Filologia digitale: problemi e prospettive (Tavola Rotonda)

ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI

CENTRO LINCEO INTERDISCIPLINARE «BENIAMINO SEGRE»

Venerdì 6 giugno 2014
Roma, Palazzo Corsini, Via della Lungara 10
Fino alle ore 10 è possibile l’accesso da Lungotevere della Farnesina, 10

Tavola Rotonda

Filologia digitale: problemi e prospettive

Rappresenta ormai un risultato consolidato nelle discipline umanistiche che la macchina informatica oltre a consentire uno straordinario incremento dell’accessibilità ai testi possa favorire la gestione di alcuni nodi problematici delle procedure tradizionali (non per caso nodi soprattutto “quantitativi”: indici, concordanze, rimarii, ricerca automatica di occorrenze, etc.).

Ma è forse il momento di passare ad una nuova e ulteriore fase, cioè domandarsi se l’utilizzo razionale della macchina, per poter dispiegare tutte le sue potenzialità, non richieda anche l’elaborazione di procedure euristiche del tutto nuove. Ciò comporta la necessità di interrogarsi sul metodo, sui fondamenti, cioè sulle categorie analitiche spesso ricevute e utilizzate passivamente, senza un’adeguata consapevolezza critica; ad esempio: che cosa intendiamo esattamente per ‘testo’? E in cosa consiste esattamente l’edizione? Oppure, perfino: che cosa è esattamente l’alfabeto? E così via. Da questo punto di vista, l’utilizzo dell’informatica appare più come una serie di interrogativi radicali che non come una facilitazione; insomma come una necessaria rivoluzione teorica prima ancora di essere una comoda rivoluzione tecnologica.

Può essere particolarmente produttivo porsi questi problemi a partire da una concreta pratica filologica, cioè dal lavoro di edizione di un testo illustre (lo Zibaldone Laurenziano autografo del Boccaccio); in particolare questo lavoro può e vuole giovarsi di alcune preziose intuizioni e anticipazioni della nostra migliore tradizione filologica e intende misurarsi con i suoi risultati.

9,45 Indirizzi di saluto del Direttore del Centro Linceo Interdisciplinare “Beniamino Segre”, Tito ORLANDI e apertura dei lavori

10,00 Raul MORDENTI (Centro Linceo Interdisciplinare “Beniamino Segre”, Università di Roma “Tor Vergata” – Introduzione: proposte di procedure ecdotiche computazionali (a partire dal lavoro di edizione dello Zibaldone Laurenziano di Giovanni Boccaccio)

10,45 Discussione

11,15 Intervallo

11,30 Interventi di:
Attilio BARTOLI LANGELI (Istituto Storico Italiano per il Medio Evo) Marco CURSI (Sapienza, Università di Roma)
Paolo MASTRANDREA (Università Ca’Foscari, Venezia)
Ilaria BONINCONTRO (Centro Linceo)
Domenico FIORMONTE (Università di Roma Tre)
Paolo MONELLA (Università di Palermo)

13,00 Discussione
Per informazioni: cevangelista@lincei.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *