (il web) del CERN.2 Da allora il web è certo molto cresciuto, è diventato un fenomeno mondiale, non si tratta più di un network ristretto, ma, almeno virtualmente, qualcosa di aperto a tutti (da qui nasce il dibattito molto acceso sull’open source e open data). Ma sopratutto è la natura virtuale dei testi condivisi sul web ha rappresentare la vera novità, il vero elemento che trasforma il lavoro del ricercatore. Il documento elettronico è sempre in movimento, anche quando si condensa o si consolida su uno schermo in realtà continua a scorrere, a muoversi, a trasformarsi, per cui il prodotto sempre di più lascia il posto al processo.

Questo mettere il processo al centro però non significa necessariamente una perdita di controllo sul proprio lavoro o sulla propria scrittura. Anzi, da un certo punto di vista offre opportunità di un controllo maggiore. Il lavoro accademico, infatti, ha sempre generato una massa di documentazione scritta che si trova al di qua del prodotto finito, libro o articolo, e che in genere fino ad oggi rimaneva nascosta nelle carte private di un ricercatore o nei report (nel caso di laboratori o ricerche sul campo). Trasferire questa documentazione in rete ha come prima conseguenza proprio quella di dare una struttura meno idiosincratica a queste annotazioni sparse, di spingere a ripensarle e a riscriverle, come sostiene Arthur Charpentier nel suo blog:

“le blog oblige à restituer avec ses propres mots des choses lues ici ou là.[…] lorsque je blogue sur des sujets pointus, je blogue pour moi. Pour me forcer à assimiler des notions, et à les réécrire.”3

In questo modo si accelera il sorgere di interpretazioni originali e quindi anche di una produzione scientifica di più alto livello.

Il blog non è utile solo come ausilio alla scrittura, però. Permette anche di creare una comunità di ricerca, di stabilire e coltivare contatti e dialogo tra ricercatori, perché, ci ricorda Julian Halford, No Academic is an Island:

“We need to start to form academic blogging communities and working together to create an online community so that blogs can coalesce around each other. We need group blogs that cover a theme that are in turn linked to other group bloggers. We need to get in contact with other bloggers and develop networks between us. By creating better online communities we can help develop links between disciplines and subjects, that in turn can be a catalyst for interdisciplinary discussion.”

Negli Stati Uniti esistono diversi esempi di comunità di ricerca create attraverso i blog, come per esempio Hastac , una “community of connection” che tiene insieme accademici artisti scienziati e tecnici allo scopo di “trasformare il futuro dell’insegnamento” e della ricerca, e Profhacker, un blog collettivo scritto da una decina di insegnanti di Digital Humanities (la maggior parte dei quali, se non tutti, hanno anche un blog personale), Tuttavia mi sembra che che il tentativo finora più ambizioso di collaborazione tra bloggers è stato creato in Europa, proprio con Hypotheses, sia per la sua natura multilingue sia per la quantità e qualità dei blog accademici che la piattaforma ospita. Anche se in termini di visibilità il fenomeno è più sviluppato nel mondo anglosassone, in particolare americano, dove il numero di blog è ormai molto elevato, e lo stesso Chronicle of Higher Education ne sottolineava l’importanza fin dal 2005.

In Italia i blog accademici non sono molti frequenti, e nella maggior parte dei casi sono siti personali che non riescono a creare una rete di comunicazione e di dialogo, rimanendo esperienze interessanti ma abbastanza isolate. Pensiamo per esempio, nel campo dell’informatica umanistica a Infolet, iniziato nel 2000 e ancora attivo, o al più recente DIS.AMB.IGUANDO, un blog per “studiare fare disfare comunicazione”, di Giovanna Cosenza, docente di semiotica dei nuovi media, o a diakrino, dedicato alla storia del mondo classico Non mancano, ma sono eccezioni al momento, tentativi comunitari, come per esempio il blog su un progetto di ricerca in urban studies, sulla trasformazione delle città europee ed asiatiche dopo in 1989, o CriticaLetteraria.org, un blog letterario collettivo aperto nel 2005 e in costante crescita.

Note

1Jill Walker Rettberg, Blogging, 2nd ed. (Cambridge: Polity Press, 2013).

2Paola Castellucci, Dall’ipertesto al web : storia culturale dell’informatica (Roma ; Bari: Laterza, 2009).

3Arthur Charpentier, “Chercher, et Bloguer,” Freakonometrics, March 8, 2013, http://freakonometrics.hypotheses.org/4355.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *